08 mag 2013

Come crearvi tutt’un’altra vita

Oggi vi propongo un videocorso in dvd “Tutta un’altra vita con la mappa della visione” curato da Lucia Giovannini e Nicola Riva, per iniziare ad avere la vita che volete. Ormai proliferano libri, cd e dvd che parlano di questo, ma avendo letto Tutt’un’altra vita vi assicuro che si tratta di uno strumento valido.


non ci sono formule magiche. Il libro-il videocorso è legato a quello- mette in chiaro che non ci sono magie che altri possono fare per noi affinché la vita diventi migliore, diventi anzi la vita che abbiamo sempre voluto vivere. Non si può cambiare in un giorno, ci vuole impegno, ma anche la capacità di risvegliare le emozioni, di non vedere sempre tutto nero, come se tutto l’Universo complottasse contro di noi.


La mappa della visione. Questa mappa vi aiuta a capire cosa volete ottenere dalla vita. Credo sia ottima per due motivi:

  • Il primo è che normalmente tendiamo a focalizzarci su un unico aspetto della nostra vita, ovviamente e purtroppo su quello che va male, o che va meno bene degli altri. La mappa ci fa prendere coscienza che, invece, la nostra vita è fatta di tanti “settori” che comprendono affetti, hobby, crescita personale e molto altro. Insomma, siamo la summa di tutte queste cose insieme;
  • Il secondo perché ci aiuta a fissare i nostri obiettivi e a tenerli sempre a portata di mano, così da aiutarci a focalizzarci sulle mete che intendiamo raggiungere.


La mappa si può fare con un semplice foglio di carta, ad esempio creando un cerchio e suddividendolo a spicchi, scrivendo per ognuno un titolo come amore, lavoro, tempo libero, crescita personale, impegno sociale, salute e altro. Ogni spicchio poi conterrà cosa volete ottenere, non solo ora ma per la vostra vita.


L’importanza degli obiettivi intermedi. Tutt’un’altra vita parla della necessità di porsi obiettivi intermedi, altrimenti il rischio è di incappare in delusioni e poi di lasciar perdere. Pere esempio se volete una promozione sul lavoro, ci saranno diversi passi per arrivarci, scriveteli e premiatevi quando li raggiungete.


Sì, ma a cosa serve la mappa? La vostra mappa personale, creata da voi, dovrete vederla, leggerla e sentirla anche con le emozioni durante il giorno. Questo vi aiuterà a rimanere concentrati su cosa volete davvero e vi spronerà a raggiungere ciò che volete. L’importanza della focalizzazione è nota, così come lo è quello della visualizzazione. Immaginare con la mente di aver già raggiunto i nostri obiettivi è basilare e fa anche star bene, perché ci proietta in un futuro che possiamo creare noi stessi.


Passare all’azione. Va bene scrivere gli obiettivi, visualizzare eccetera ma poi si deve sempre passare all’azione, al fare. Cogliete le opportunità, createle voi stessi, insomma agite. Riallacciate rapporti interpersonali, fate il primo passo, mettete le scarpe da fitness e iniziate a rimettervi in forma, cercate i modi per guadagnare di più, fate le attività che non svolgete da tanto nel vostro tempo libero.


Ovviamente, per alcuni obiettivi il tempo necessario per il raggiungimento sarà più breve, per altri più lungo. Per alcuni può essere questione di mesi, per altri di anni. L’importante è avere chiara la direzione, essere motivati, pensare di meritarsi le cose e agire per costruire la vita come l’abbiamo disegnata sulla mappa.

Lara Zavatteri