03 mag 2012

Come verificare e “ripulire” la vostra presenza online

Se da tempo siete iscritti a social network, avete dei blog, un sito, partecipate a forum e altro, siete presenti online. Potete verificare ed eventualmente ripulire dal Web gli spazi dove non volete più comparire.



Per verificare quanto e dove siete presenti, vi basta andare su un motore di ricerca, ad esempio Google, ed inserire nella barra per la ricerca il vostro nome e cognome. Vi appariranno tutti i risultati, se sono molti potete scorrerli in fondo cliccando sul numero delle pagine.


Cosa vedrò in questa ricerca? Tutti i “luoghi” in cui in qualche modo è citata la vostra presenza, sia vostre creazioni, come i blog, il sito o un profilo su Facebook, Twitter, Myspace o altri social network, sia, ad esempio, una vostra discussione su un forum, o ancora blog in cui siete citati, o se lavorate online articoli che avete scritto o altri lavori. Potete trovare anche pdf di giornali o rivisti che citano, ad esempio, un vostro lavoro, e così via.


Questo per la ricerca generale, potete anche fare una ricerca per immagini cliccando appunto su “immagini” o su “video” sulla colonna sinistra. Vi appariranno foto e video che avete inserito in Rete.


Questo vi servirà a capire se è necessario fare una sorta di “pulizia” del web, in modo da mantenere solamente i risultati per voi davvero importanti. Partiamo da un social network come Facebook. Magari in passato avete creato dei gruppi, ma poi con le nuove direttive Facebook avete invece optato per una pagina. Se il gruppo è rimasto, cancellatevi e cancellate anche il gruppo, così da non avere doppioni su Facebook, ad esempio per un prodotto che vendete e mantenendo solamente la pagina. Fate lo stesso per gruppi che in passato avete creato per sostenere una causa o altro, cose che non v’interessano più. Cancellate, non vale la pena tenere gruppi aperti quando non li utilizzate.


Potete poi aver creato anche dei blog su altre piattaforme e non seguirli più. È inutile tenerli quando ne avete creati successivamente di altri e utilizzate solo quelli. Andate sulla piattaforma e cancellate il blog, può darsi che per qualche tempo si veda ancora nei risultati di ricerca ma a breve scomparirà senza lasciare traccia.


Fate la stessa cosa per immagini che magari avete caricato su Flickr o per video realizzati grazie a Youtube. Verificate insomma cosa vale la pena tenere e cosa volete invece eliminare per sempre. Se per esempio volete che dare una buona impressione professionale, evitate di tenere immagini o video che avete creato solo per divertirvi. Se avete caricato le immagini in Picasa, vi basterà scegliere l’opzione “privato” perché le immagini contenute negli album siano visibili solo a voi e non compaiano nei risultati di ricerca.


Se durante la ricerca su Google notate che il vostro nome o un vostro lavoro si trova senza motivo su un sito che non conoscete e che non ha nulla  a che fare con voi (e non si occupa della vostra professione) scrivete al proprietario del blog-sito-forum e chiedete informazioni in merito. State attenti e se nessuno risponde potete pensare di rivolgervi, se necessario, alla Polizia Postale che si occupa di questo genere di cose.


Lara Zavatteri

Leggete il libro "Web Analytics 2.0" di Avinash Kaushik




DESCRIZIONE 
Il Web, il marketing online e le forme pubblicitarie hanno subito una rivoluzione nel corso degli ultimi anni, ma l'approccio all'uso dei dati non è sostanzialmente cambiato da un decennio a questa parte.
Il grande esperto di Web Analytics, Avinash Kaushik, presenta le nuove frontiere del Web Analytics in questo interessante volume che migliorerà enormemente le capacità della vostra azienda di operare ed evolvere. L'autore espone specifiche strategie e modelli esecutivi di evoluzione, dai semplici strumenti di controllo dei clic, alla raccolta di dati qualitativi, agli elementi di sperimentazione e test, agli strumenti di Competitive Intelligence.
Spiega inoltre il modo in cui misurare i dati, analizzare le informazioni e prendere decisioni nell'ambito delle tecnologie e delle tendenze, sempre in evoluzione, comprendenti i social media, i contenuti video, la navigazione mobile e le possibilità di progettazione centrata sull'utente.
Nell'espandere gli approcci tradizionali, Avinash infrange miti, identifica trappole e rivela specifiche metodologie, semplici o avanzate, per trasformare il vostro modo di pensare.