28 mag 2013

Come aumentare i guadagni riducendo gli sprechi con il corso "Azzerare gli Sprechi Aziendali"



Vuoi generare guadagno nel minor tempo possibile per permettere alla tua azienda di continuare ad investire e crescere nel tempo?

Per poter raggiungere questo obiettivi, è indispensabile un sistema di produzione che è anche una forma mentale di gestione. Con il corso Azzerare gli Sprechi Aziendali riuscirai ad applicare un modello che interviene nell'abbattimento dei costi, eliminando gli sprechi tramite un miglioramento continuo dell’efficienza aziendale.

Questo corso ti rende in grado di affrontare i principali sprechi all'interno dell'azienda, trasformandoli in attività di valore. Apprenderai una metodologia di miglioramento delle performance dei processi ottenendo i seguenti benefici:
  • riduzione degli sprechi nel processo produttivo
  • ottimizzazione dei tempi di processo
  • mantenimento della qualità

27 mag 2013

Angeli, Zanzare e Castelli - Domande spiazzanti e pensieri illuminanti di un bambino sindaco


Angeli, Zanzare e Castelli - Domande spiazzanti e pensieri illuminanti di un bambino sindaco
Il libro è disponibile su il giardino dei libri


Un bambino come guida spirituale - Un libro unico nel suo genere, annunciato con entusiasmo da grandi autori come Massimo Gramellini, Igor Sibaldi,  Salvatore Brizzi, Giancalu Magi e Claudia Rainville

Le parole dei bambini contengono saggezza e questo libro riflette lo stupore di un adulto nell'apprendere dai pensieri espressi da un bambino di sei anni.

Riccardo Geminiani in queste conversazioni ribalta perfettamente i ruoli di allievo e maestro raccomandandoti di fare altrettanto.

Questi suoi aforismi sono le sue rappresentazioni, c'e' solo da farne tesoro e poi meravigliarsi che sia realmente avvenuto. Molti rinomati autori tra cui Gramellini, Sibaldi, Brizzi e la Rainville ne sono rimasti entusiasti ed hanno contribuito alla realizzazione del libro.



Learn more about movers in dc washington-dcmovers at www.washington-dcmovers.com

25 mag 2013

13 modi per arrivare in forma all'estate grazie al corso "Allenarsi senza Attrezzi"


Allenarsi senza Attrezzi

Se durante l’inverno non ti sei preoccupato della tua linea, non disperare! Con un sano allenamento fisico e una corretta alimentazione puoi rimediare anche ora, e senza rinchiuderti in una palestra!

La buona notizia infatti e' che per svolgere un'attività fisica benefica non occorrono palestre, ti basta il tuo corpo! Basta conoscere gli esercizi giusti, e grazie al corso "Allenarsi senza Attrezzi", apprenderai le strategie motivazionali per riuscire a portare a termine il tuo nuovo programma sportivo.

Nessun miracolo, ma 13 esercizi per trasformare il tuo corpo in una macchina brucia grassi.

Benefici:

  • Puoi allenarti ovunque
  • Puoi lavorare su più obiettivi variando tipologia o intensità
  • E' economico
  • Puoi gestire la coordinazione limitando il rischio di infortuni.
  • Questa è la tua occasione!

23 mag 2013

Come incantare con le parole con il corso "I Segreti per Parlare in Pubblico"



Come incantare con le parole

Vuoi cominciare a fare qualcosa per migliorare la tua autostima e di conseguenza la tua immagine personale? A prescindere dal tipo di lavoro, chiunque dovrebbe avere un serio interesse nella costruzione della propria autostima godendo dei vantaggi di parlare con fiducia e motivazione.

Grazie al corso I Segreti per Parlare in Pubblico avrai gli strumenti ideali per conquistare la fiducia di parlare in pubblico. E' un corso incredibilmente potente, una straordinaria guida per vedere aumentare la propria fiducia in se stessi, tenendo il pubblico incantato di fronte alle proprie parole.

Potresti sempre stare nell'ombra di persone che conquistano solo con le parole attirando l'attenzione degli altri, ma se invece hai deciso di cominciare ad superare la tua paura di affrontare un pubblico, ti consiglio questo corso.

Puoi cambiare le cose da subito, ecco i benefici che otterrai semplicemente parlando meglio:
  • - Maggiore autostima e rispetto di te stesso 
  • - Nuova percezione di te stesso davanti a un pubblico 
  • - Maggiore capacità di convincere e vendere
  • - Nuove opportunità di business 
  • - Migliori relazioni di lavoro e private 
  • - Maggiore fascino davanti alla gente

22 mag 2013

Supera le tue Paure con la saggezza Zen

Supera le tue Paure con la saggezza Zen
Il libro è disponibile su Mcrolibrarsi.it

I cambiamenti e la sensazione di poter perdere le certezze sono causa di blocchi psicologici e di vere e proprie paure. Thich Nath Hanh rivela qui come è possibile raggiungere una preparazione mentale, una saggezza e una sicurezza interiore in grado di resistere a qualsiasi situazione di difficoltà.

