18 set 2012

Come vendere i propri oggetti realizzati a mano

Se siete dei creativi o dei designer e volete trovare dei modi per vendere le vostre creazioni online, ecco alcuni suggerimenti.


Mi rivolgo a tutte quelle persone che sono molto creative e realizzano oggetti come borse, accessori, oggettistica per la casa e molto altro, senza sapere come poter vendere ciò che realizzano. Bisogna dire che vendere online non è così semplice come potrebbe sembrare, ci vuole pazienza per vedere dei risultati. Comunque, quando avete confezionato gli oggetti da vendere, potete scegliere varie strade.

La prima è fare tutto da soli, ovvero crearvi un sito (o rivolgendovi a chi è esperto) e inserire su questo le immagini dei vostri lavori e tutto ciò che occorre per conoscervi-una vostra immagine, biografia e contatti-e per capire perché si dovrebbe acquistare da voi, ad esempio se utilizzate un certo tipo di tessuto, o materiali ecosostenibili e via dicendo.

Se fate da soli e non sapete nulla del linguaggio necessario per sviluppare e mettere in Rete un sito (non è molto semplice) potete optare per un blog, che non ha nessun costo né iniziale né di gestione, come al solito consiglio Blogger perché essendo di proprietà di Google ha più probabilità di essere indicizzato prima e meglio, ma è ottimo anche Wordpress. Date un nome al vostro blog, seguite le istruzioni e una volta creato inserite le informazioni come detto sopra.

 Due cose essenziali: la presentazione e i punti di forza. Quando inserite foto e testo sul blog (o sito), fate in modo che l’oggetto si veda bene, quindi quando lo fotografate controllate che ci sia abbastanza luce, che l’immagine non sia sfocata e così via. Ovviamente, non correggete l’immagine con programmi come Picasa o Photoshop, quello che si vede sul web dev’essere esattamente quello che il vostro potenziale cliente riceverà a casa.  

Descrivete il vostro prodotto accuratamente, specificando com’è stato costruito, per che tipo di ambiente è adatto (se è un oggetto per la casa) se è un oggetto per bambini specificate l’età. Inoltre, mettete in evidenza i punti di forza, come detto prima questi sono tutto ciò che rendono unico quell’oggetto, per esempio il fatto di averlo creato usando materiali di recupero.

Se non volete fare da soli, potete affidarvi ad un sito come DecoBoutique.it. Si tratta di un sito dedicato proprio alle creazioni dei designer, che permette di avere un proprio spazio dove caricare le immagini dei prodotti, ma anche scrivere (e farvi quindi pubblicità) sul blog collegato, con la possibilità anche di vedere i propri oggetti (vengono selezionati i migliori) nella home page del sito.

Non costa nulla se non una provvigione da cedere al sito qualora l’oggetto venga venduto, per cui si tratta di un’ottima idea anche per provare a vendere e capire come funziona questo tipo di mercato. Il sito è in italiano-ne esistono molti altri in lingua inglese, ma questo è più facile da utilizzare sia per chi vende, sia per chi acquista-e si possono inserire oggetti vari, anche vintage. Inoltre è presente su Facebook e ha un canale Youtube.

Sia che decidiate di fare da soli sia che vi affidiate a questo o ad altri siti, createvi un account Paypal per pagamenti veloci, facili e soprattutto sicuri.

 Lara Zavatteri 

 L’ho consigliato altre volte, ma se avete bisogno di spunti è sempre utile l’ebook “I segreti della creatività” di Enrico Sigurtà

 
DESCRIZIONE
 Segui i consigli di un esperto in materia di creatività, scopri le tecniche per sviluppare il tuo senso creativo e per metterlo in pratica e impara a sviluppare il tuo intuito per espandere la tua creatività...