14 gen 2013

Come creare un giornale online usando un blog

Creare un giornale, anche online, non è facile. Anche per le testate giornalistiche in Rete, infatti, ci sono obblighi da rispettare, iscrizioni al tribunale della testata e così via. Se però avete deciso di crearvi una sorta di giornale online, ecco cosa fare. Vi consiglio anche di leggere il libro "Come si fa un blog 2.0" di Alberto D'Ottavio.



Prima cosa. Usate un blog. Come detto più volte, un blog è flessibile rispetto ad un sito e se non siete esperti del linguaggio html scrivere e pubblicare contenuti può diventare problematico. In fondo alla pagina specificate in alcune righe che non si tratta di una vera testata giornalistica ma di uno spazio web aggiornato periodicamente, senza cadenza fissata, in modo da non avere problemi.


Perché creare un blog simil-magazine. Può essere un buon modo per farvi conoscere in qualunque ambito lavoriate, se avete dei vostri prodotti da vendere o sperate di trovare nuove collaborazioni per la vostra carriera. Insomma lo può fare un giornalista o uno scrittore ma anche chi lavora nelle professioni tecniche, come un geometra o un perito.


Cosa scrivere. Innanzitutto, dovrete scrivere sul vostro giornale online almeno una o due volte a settimana, per mantenerlo aggiornato e perché, come ho detto più volte, Google preferisce segnalare blog aggiornati abbastanza di frequente. Che il vostro obiettivo sia vendere un prodotto o acquisire nuove collaborazioni, il vostro magazine vi deve aiutare a farlo senza però specificarlo. Questo significa che scriverete approfondimenti su questioni che conoscete bene, commenterete fatti che riguardano la vostra professione o eventi, manifestazioni oppure proporrete idee innovative, tutta farina del vostro sacco, per come realizzare progetti. Insomma potrà essere un miscuglio che comprende l’attualità secondo il vostro punto di vista e come voi vedete la realtà, ad esempio come voi, essendo geometri, avreste realizzato una determinata opera, per fare un esempio.


Cosa otterrete. Un po’ alla volta, visibilità, quindi anche un buon posizionamento. Se per esempio fate partecipi coloro che vi seguono garantendogli la possibilità di pubblicare gratis un post sul vostro blog, chiedendo il cambio solamente di linkare il vostro blog-magazine negli spazi web in cui la persona è iscritta, avrete pubblicità gratuita in poco tempo. Inoltre, un contatto del genere potrebbe poi trasformarsi anche nella possibilità di collaborare per progetti concreti.


Come farlo. Un blog-magazine lo potete creare con qualsiasi piattaforma per blog, inoltre alcuni tra i numerosi modelli hanno anche la possibilità di inserire quello che sembra proprio un giornale. Ricordate che per iniziare potete inserire un modello e poi volendo cambiarlo in seguito, cambiando anche stile e colori, a seconda di come vi sembrerà migliore. Occhio solo al fatto che titoli e link, se cambiate colore, non risaltino troppo, diventando, di fatto, illeggibili.


Scrivo da solo? Dipende. Se avete un amico o un collega che svolge la vostra stessa professione o che ha anche lui un prodotto da far conoscere, ma anche se lavora in tutt’altro settore, potete scrivere insieme sul blog-magazine, basterà che uno lo crei e dia poi l’accesso ad un altro autore (lo si può fare, ad esempio, con Blogger). Se la cosa funziona con il tempo potreste renderla disponibile da sfogliare (con Scribd) e farne poi un libro o ebook.


Lara Zavatteri