La filosofia di Hanh nasce da una vita spesa a favore della Pace, in contesti pericolosi come la Guerra del Vietnam, e a fianco di uomini importanti e coraggiosi come Martin Luther King.

In questo libro il monaco raccoglie tutta la saggezza del buddhismo Zen, le tecniche di respirazione, i segreti dell'autocontrollo e ne ricava un metodo completo per la gestione degli stress quotidiani e delle paure. Indicato e indispensabile per superare un periodo di crisi o incertezza e porre le basi per affrontare e diventare più sicuri e fiduciosi.


21 mag 2013

Consiglio sullo studio: la regola delle 3C... prima parte


Consiglio sullo studio: la regola delle 3C... prima parte


Ci sono alcune importanti indicazioni da seguire che possono aiutare a migliorare notevolmente l'efficienza e la qualità dello studio. Noi  l'abbiamo chiamata la regola delle 3C. Ecco il significato della prima C.

CALMA: Il mondo scolastico e universitario attirano una grande quantità di emozioni.
A volte si tratta di emozioni positive ma per la maggior parte parliamo di emozioni negative che spesso compromettono la buona riuscita negli studi. C'è chi si agita per gli esami o per le interrogazioni, chi non vuole deludere i genitori, chi deve sempre fare tutto alla perfezione, chi affida tutta la propria autostima al voto ottenuto all'esame o all'interrogazione, chi ha continuamente paura di sbagliare e quindi si agita per ogni piccola cosa, chi ha paura di non farcela e quindi parte demotivato o rassegnato ecc...

Quindi prima di tutto CALMA.

Mantenere il controllo delle proprie emozioni è un aspetto fondamentale.
Questo ovviamente significa che devi lavorare un po' su di te per iniziare a cambiare le cose.
Innanzitutto è importante che inizi a guardare lo studio da una certa distanza. Riuscire o meno ad un esame non è la fine del mondo e la tua autostima non deve dipendere dal voto che prendi.
Fai ciò che devi fare ma cerca di non metterti sotto pressione.
Impara a considerare lo studio da una prospettiva più ampia; se tu studi con impegno i risultati arrivano di conseguenza. Certo può capitare un periodo difficile, ma il tempo ti darà sempre ragione.

In secondo luogo è importante non farsi trascinare dal vortice di emozioni che ti gira attorno.
Compagni, amici, genitori e parenti genereranno attorno a te senza volerlo una grande quantità di emozioni e di tensione. Il tuo compito principale è quindi innanzitutto quello di mantenere la calma e di imparare a non farti influenzare da tutto ciò che ti circonda. Mantieni il focus su te stesso e sui tuoi obiettivi e guarda avanti.

Cerca di circondarti di persone positive e stai lontano da chi crea inutili tensioni o preoccupazioni. Imparare a mantenere calma e tranquillità è il primo passo fondamentale e questo deve diventare il tuo obiettivo principale al di là di ogni altra considerazione sullo studio. Scritto da: Studiarefacile.it


Come proteggere il tuo patrimonio con il corso "Protezione del Patrimonio"


proteggere il tuo patrimonio

Sai come proteggere il tuo patrimonio, mettendolo al riparo dagli attacchi esterni?

Svolgendo un'attività professionale può succedere di rischiare di perdere i propri beni.

Il corso "Protezione del Patrimonio" ti aiuta a trovare tutte le strategie per eliminare o limitare i rischi per il tuo patrimonio.

L'esperienza insegna che esiste il rischio di perdere ciò che si è costruito in anni di lavoro, mettendo a repentaglio la sopravvivenza dell'impresa e il patrimonio personale.

Con il parere indipendente e professionale di Antonio Volanti, sarai in grado di creare una sorta di cassaforte legale proteggendo i tuoi beni.

In particolare, il corso multimediale Protezione del Patrimonio è stato pensato per te vuoi sapere come utilizzare i potenti strumenti legali che ti consentiranno di separare il tuo patrimonio personale da tutto il resto, evitando di mettere in pericolo i tuoi beni.





20 mag 2013

Come avere un nuovo stile di vita


Come avere un nuovo stile di vita

Il benessere è un appagante stato di armonia fra il corpo e la mente, è la ricerca della migliore condizione di vita possibile. Se stai cercando il tuo equilibrio, puoi seguirne gli aspetti fondamentali grazie al ebook "Wellness Olistico" .

