06 lug 2012

Come educare il vostro cane

In vista delle vacanze, voglio suggerirvi un testo che può esservi molto utile qualora abbiate un cane e lo portiate con voi in vacanza.


Se il posto che avete scelto non permette il soggiorno anche dei cani, non abbandonate il vostro amico. Potete cercare le cliniche veterinarie della vostra zona che in molti casi si prestano a custodire i cani per il periodo di tempo delle vostre vacanze, oppure potete chiedere a familiari ed amici di occuparsene.


Tenete conto però anche dei problemi che potrebbero sorgere dalla vostra lontananza. I cani, e gli animali domestici in generale, soffrono quando manca il loro padrone, specialmente se manca per più giorni. Fate di tutto per cercare un albergo o una struttura ricettiva che accolga gli animali, perché se la vacanza è lunga l’animale potrebbe risentirne.


Quando potete portarlo con voi, ovviamente il cane deve cercare di essere rispettoso degli spazi, avere un minimo di “educazione”. Questo ebook, disponibile volendo anche in versione cartacea, parla proprio del galateo, delle regole basi per avere un cane non solo ubbidiente ma meglio gestibile e che non crea problemi anche quando lo portate con voi in ferie.


Questo testo insegna ad avere un rapporto migliore tra cane e padrone, utile soprattutto nel caso di cani “problematici” perché ad esempio risultano troppo vivaci o non ubbidiscono in nessun modo, ma insegna anche come fare in modo che il cane si comporti bene con altri cani (o altri animali), utile non solo per cani esterni ma anche, ad esempio, se avete preso un cane e ne avevate già uno in precedenza. In alcuni casi tutto fila liscio, in altri è necessario mettere in atto alcune strategie affinché si crei una buona armonia tra i cani.


Passare dei giorni o delle settimane fuori casa con un cane significa fare in modo che non disturbi e non crei danni né al personale dell’albergo né agli altri ospiti, oppure ai vicini se avete una casa per le vacanze, evitare che abbai di continuo, che salti addosso alle persone, anche se vuole solamente giocare-ricordatevi che tanti hanno paura dei cani, specie quelli di grande taglia- che non si avvicini troppo ai bambini o alle persone anziane e via dicendo. Dovrete anche stare attenti che il vostro cane non crei confusione e non arrechi disagio ad altri possibili animali presenti in albergo.


Per tutti questi motivi è utile leggere un testo come quello che vi consiglio, perché potrete portare con voi il vostro cane e al contempo essere certi che sarà “educato” anche in situazioni diverse da quelle abituali, in un ambiente e con persone che non conosce. Inoltre, le regole per avere un cane educato non valgono naturalmente solo per le vacanze ma anche nella vita di tutti i giorni e per qualsiasi contesto in cui vi troviate, in qualunque periodo dell’anno.


Avere un cane vuol dire in primis amarlo e rispettarlo, ma anche gestirlo al meglio e instaurare un buon rapporto con lui anche grazie a regole che favoriscono il rispetto verso altre persone e l’ambiente in cui il cane si trova inserito, anche se solo temporaneamente.

Lara Zavatteri


Leggete l’ebook “Il galateo per il cane” di Roberto Marchesini