26 giu 2017

Sono nata il ventuno a primavera. Diario e nuove poesie eBook: Merini Alda: Amazon.it: Kindle Store

"Le prime volte che venivo a trovare Alda, son passati diversi anni, mi
guardavo intorno nella stanza di ricevimento tinello libreria deposito
di quadri, col televisore e il riscaldamento perennemente accesi e
sorridevo del disordine, dell'affastellamento; poi via via ho capito che
quella stanza è come la poesia di Alda: vive di accumulo, aggiungendo
immagine ad a immmagine, oggetto ad oggetto, con una semplicità ed una
innocenza che riscattano e sublimano qualunque esperienza come qualunque
disordine.La stanza si costituisce anche per sottrazione: Alda è
generosa, non ti lascia andar via senza donarti qualcosa: un libro, una
fotografia, un cappello ecuadoregno, oppure una poesia o una esecuzione
al pianoforte."
Piero Manni