Se senti l’esigenza di dare voce al tuo corpo, di ascoltarti sentendoti vivere, questo corso è per te, perché offre preziose informazioni su come raggiungere e mantenere giorno dopo giorno il tuo benessere fisico e mentale.

Apprenderai un nuovo stile di vita, saprai scegliere consapevolmente di vivere bene arrivando a migliorare tutti gli aspetti del tuo essere. Capirai che essere in salute è un bene prezioso, e tu sei l’unico responsabile del tuo benessere.

Imparerai a conoscere e sfruttare le potenzialità della tua mente liberandoti dalle convinzioni limitanti che ti impediscono di arrivare al successo. Sei pronto ad agire senza rimandare a domani? Questa è la tua occasione!




Come raggiungere i tuoi obiettivi


Come raggiungere i tuoi obiettivi

Immagina di poter disegnare la vita che desideri abbattendo le tue convinzioni limitanti e programmando l’inconscio verso il tuo obiettivo. Se sei in grado di immaginarlo, sei anche in grado di farlo.

Scoprirai i segreti per raggiungere il tuo obiettivo imparando a considerare la tua mente come un alleato. Il tuo inconscio sara' per te una forza potente che ti porterà dove desideri.

Impara i metodi per esprimere il tuo potenziale inespresso superando i limiti autoimposti. Sei tu l’artefice del tuo destino, tu che devi muoverti per far sì che i tuoi sogni si realizzino creandoti le opportunità senza aspettare che succeda "qualcuno" faccia accadere "qualcosa".

La tua realtà interiore influisce su quella esteriore: ridisegnala vivendo il presente senza subirlo passivamente. Se vuoi far cadere i limiti che ti separano dall'eccellenza diventando così leader della tua vita, questa è la tua occasione!

Ebook consigliato
"Manager della Mente" Come Indirizzare la Forza del Tuo Inconscio verso il Raggiungimento di Tutti i Tuoi Obiettivi. Corso di Formazione Digitale


19 mag 2013

Non Devi Essere un Pit Bull Per aumentare il tuo reddito - Blair Singer

Non Devi Essere un Pit Bull
Il libro è disponibile su il Giardino dei Libri

Vorresti essere un cane da vendita?! Sfruttando una azzeccata metafora canina.
Blair Singer trasmette la sua esperienza e va dritto al punto: non esistono leader che non siano in grado di convincere, persuadere, influenzare... in una parola:  di vendere!

Bestseller internazionale, il libro di Blair Singer ha saputo ispirare i titolari di piccole imprese, venditori e imprenditori di tutto il mondo con il suo messaggio chiaro: la differenza tra possedere una "Idea da un Milione di Dollari" e possedere realmente un milione di dollari consiste nella tua capacita' di vendere la tua idea, il tuo concetto, servizio o prodotto.

Che tu sia alla ricerca di un lavoro, alla guida di una grande squadra, che tu venda i tuoi servizi... la vendita e' la tua capacità numero uno.


Morendo Ho Ritrovato Me Stessa - Anita Moorjani

Morendo Ho Ritrovato Me Stessa - Anita Moorjani
Il libro e disponibile su il giardino dei libri

Si dice che ogni libro contiene qualcosa di speciale…
ma quello di cui ti parlo oggi è particolarmente toccante: è la storia vera di una donna ammalata gravemente che, dopo avere vissuto una esperienza di premorte, è tornata alla vita risolvendo la causa della sua malattia ed è guarita.

Anita, questo è il suo nome, poteva scegliere se restare o tornare.
Ha "scelto di tornare" per raccontarci la sua esperienza e dare la risposta alla domanda che bene o male tutti ci poniamo: "ma cosa ci sarà mai in quello che definiamo "Paradiso"?
E' una di quelle grandi domande a cui è difficile trovare risposta.
Secondo Anita Moorjani il paradiso è uno stato mentale.

Il primo personaggio rimasto folgorato dalla storia di Anita è stato Wayne Dyer.
Rimase così colpito dalla sua storia che ha fatto pubblicare il suo libro da Hay House rendendolo un best seller mondiale.

Leggi la prefazione di Dyer qui . 

Ho conosciuto personalmente Anita a Londra l'anno scorso.
Ho assistito alla conferenza che ha tenuto dentro.. una chiesa! In centro a Londra (te lo immagini?!). Piccadilly Church (nel cuore di Londra, Piccadilly Circus) era gremita di gente. Tutti sono rimasti a bocca aperta, a fine relazione avevamo la pelle d'oca.
Se ti senti pronto a ricevere queste informazioni, ti consiglio vivamente la lettura di questo libro, che ti riscalderà il cuore.
E' un libro illuminante, pieno di speranza e positività. Anita condivide con grande ispirazione tutto quello che ha imparato sulla malattia, sulla guarigione, sulla paura, sull'amore e sulla potenziale grandezza riposta in ciascuno di noi.

