23 ago 2012

Come vendere i propri contenuti online-foto e testi

Online si possono vendere testi, immagini e altro. Ecco alcuni consigli.



Per quanto riguarda le foto, potete trovare diversi store su Internet, cioè siti che vi permettono di iscrivervi (di solito gratuitamente) e inserire le vostre immagini. A mio parere il più serio e conosciuto è Fotolia, che raccoglie fotografie di ogni genere e soprattutto di grande qualità.


Se siete fotografi professionisti credo non avrete problemi a piazzare presto le vostre creazioni ma se non lo siete dovete tener conto di due fattori importanti. Il primo è proprio la qualità, perché vi basta sfogliare il sito di Fotolia per capire come questo aspetto sia tenuto in grande considerazione. Non troverete immagini sfocate, poco nitide o con “elementi di disturbo” (ad esempio, un palo della luce nell’immagine di un paesaggio). Perciò le foto più sono fatte bene più hanno la possibilità di essere viste ed acquistate su Fotolia.


Un altro aspetto importantissimo è l’originalità. Ci sono molti iscritti al sito e molte persone che acquistano foto, ma perché dovrebbero acquistare le vostre se sono identiche o molto simili a tante altre? Per esempio le fotografie dei paesaggi tendono ad essere tutte uguali e non è facile distinguersi. Cercate di avere diverse inquadrature, punti di vista differenti su un determinato tema, inserite oggetti, insomma fate di tutto perché le vostre immagini siano uniche e speciali.


Prima di vendere, è importante anche che le persone vedano le vostre immagini, perciò anche il numero delle visualizzazioni sarà molto importante, perché vi farà capire se l’immagine è apprezzata o meno, se ricevete poche visualizzazioni capirete che la fotografia non è adatta o bisogna modificarla perché sia più apprezzata. Prima di aprire un account e inserire delle immagini, fate un giro sul sito per capire quali immagini sono presenti e farvi un’idea generale.


I content marketplace sono invece dei siti dove potete scrivere articoli o guide e guadagnare. Possono funzionare in due modi. Il primo vi permette di proporre autonomamente dei temi e svilupparli, quindi si passa alla valutazione e se il contenuto è ritenuto idoneo sarà pagato e pubblicato sul sito o su altri siti cui è collegato.


Il secondo modo invece propone direttamente dei titoli che potete prendere in carico e scrivere, dopodiché tutto funziona come nel primo modo. La differenza sta quindi nell’avere più o meno libertà di proporre articoli, per il resto è uguale. Alcune regole per scrivere sono ovviamente un buon italiano (controllate l’ortografia!) ma anche sapere realmente cosa state scrivendo. Se state scrivendo un articolo sull’ecologia e la bioarchitettura o su come fare per creare qualcosa, dovete essere informati e se si tratta di una guida spiegare tutto passo passo. Chi legge può non sapere nulla di quell’argomento e non avere idea da dove cominciare, perciò scrivete esaurientemente, ma soprattutto in maniera semplice.




 Melascrivi è un sito di questo genere, ma ne potete trovare altri in Rete. Come ogni attività, anche questa avrà bisogno di tempo per “ingranare”, soprattutto per quanto riguarda le fotografie, proprio perché la concorrenza è altissima. Sia che vendiate foto o un testo scritto, cercate di migliorare con il tempo. Molti siti infatti quando rifiutano un articolo o un’immagine spiegano la motivazione-sfocata per un’immagine, troppo generalista per un testo-fate tesoro di questi commenti e cercate di non fare gli stessi errori, soprattutto non scoraggiatevi se all’inizio ricevete diversi rifiuti, accade a tutti e basta perseverare.


Lara Zavatteri

LIBRO CONSIGLIATO:

Tecniche di Web Marketing

E-commerce, digitale e social media: tutte le opportunità di business per le PMI
Andrea Boscaro, Riccardo Porta

Tecniche di Web Marketing