26 ott 2012

Come imparare a usare i social media con un libro

Oggi voglio proporvi un nuovo libro dedicato a tutte le persone che vogliono imparare ad usare al meglio i social media ma che non sanno da che parte cominciare e non vogliono far ricorso ad altri per imparare. Si tratta del libro “Facebook, Twitter & C. spiegati a Mamma e Papà-Perfare a meno di amici, figli e nipoti” dell’autore Thomas Myer



Perché questo libro. Se non siete molto esperti di Internet, vi sarà sicuramente capitato di voler indagare, saperne di più e magari “metterci mano” e avrete chiesto a chi ne sa più di voi, ad esempio figli o nipoti, tra cui quelli più giovani detti i “nativi digitali” cioè coloro che sono nati e cresciuti quando l’era senza la Rete non esisteva più.


Vi consiglio questo libro se siete stanchi di chiedere aiuto ad altre persone, di avere l’impressione di non comprendere cose che per gli altri sono scontate-lo sono perché conoscono da molto Internet, non perché voi non capite- e quindi se desiderate avventurarvi su Internet e nel mondo dei social media in maniera indipendente.


Cosa sono i social media? I social media sono moltissimi e sono in poche parole degli spazi web dove inserire un proprio profilo, cercare persone e nuovi amici, trovare risorse e “condividere” informazioni. I più noti sono Facebook, Twitter, Flickr anche se periodicamente se ne aggiungono di nuovi (ad esempio Pinterest).


Cosa significa aprire un profilo. Un profilo è una sorta di scheda virtuale in cui, dopo esservi registrati gratuitamente al social media che v’interessa, potete pubblicare qualcosa su di voi, ad esempio una vostra immagine, alcune informazioni come il lavoro che fate, dove vivete, quali sono i vostri interessi e così via. Serve per farvi conoscere dalle altre persone che frequentano quel social media che potranno così richiedervi di essere amici, cioè di essere in contatto, poter leggere i messaggi l’uno dell’altro, scrivere sulle rispettive bacheche, pubblicare foto o video e condividerli con più persone.


Facebook è adatto se volete rintracciare persone che hanno fatto parte della vostra vita in passato (ex colleghi, ex compagni di scuola ecc...) o per conoscere altre persone, così come Twitter. Entrambi possono essere utilizzati anche per fare il vostro marketing personale, ovvero per promuovere, ad esempio, un prodotto che avete realizzato voi, come un libro.


Flickr e Pinterest si basano invece sulla condivisione di immagini, potete pubblicare anche qui immagini dei vostri lavori (se, per fare un altro esempio, realizzate lavori a maglia, piccola bigiotteria ecc…potete trovare qui una buona vetrina) oppure potete sfruttarli anche per farvi conoscere e apprezzare se di mestiere siete dei fotografi.


Linkedin potete usarlo se siete alla ricerca di un nuovo lavoro, se cercate collaboratori o soci: è un social dedicato alle professioni mentre Youtube è specializzato nei video. Google + vi permette di condividere i contenuti più interessanti della Rete, avere delle “cerchie” di amici e molto altro.



 Potete iscrivervi ad uno o anche a tutti questi social media, l’iscrizione come detto è completamente gratuita, oppure decidete voi in base a cosa v’interessa maggiormente.


Lara Zavatteri