Ho trascorso del tempo con Anita e ho sentito una persona vera, con un "sincero" desiderio di condividere un messaggio di speranza.
"Morendo ho ritrovato me stessa" è un libro illuminato e illuminante. A me è piaciuto davvero tanto. Mi auguro piaccia anche a te (poi fammi sapere cosa ne pensi!).
Anita ama così tanto gli italiani che ha scritto una prefazione "in esclusiva" per noi: leggila qui .

Ha anche filmato uno speciale videomessaggio rivolto agli italiani: guardalo qui .



Scarica subito l'Ebook gratuito con un estratto del libro che trovi nel box sotto e leggendo il testo capirai perché te ne sto parlando con tanto calore…

AUTRICE

Anita Moorjani


Anita Moorjani è nata a Singapore da genitori indiani, si è trasferita a Hong Kong all'età di due anni e lì ha vissuto per gran parte della sua vita.

Per via della sua formazione e istruzione britannica, conosce più lingue ed è cresciuta parlando contemporaneamente inglese, cantonese e un dialetto indiano. In seguito ha imparato il francese a scuola.

Anita ha lavorato in ambito aziendale per diversi anni prima che le fosse diagnosticato il cancro nell'aprile del 2002. La sua affascinante e commovente esperienza di premorte all'inizio del 2006 ha cambiato sensibilmente il suo punto di vista sulla vita, e il suo lavoro ora è connesso con le intuizioni e rivelazioni che ha ricevuto mentre si trovava nell'altra dimensione.

Come conseguenza della sua esperienza di premorte, spesso Anita viene invitata a parlare alle conferenze e agli eventi in tutto il mondo per condividere le sue intuizioni. È anche ospite assidua al dipartimento di scienze comportamentali dell’Università di Hong Kong, dove parla di argomenti quali la gestione delle malattie terminali, la morte e l’aspetto psicologico delle credenze spirituali.

Anita incarna la verità in base alla quale tutti noi abbiamo dentro il potere e la saggezza per superare persino le situazioni più difficili della vita, e lei ne è la prova vivente. Anita attualmente vive a Hong Kong con il marito, e quando non viaggia o parla alle conferenze, lavora come consulente interculturale per aziende multinazionali nella sua città.

9 mag 2013

Come aiutare gli animali in primavera

In primavera gli animali piccoli e grandi che durante l’inverno sono stati in letargo escono timidamente dalle tane, spesso però con effetti nefasti per incidenti in cui incorrono. Oltre a loro, ritornano anche volatili come le rondini, per questo vi consiglio di leggere l’ebook “Uccelli” di Pierandrea Brichetti, per imparare a conoscerli e rispettarli.

Come aiutare gli animali in primavera


Non abbattete i nidi di rondine. In questi ultimi anni le rondini sono state una specie a rischio e si vedevano sempre meno nei cieli del nostro Paese. Attualmente le cose vanno un po’ meglio, ma per aiutare questi uccelli a far crescere i loro piccoli è essenziale che trovino luoghi adatti per fare il nido. Se abitate in campagna o montagna, potrebbe essere dentro o fuori una cascina o un maso, a seconda delle loro esigenze, se sono in città possono cercare sui cornicioni. L’importante è non abbattere i nidi delle rondini, altrimenti non potranno deporre le uova e far nascere i piccoli. È vero, mentre costruiscono il nido sporcano portando in giro pagliuzze e fango con cui impastano il nido e poi saranno i piccoli a sporcare, ma in fondo si tratta di mettere qualche giornale e aspettare il tempo necessario ai nuovi nati perché imparino a volare. I nidi sono insomma essenziali affinché le rondini possano continuare a popolare i nostri cieli.


Un altro animale che si risveglia in questo periodo è il riccio. Dopo un lungo periodo di letargo questi animaletti devono imparare ad orientarsi e possono spingersi per questo in luoghi pericolosi. Se li vedete, ad esempio in prossimità delle strade, aiutateli. L’unica è spostarli in un luogo sicuro, anche se gli aculei pungono. O avete a portata di mano dei guanti oppure avvicinatevi con lentezza per non spaventare ulteriormente il riccio, che appena vi vedrà si appallottolerà tutto. Sollevatelo tenendolo da sotto con molta cautela e depositatelo in un luogo sicuro come un prato o un bosco, purché sia lontano dalla strada. Assicuratevi anche che sia solo. Alcune volte se ne vedono più d’uno insieme, per cui eventualmente soccorrete anche gli altri.

In generale, se vedete per strada un animale ferito, avvisate subito chi di dovere, come la Forestale. Soccorrere gli animali feriti (siano domestici siano invece selvatici) è un dovere sia morale sia sancito dalla legge, per cui non tirate dritto. Se vi avvicinate fatelo con cautela, specialmente gli animali selvatici in queste circostanze sono terrorizzati e la vista dell’uomo li spaventa ancora di più.

