25 set 2012

Come allevare le tartarughe d’acqua

Le tartarughe possono essere terrestri o d’acqua, se le avete appena acquistate o vi sono state regalate quelle che vivono in acqua, ecco alcuni consigli su come allevarle al meglio.


Prima cosa, cercate un acquario spazioso. Nel caso delle tartarughe non si tratta di un vero e proprio acquario come quello dei pesci ma di una sorta di vaschetta di plastica con un coperchio superiore (ce ne sono vari tipi). L’importante è scegliere un modello abbastanza grande in modo che le tartarughe possano muoversi in libertà.  

Accessori per l’acquario. Quando le acquistate, le tartarughe vengono tolte dal loro habitat all’interno del negozio e devono abituarsi alla nuova casa: può volerci del tempo perché si spaventano facilmente. Per questo motivo, se l’acquario non ne è provvisto, inserite degli elementi in grado di assicurare un po’ di sicurezza agli animaletti. Un sasso finto, che trovate in qualsiasi negozio per animali, è l’ideale: permette alle tartarughe di nascondersi dietro ma anche di arrampicarcisi sopra.

 Per il cibo, regolatevi in base alle necessità. Il mangime per le tartarughine d’acqua lo trovate nel negozio dove acquistate gli animaletti, ma spesso riporta dati non del tutto corretti. Ad esempio su alcuni è indicato che le tartarughe hanno bisogno di alimentarsi due volte al giorno, ma non sempre è così e possono mangiare più o meno a seconda dei giorni. Regolatevi basandovi su quanto mangiano le tartarughe di giorno in giorno e senza esagerare.  

L’acqua al giusto livello. Le tartarughe d’acqua escono di tanto in tanto dall’acqua per arrampicarsi o per respirare, perciò abbiate cura di riempire la vaschetta che le contiene in modo che possano facilmente respirare sporgendo la testa. Nel dubbio, chiedete al negoziante quanta acqua potete aggiungere.  

Prendetene più di una. Generalmente nei negozi di animali le tartarughe d’acqua sono tenute tutte insieme in uno spazio, perciò quando vengono tolte da quel contesto si sentiranno spaesate. Per questo motivo e per non farle soffrire di solitudine, evitate di prendere una sola tartaruga ma acquistatene almeno due. Ovviamente tenete conto del numero di animali anche per le dimensioni della vaschetta che diventerà la loro casa.

Posizionate la vaschetta in un luogo non al buio, né troppo freddo né troppo caldo e per sicurezza se entra il sole nella stanza schermate i raggi tirando le tende, in modo che la luce si riflette nell’acqua senza scaldare troppo. Quando cambiate l’acqua (circa ogni due o tre giorni) inserite nella vaschetta acqua nuova a temperatura ambiente, preparata precedentemente, così che non sia troppo fredda: vi basta preparare prima una bottiglia d’acqua che utilizzerete giorni dopo.  

Quanto vivono? Le tartarughe d’acqua, come quelle terrestri, sono creature piuttosto longeve e possono vivere in media una quindicina d’anni. Con il tempo (ci vogliono anni) aumentano di dimensione e sarà necessario spostarle in uno spazio più grande. Quando le acquistate, potete scegliere tra maschi e femmine basandovi sulla lunghezza della coda: quella più lunga è quella del maschio.

Questo tipo di tartarughe non hanno bisogno di una cura troppo complicata, anzi: basta cambiare l’acqua e dar loro del cibo, ma possono diventare amiche per la vita.

Lara Zavatteri

 Leggete il libro con cd audio allegato “Una piccola, grande tartaruga” di Nicola Davies e Jane Chapman 

 
DESCRIZIONE
  Segui il viaggio di una piccola tartaruga marina dalla sua nascita in un piccolo guscio sepolto sotto la sabbia al ritorno, molti anni dopo, sulla stessa spiaggia per riprodursi. La piccola tartaruga, non più grande di un tappo di bottiglia, nascosta tra le alghe, si nutre di gamberetti e piccoli granchi. Quando è abbastanza grande per affrontare la vita, abbandona la sua casa di alghe e se ne va in giro per i mari in cerca di cibo. Dopo anni di vagabondaggi la tartaruga raggiunge misteriosamente la stessa spiaggia dove è nata per depositare le uova, e il ciclo della vita ricomincia. Le suggestive illustrazioni di Jane Chapman ricreano l'ambiente marino dove abitano le tartarughe, mentre la voce di Lella Costa ti culla tra le onde assieme a questi incredibili animali.