02 ott 2012

Come proporsi per collaborare con un giornale cartaceo

Scrivere per un giornale è il sogno di molti, ma non è facile iniziare a collaborare. Ecco alcuni spunti da tenere a mente.

collaborare con un giornale
La prima cosa che dovete ricordare è che le redazioni dei giornali solitamente sono già al completo e a meno di un grosso colpo di fortuna vi prenderanno in considerazione, eventualmente, come collaboratori esterni.


Cos’è un collaboratore esterno. Questo tipo di collaboratore lavora in autonomia, quindi non in redazione, direttamente da casa. È in contatto con la redazione centrale o se ve ne sono con altre sedi più periferiche e con questa stabilisce se può scrivere un determinato argomento, oppure sarà lo staff del giornale a chiedere un articolo su un determinato tema. Il tutto sarà inviato tramite Internet.


Chiarito questo, come proporsi? Partite dai quotidiani della vostra zona. Prima di presentarvi nella sede di un giornale e chiedere se è possibile collaborare, o prima di scrivere una mail e in seguito avere un colloquio, cercate di capire cosa vorreste scrivere. Un giornale è fatto di diverse pagine e conta molto anche il luogo dove abitate.


Per fare un esempio, se vi piacerebbe scrivere sulle pagine culturali avrete molte meno difficoltà se vivete in un grande centro o in città, dove durante tutto l’arco dell’anno si susseguono diversi appuntamenti di stampo culturale e sono aperte strutture, come i teatri, con un’offerta culturale ampia. Invece, se abitate in un territorio periferico, normalmente ci sono poche proposte di questo genere. Al massimo, se il vostro è un territorio turistico, tutto si concentra nei mesi in cui l’afflusso di visitatori è maggiore, perciò la cultura non può essere la vostra unica scelta.


Allora cosa scrivo? Se siete disposti ad essere flessibili, potete scrivere di tutto, dalla cronaca nera all’ambiente, dai consigli comunali ai fatti curiosi della vostra zona. Con il tempo capirete cosa maggiormente vi piace e quali argomenti riuscite a scovare con più facilità.


Quanto può interessare/essere utile. Quando scrivete un articolo domandatevi sempre se può interessare, incuriosire, oppure se può essere utile. Anche l’avvio di un corso per principianti di computer in biblioteca può essere utile per coloro che magari non hanno saputo dell’iniziativa e la scopriranno leggendo il giornale.


Scrivete degli articoli di prova o su un blog di altri. Se riuscite ad ottenere un colloquio per una possibile collaborazione, meglio sarebbe presentarsi con qualcosa di già scritto da voi. Potete pensare di scrivere degli articoli di prova, oppure chiedete ad un blogger di farvi scrivere, gratuitamente, sul suo blog, così da avere dei pezzi da poter mostrare. Scrivere per un blog è diverso rispetto allo scrivere per la carta stampata, ma avrete comunque una base a cui fare riferimento.


Imparate a fare buone foto. Sempre più i giornali pubblicano accanto alla notizia vera e propria immagini che, da sole, sono in grado di riassumerla. Perciò, è importante che siate in grado di realizzare delle buone fotografie, di buona qualità e possibilmente in grande formato (da 1 Megabyte in su).


Informatevi all’Ordine dei giornalisti. Ogni regione ne ha uno, chiedete tutte le informazioni per come diventare giornalista pubblicista e, se poi volete proseguire, praticante o professionista e per tutta la normativa e la burocrazia necessaria per questi passaggi.



Lara Zavatteri