Non uccidete gli insetti. Si risvegliano anche loro, di tutti i tipi. Vi arrivano in casa, s’intrufolano dappertutto? Non uccideteli, prendete la paletta che usate per spazzare casa e metteteli lì dentro, quindi portateli sul balcone o comunque fuori casa. Non costa nulla e loro potranno vivere, inoltre gli insetti sono importanti per garantire la biodiversità dell’ambiente e per il loro ruolo nel portare in giro pollini e semi di fiori e piante, in modo che ne crescano altri. Se li trovate riversi sottosopra, aiutateli a girarsi o moriranno. Quando si trovano in questa posizione difficilmente riescono a girarsi nel verso giusto, per cui date una mano anche in questo senso.


ebook “Uccelli” di Pierandrea Brichetti, per imparare a conoscerli e rispettarli.

8 mag 2013

Come crearvi tutt’un’altra vita

Oggi vi propongo un videocorso in dvd “Tutta un’altra vita con la mappa della visione” curato da Lucia Giovannini e Nicola Riva, per iniziare ad avere la vita che volete. Ormai proliferano libri, cd e dvd che parlano di questo, ma avendo letto Tutt’un’altra vita vi assicuro che si tratta di uno strumento valido.


non ci sono formule magiche. Il libro-il videocorso è legato a quello- mette in chiaro che non ci sono magie che altri possono fare per noi affinché la vita diventi migliore, diventi anzi la vita che abbiamo sempre voluto vivere. Non si può cambiare in un giorno, ci vuole impegno, ma anche la capacità di risvegliare le emozioni, di non vedere sempre tutto nero, come se tutto l’Universo complottasse contro di noi.


La mappa della visione. Questa mappa vi aiuta a capire cosa volete ottenere dalla vita. Credo sia ottima per due motivi:

  • Il primo è che normalmente tendiamo a focalizzarci su un unico aspetto della nostra vita, ovviamente e purtroppo su quello che va male, o che va meno bene degli altri. La mappa ci fa prendere coscienza che, invece, la nostra vita è fatta di tanti “settori” che comprendono affetti, hobby, crescita personale e molto altro. Insomma, siamo la summa di tutte queste cose insieme;
  • Il secondo perché ci aiuta a fissare i nostri obiettivi e a tenerli sempre a portata di mano, così da aiutarci a focalizzarci sulle mete che intendiamo raggiungere.


La mappa si può fare con un semplice foglio di carta, ad esempio creando un cerchio e suddividendolo a spicchi, scrivendo per ognuno un titolo come amore, lavoro, tempo libero, crescita personale, impegno sociale, salute e altro. Ogni spicchio poi conterrà cosa volete ottenere, non solo ora ma per la vostra vita.


L’importanza degli obiettivi intermedi. Tutt’un’altra vita parla della necessità di porsi obiettivi intermedi, altrimenti il rischio è di incappare in delusioni e poi di lasciar perdere. Pere esempio se volete una promozione sul lavoro, ci saranno diversi passi per arrivarci, scriveteli e premiatevi quando li raggiungete.


Sì, ma a cosa serve la mappa? La vostra mappa personale, creata da voi, dovrete vederla, leggerla e sentirla anche con le emozioni durante il giorno. Questo vi aiuterà a rimanere concentrati su cosa volete davvero e vi spronerà a raggiungere ciò che volete. L’importanza della focalizzazione è nota, così come lo è quello della visualizzazione. Immaginare con la mente di aver già raggiunto i nostri obiettivi è basilare e fa anche star bene, perché ci proietta in un futuro che possiamo creare noi stessi.


Passare all’azione. Va bene scrivere gli obiettivi, visualizzare eccetera ma poi si deve sempre passare all’azione, al fare. Cogliete le opportunità, createle voi stessi, insomma agite. Riallacciate rapporti interpersonali, fate il primo passo, mettete le scarpe da fitness e iniziate a rimettervi in forma, cercate i modi per guadagnare di più, fate le attività che non svolgete da tanto nel vostro tempo libero.


Ovviamente, per alcuni obiettivi il tempo necessario per il raggiungimento sarà più breve, per altri più lungo. Per alcuni può essere questione di mesi, per altri di anni. L’importante è avere chiara la direzione, essere motivati, pensare di meritarsi le cose e agire per costruire la vita come l’abbiamo disegnata sulla mappa.

Lara Zavatteri

7 mag 2013

Come prendersi cura di un cane di 9-10 mesi

Come prendersi cura di un cane di 9-10 mesi

Se avete un cane in casa che ha raggiunto quest’età, avrete notato alcune differenze di comportamento. Vi consiglio a questo proposito di leggere il libro "Cani felici" di Liz Dalby e Helen Dennis.


