26 lug 2012

Come curare i rapporti con la stampa se sei un addetto stampa

Se sei un addetto stampa sai quanto è importante curare i rapporti con la stampa, che può essere sia quella cartacea sia quella online. Ecco alcuni consigli.



Informati su quali sono i giornali della zona che possono essere interessati a pubblicare novità relative all’ente o all’azienda per cui lavori. Questo significa fare una lista dei giornali cartacei che esistono e vengono diffusi sul territorio, ma anche le possibili riviste e le testate online, i siti e i blog che possono pubblicare le news.


Cura i rapporti con i corrispondenti di zona. I giornali di norma hanno uno o più corrispondenti nelle diverse zone che coprono, per cui mettiti in contatto con i corrispondenti, sarà a loro che invierai i tuoi comunicati affinché diventino degli articoli da pubblicare. Verifica se esistono corrispondenti locali anche per le testate online, avere un referente sul posto è più comodo perché oltre a scrivere o telefonare puoi incontrarlo di persona e quando necessario spiegare anche a voce ciò che vorresti comparisse in un articolo. Inoltre, i corrispondenti locali conoscono la zona e possono proporre anche approfondimenti ulteriori oltre a ciò che dirai loro.


Per quanto concerne le riviste, meglio se si tratta di riviste specializzate nel settore per cui operi. Ad esempio, se lavori per un Parco naturale, potrebbe essere una rivista che tratta tematiche ambientali, sia cartacea sia online.


Non dare nulla per scontato. Quando inizi a rapportarti con la stampa, gli altri non ti conoscono. Presentati anche con qualche riga in modo che gli altri possano farsi un’idea di chi sei, scrivi sempre nella tua corrispondenza via Internet i tuoi recapiti in modo che ti si possa contattare velocemente, inoltre allega anche un pro memoria su cos’è e di cosa si occupa l’ente o l’azienda per cui lavori, in modo che i giornalisti (o blogger) l’abbiano sempre ben presente.


Quando contattare la stampa. Sono molteplici i momenti in cui contattare la stampa per cercare di avere un articolo, dipende poi ovviamente anche dall’azienda o ente per cui lavori. Se restiamo sull’esempio di un’area protetta, puoi pensare di inviare un comunicato o convocare la stampa quando:

  • Ci sono novità in un particolare settore, ad esempio quello didattico con nuove proposte per i bambini;
  • Ci sono novità relative all’ente stesso come nuove acquisizioni territoriali, nuove aree dedicate (per esempio) alla biodiversità, l’introduzione di nuove specie o il loro avvistamento dopo molto tempo;
  • Si sta preparando un evento importante, come una mostra o un convegno, meglio se a respiro nazionale o internazionale;
  • Ci sono novità sulle iniziative per chi visita l’area nella stagione estiva o invernale;
  • Si è curata la pubblicazione di un libro/ebook o di un video sull’area protetta;
  • In tutte le occasioni in cui ricorre un anniversario, ad esempio ricorrenze importanti come la fondazione dell’area protetta;

Questi sono alcuni esempi per capire quando si può contattare la stampa, dipende sempre anche dall’importanza della novità.

Come fare. Puoi decidere di stilare un comunicato stampa in cui illustri le novità, tenendo presente che in particolari periodi dell’anno, come luglio-agosto a volte i giornali non hanno molto spazio, per cui cerca di essere sintetico, allega foto se disponibili e ricorda che siano aggiornate, quindi non risalenti a dieci anni prima e di buona qualità. Da questo comunicato i giornalisti-blogger potranno ricavare un articolo e ricontattarti se avranno bisogno di ulteriori informazioni. Oppure, puoi decidere di organizzare una conferenza stampa e spiegare tutto a voce, anche in questo caso prepara comunque del materiale, in una cartellina da distribuire, per chi parteciperà all’incontro.


Lara Zavatteri