19 dic 2012

Come lasciare andare i problemi

Sotto le feste vorremmo che tutto fosse perfetto, purtroppo spesso non è così. Problemi di lavoro o personali ci danno da pensare, siamo preoccupati e via dicendo. Ecco perché almeno in questo periodo bisogna imparare a fare una cosa difficilissima: lasciar perdere. Vi consiglio l’ebook “Mollare la presa” di Rosette Poletti e Barbara Dobbs, disponibile anche in versione cartacea.


Perché lasciar perdere. Tutto l’anno siamo presi da questioni di soldi, lavoro, sentimenti e quant’altro che ci fanno preoccupare, star male (a volte anche fisicamente) almeno sotto le feste di Natale e Capodanno bisogna imparare la difficile arte del lasciar perdere. Non dico difficile a caso, perché non arrabbiarsi per qualcosa, non essere preoccupati non è facile. Solitamente si tende a voler tenere tutto sotto controllo, ogni aspetto della nostra vita e molte persone non sanno nemmeno cosa significhi lasciar stare, far finta di nulla.


Come fare. I motivi per cui dovete imparare a lasciare andare possono essere molti, ricordatevi che
altrimenti per una cosa o per l’altra avrete le feste rovinate, se rimuginate su un problema o vi ostinate a volerlo risolvere. Insomma è come mettersi per qualche giorno in stand by, in attesa di ricominciare. Domandatevi:
  • In tutto questo c’è qualcosa di irreparabile?
  • Quanto sono urgenti questi problemi?
  • Perdo qualcosa se non mi affanno subito per mettere a posto questo aspetto della mia vita?


Solitamente vi renderete conto che di irreparabile non c’è nulla e che potete passare le feste senza l’assillo di questi problemi, riprendendoli più avanti. L’unica cosa da fare è lasciar correre, far finta che non sia accaduto nulla e godervi queste giornate. Pare facile ma non lo è, per motivarvi ricordatevi che ve lo meritate.

Dipende tutto da voi? Altra cosa da fare è porsi questa domanda: Quanto dipende da me? Molte persone, qualsiasi sia il problema, tendono a dare sempre la colpa dell’accaduto a loro stesse. Invece, spesso non è così. Se avete fatto il vostro dovere e tutto ciò che era in vostro potere per sistemare le cose, basta. Non è colpa vostra se qualcuno non risponde alla vostra mail, se un lavoro fatto bene (da voi) viene accantonato, magari anche da tempo, se aspettate qualcosa che non arriva. Voi avete fatto tutto, ora dipende dall’altra parte. In poche parole, ricordatevi che la colpa non è sempre da una parte, cioè non è sempre vostra.

Scrivete quello che non va, un post-it per migliorare passate le feste. Per non avere la sensazione di scordarvi le cose e per avere invece l’impressione di avere ogni cosa sotto controllo (importante soprattutto per le persone perfezioniste) scrivete su un post-it i problemi attuali che non intendete risolvere subito ma che affronterete dopo le feste. Scrivete tutto, da un rapporto un po’ traballante a problemi con il capo ecc… Quando avete finito chiudete il post-it in un cassetto e riprendetelo solo quando le festività sono terminate.

Cosa cambia facendo così. In primis non vi roderete tutti i giorni per qualcosa, imparerete che vi meritate giorni di pace e armonia e che non crolla il mondo se anche qualcosa non l’avete sistemata. Poi, più rilassati e contenti, post-it alla mano avanti tutta per promuovere il vostro lavoro accantonato, ridare smalto a una relazione, sollecitare risposte e ricevere la mail che aspettavate.


Lara Zavatteri