Come prendersi cura di un cane di 9-10 mesi

Finalmente un po’ di calma. Dopo il terremoto dei primi mesi, il cane è più tranquillo. Non allarmatevi, non ha nulla che non va, solo che crescendo ha dei momenti di ozio più frequenti e quindi risulta essere più tranquillo di prima. Anche se è ancora un cucciolo, non è scatenato come all’inizio.

Mangia meno. All’inizio e per diversi mesi, può darsi che il vostro cane sia stato molto vorace e non vedesse l’ora di mangiare. A quest’età invece cominciano a mangiare meno, se prima mangiava tre volte al giorno (colazione, pranzo e cena) ora può darsi che non abbia fame a pranzo. Man mano che crescono tendono a mangiare meno, per cui è normale. Può anche darsi che la sera non si avventino sulla ciotola, come facevano invece all’inizio, ma trascorra del tempo prima che si decidano a finire il contenuto della ciotola. Anche qui, nessun problema. Il cane comincia a mangiare quando ha fame, non più appena mettete per terra la ciotola, inoltre con il cambio di stagione sente anche che le giornate sono più lunghe e tende ad aspettare il momento giusto per mangiare.

L’acqua che passione. Se per la neve i cani impazziscono, amano molto anche l’acqua. Con l’arrivo della bella stagione e soprattutto i cani a pelo lungo, che soffrono maggiormente il caldo, cercano corsi d’acqua per entrarci, a volte anche completamente. Abbiate pazienza, per loro il caldo è difficile da sopportare e questo è un modo per combatterlo. Basterà asciugarlo bene una volta arrivati a casa.

Tutto è una scoperta. Se sono nati in autunno, non hanno mai visto la primavera perciò non stupitevi se, quando lo portate a passeggio, notate che si ferma ad osservare fiori, insetti o ad annusare odori. Per lui tutto è nuovo e curioso com’è deve vedere sempre di cosa si tratta.

Occhio alle zecche. Con la primavera ricompaiono anche le zecche che il cane può trovarsi addosso per essersi rotolato nell’erba. Per toglierle non usate nulla che potrebbe arrecare prurito o fastidio al cane, prendete solo dell’ovatta imbevuta d’olio e premetelo lì dove la zecca è attaccata. L’olio le impedirà di respirare e sarà costretta a mollare la presa, così potrete toglierla senza problemi e anche la pelle del vostro cane non ne avrà risentito.

Non fatevi ingannare. Anche se il cane è più tranquillo, rimane sempre un cucciolo. Se in precedenza vi ha rosicchiato divani o tappeti, non cedete all’impulso di comprare un copridivano o addirittura un divano nuovo, aspettate ancora qualche mese. Infatti anche se con meno frequenza il vostro cane continuerà a mordere questi oggetti, per cui sarebbe assurdo cambiarli per vederli rovinati in poco tempo. Aspettate che diventi più grande per questo genere di migliorie.

Un posticino tutto per sé. A volte i cani di quest’età gironzolano per casa cercando un posto tutto per loro. Può essere un posticino tranquillo e fresco, specie nelle giornate più torride, o un posto per nascondere i suoi oggetti preferiti (giocattoli, ossi di gomma ecc...). Preparate il suo posto con cura, eventualmente togliendo oggetti che potrebbero dargli fastidio o rompersi. Cerca solo un po’ di privacy.

Lara Zavatteri



6 mag 2013

Libri: Attualità e temi sociali

Un ampia selezione di Libri su attualità, ecologia ed economia: uno sguardo profondo alla nostra società e alle tematiche che spesso si vogliono ignorare! Tanti punti di vista per riuscire a ragionare con la nostra testa.


Libri: Paranormale

Un'ampia selezione di Libri sui misteri, le cose nascoste, gli spiriti, i medium, gli ufo, gli alieni e l'ignoto in genere.

Libri: Alimentazione naturale

Un'ampia selezione di libri su Alimentazione naturale.


Come smaltire la spazzatura emotiva

La spazzatura emotiva è tutto ciò che ci danneggia, ci frena, ci impedisce di andare avanti. Per liberarsene vi suggerisco il libro “Smaltire la spazzatura emotiva” di David J. Pollay.

Come smaltire la spazzatura emotiva


Perché farlo. Buttare via la spazzatura emotiva è utile per voi stessi, per migliorare la vostra vita e quella degli altri, per avere una vita migliore e anche per ritrovare ogni giorno qualcosa di cui gioire.


Non fatevi coinvolgere troppo. Che siano amici, familiari, conoscenti, colleghi di lavoro, ci sono molte persone che sono capaci di parlare per ore dei loro problemi scaricandoli addosso agli altri. Per loro è quasi una liberazione perché condividono le loro pene, ma per chi ascolta dopo un po’ diventa una tortura, sembra quasi di dover portare il fardello degli altri sulla propria schiena.


Ascoltate ma con dei limiti. Va bene ascoltare le persone che avete intorno (solo quelle a cui tenete veramente) e se potete/ volete cercare di aiutarle anche solo confortandole, ma non lasciatevi trascinare in discussioni che non terminano più, di solito un monologo da parte dell’altra persona nei vostri confronti. Dopo un po’ infatti possono scattare due comportamenti: da un lato non ne potete più ma per educazione non sapete come fermare il fiume di parole dell’altra persona, dall’altro siete magari portati a risolvere e farvi carico dei problemi altrui.


C’è anche chi sopporta ore di telefonate per non sembrare maleducata e intanto è costretta a sorbirsi lamentele a non finire. Dateci un taglio, per prima cosa. Inventatevi una scusa, dite che avete solo dieci minuti di tempo perché poi avete un impegno. Non occorre essere sgarbati, ma intanto metterete un freno a lunghe recriminazioni da parte dell’altra persona. Se così facendo vi accusano di non avere mai tempo per gli altri, ricordate all’interessato/a quante volte siete state ad ascoltare. Alcune persone potrebbero reagire con insofferenza di fronte alle vostre parole, ma in fondo state solo dicendo la verità.


Non addossatevi i problemi altrui. Date una mano se volete, ma non potete risolvere i vostri problemi e anche quelli di tutti coloro che si sfogano con voi. Se siete troppo altruisti, ponetevi questa domanda prima di agire: quante volte io ho ricevuto aiuto da questa persona? Quante volte mi ha ascoltata nel momento del bisogno? Quante volte mi ha aiutata impegnandosi in prima persona? La maggior parte delle volte vi accorgerete che avete ricevuto poco o niente perché il dare e avere tra le due persone è quasi sempre sbilanciato: una dà tutta se stessa, l’altra è capace solo di ricevere.


Aiutate chi vi aiuta, chi veramente sta dalla vostra parte, vi incoraggia e vi sostiene anche nei momenti più brutti. Se necessario, tagliate i ponti con quelle persone che hanno ricevuto troppo da voi, senza meritarselo. Sarà un po’ come togliersi un peso e potrete concentrarvi su voi stessi e sulle persone che davvero lo meritano.


Se siete invece le persone dall’altra parte, cioè quelle che normalmente buttano addosso agli altri i loro problemi, riflettete su quanto ho scritto. Imparate a gestirvi meglio o potreste ritrovarvi soli. Imparate anche a dare, oltre che a ricevere, a ringraziare chi vi ha porto la mano.

Lara Zavatteri




3 mag 2013

Come leggere un libro per tutte le donne in difficoltà in una relazione

Oggi mi rivolgo alle donne che leggono questo blog proponendovi un libro, si tratta di “Lettere di donne che amano troppo” di Robin Norwood, un libro che pur non essendo nuovo (è del 1995) è più attuale che mai e lo sarà sempre e segue il successo editoriale del libro della stessa autrice “Donne che amano troppo”.

Come leggere un libro per tutte le donne in difficoltà in una relazione

Il primo libro, come suggerisce il titolo, raccoglie lettere di donne che dopo aver letto Donne che amano troppo si sono riconosciute in esso, hanno ritrovato nelle pagine la propria vita e il loro modo di considerare gli uomini e le relazioni con essi. Le lettere (alcune) sono qui raccolte a testimonianza di come le donne caschino spesso negli stessi tranelli.


Perché Donne che amano troppo. Quando l’autrice scrisse questo libro, voleva riassumere quei comportamenti che le donne a volte e purtroppo spesso assumono di fronte ad una relazione. Quando c’è qualcosa che non va e non vogliono vedere, oppure quando tentano di cambiare l’altro, o quando si trasformano in crocerossine della persona che hanno accanto, o quando sopportano tutto appunto perché amano troppo.


Il libro e le lettere fanno capire proprio cosa è nocivo per una donna. Tentare di cambiare un'altra persona è impossibile, inoltre sarebbe uno spreco di energia inutile e d’altro canto perché cambiare una persona? Se la si è scelta è proprio per com’è, non per come la si vorrebbe. Non parlo naturalmente di tentare di far acquisire determinati comportamenti al partner, ad esempio va bene cercare di farlo smettere di fumare, perché ne va della sua salute, ma per il resto è sbagliato per entrambi.


Le donne non sono le crocerossine in una relazione. Va bene stare accanto all’altra persona, aiutarla nei momenti di difficoltà, ma non cadete nella trappola dell’”io ti salverò”. Ognuno deve salvarsi da solo e ne ha le capacità, potete essere di supporto, ma non sostituirvi all’altra persona nel risolvere i suoi problemi. Anche il vostro partner vi è di sostegno, ma non risolve i problemi al posto vostro, ed è giusto così.


Non vedo, non sento. Quando si percepisce che qualcosa va male, in una relazione, spesso le donne mettono la testa sotto la sabbia. Come spiega il libro, fingono che tutto vada bene, sembra che non si accorgano di nulla. Perché s’innesca questo comportamento? Per vari motivi: la paura di chiudere la storia, di non trovare una persona adatta a noi, di restare sole. Credo soprattutto sia la solitudine a spaventare le donne.


Sopportare tutto. Le donne che amano troppo hanno una soglia di sopportazione altissima, riescono a sopportare veramente di tutto. Si va dalle violenze fisiche o psicologiche (queste spesso sono le peggiori) a comportamenti che l’altra persona mette in atto per umiliarle, sopportano l’indifferenza, quell’indifferenza che a volte è peggiore di una litigata, eppure sopportano. Sopportano perché sperano che le cose cambino, ma le cose purtroppo non cambieranno. Se vi ritrovate in quanto ho scritto, dateci un taglio. Non è facile, anzi. Soffrirete, e molto, ma è meglio ritrovare la vostra strada ed essere libere che sprecare la vita con un essere del genere. Leggete questo libro e anche il precedente, capirete di non essere sole e che molte altre donne sono cadute in questi problemi. Riprendetevi la vostra vita, lo meritate.

Lara Zavatteri

2 mag 2013

Come fare self marketing

Oggi vi consiglio uno strumento utile per tutti coloro che vogliono fare self marketing, ovvero fare da soli il proprio marketing, la propria pubblicità, senza affidarsi a terzi. Si tratta del cd audio “Selfmarketing-Avere successo nell’era del mercato sociale” di Nicola Santoro e Luigi Di Salvo.


Come fare self marketing
Cos’è il self marketing. Che siate un privato che vuole promuovere un suo prodotto (ad esempio un ebook) o un’azienda, il self marketing è sempre più diffuso. Anzitutto per i costi: fare da soli la propria pubblicità fa risparmiare un sacco di denaro, inoltre si ha il pieno controllo su ciò che viene diffuso. L’altra faccia della medaglia è che ci si deve impegnare sempre e in prima persona per ottenere dei risultati.

  • Autonomia
  • Risparmio
  • Possibilità di inventarsi sempre nuove strategie e applicarle
  • Sviluppo della creatività per chi lo usa
  • Soddisfazione a livello personale sia nella creazione del marketing sia nella comunicazione e vendita con i clienti.

Tempo. Ci vuole tempo per vedere dei risultati, non basta creare un blog, una pagina su Facebook e iniziare ad utilizzare i social media per farsi notare. Bisogna impegnarsi sempre e avere pazienza.
Necessità di tenersi aggiornati. Internet offre continuamente nuove risorse per fare marketing (anche gratis, molte volte) ma bisogna aggiornarsi, leggere, attuare nuove strategie sempre con un occhio attento alle novità.

Inoltre, per essere efficace il self marketing dovrà abbinare una serie di operazioni online, quindi su Internet ad altre offline. Per esempio, se avete scritto un ebook, online potete usare i social network e i social media, scrivere articoli, condividerli, condividere il link al vostro ebook, sviluppare un blog accurato e gradevole da visitare. Ma non dimentichiamoci dell’offline, con articoli di giornale, volantini, gadget vari, incontri pubblici. Insomma fare self marketing significa mettere in pratica sia le tecniche online sia quelle offline.

Non scoraggiatevi. In Rete moltissime persone ormai si affidano al self marketing, per cui non avrete risultati da subito. L’importante è iniziare, aggiornarsi e non desistere. Non a caso il cd parla anche di motivazione, che non dovrete perdere.

Per chi è adatto il self marketing. In realtà credo sia possibile per tutti coloro che vogliono vendere qualcosa fare self marketing, al negoziante che vuole incrementare le vendite come ad un’impresa che vuole promuoversi e possibilmente trovare nuovi clienti, passando per chi offre servizi come freelance (ad esempio traduttore, correttore di bozze, web designer, per fare alcuni esempi) a chi ha pubblicato un libro.

La paura di promuoversi. A volte capita di chiedersi se il prodotto che si vuol vendere è valido, se vale la pena investire in pubblicità e via dicendo. Questa paura nasce dal fatto, soprattutto per chi ha creato un prodotto da solo, di doversi in qualche modo “mettersi a nudo”, farsi scoprire dagli altri e nel non sentirsi all’altezza. Tuttavia come sempre, se si crede nel proprio progetto e ci si motiva anche questo ostacolo sarà superato. Crederci sempre è il segreto per andare avanti e riuscire.