02 apr 2012

Linguaggio del Corpo Dinamico - Alessandro Missana

Ebook disponibile su Bruno Editore
Chi non ha mai desiderato entrare nella mente di un’altra persona
per capire veramente il suo pensiero? Sicuramente anche a te è
capitato. Ricordo le mie prime esperienze in materia, quando
cercavo di capire le ragazze. Non ciò che dicevano ma, cosa più
importante, ciò che pensavano. Quante volte ci sono rimasto male
perché non capivo il loro comportamento, così lontano da quello
che affermavano di pensare e/o provare.

Se stai leggendo questo articolo è molto probabile che una
situazione del genere tu l’abbia vissuta in prima persona. E,
ancora più importante, se hai deciso di acquistare questo ebook
è perché vuoi imparare un metodo sicuro che ti aiuti a conoscere
più a fondo il linguaggio del corpo. Bene: ti piacerà sapere che
tutto questo è possibile. Probabilmente in passato alcuni ostacoli
(presunti) hanno già attraversato il tuo cammino, vanificando i tuoi
tentativi e la tua volontà di arrivare al raggiungimento del tuo obiettivo.

Questi sono tutti pensieri limitanti.

Quali? Ecco il primo: «Tutti i libri che leggo sull’argomento
contengono così tante cose assieme che alla fine lascio perdere,
troppe informazioni che mi creano solo confusione».

E come darti torto? È un problema che ho riscontrato spesso
anche io. All’inizio della mia esperienza sul linguaggio del corpo
lo sconforto era alto: ogni libro che leggevo non faceva altro che
elencarmi un’infinità di segnali, combinandoli assieme e dando
per ogni combinazione un’interpretazione diversa. Ciò non
significa che queste interpretazioni siano sbagliate e gli autori dei
ciarlatani; anzi, probabilmente sono molto più esperti di me. Il
problema è che danno troppe informazioni, senza rimarcare quelle
più importanti e fondamentali. In più strutturano il libro come un
elenco infinito di cose, senza fornire un metodo efficace, semplice
e veloce per imparare veramente l’essenziale sul linguaggio del
corpo.

E come secondo pensiero, legato al primo: «Sì, ok, ma conoscerli
è una cosa, interpretarli mentre si fa conversazione è un’altra».

Un’osservazione più che lecita. Ho appurato sulla mia pelle che è
veramente arduo, all’inizio, riuscire a tenere una conversazione e
allo stesso tempo prestare attenzione al linguaggio del corpo. Ai
tempi, nessuno mi aveva insegnato come stare attento a tutto.

Avevo solamente una solida base teorica (grazie ai libri letti
sull’argomento), ma senza alle spalle un metodo valido che
trasformasse facilmente in pratica tutta la teoria acquisita. Ma se ti
dicessi che ora un metodo del genere esiste, ed è alla portata
anche delle persone più pigre?

Imparerai ad apprendere i segnali essenziali del linguaggio del
corpo e ad applicarli con efficacia e semplicità grazie al metodo
Osservare Dinamico. Farai tuo il linguaggio del corpo, saprai
interpretarlo e volgerlo sempre a tuo favore! Interessante,
vero? Alla fine della guida scoprirai che i dubbi di ora saranno
spariti, lasciando spazio alle nuove certezze.

 Buona lettura! Alessandro

Come fare un cestino di uova decorate per la Pasqua

Nel periodo pasquale anche un tempo era usanza colorare le uova e decorarle, così da abbellire la casa e prepararsi a questa festività. Certo una volta non esistevano i colori di oggi e quindi ci si arrangiava come si poteva, ma la tradizione è rimasta la stessa. Se volete decorare delle uova e fare un cestino, ecco alcune idee.


Fate bollire le uova, in modo che per prima cosa siano più solide quando andrete a colorarle o decorarle in altri modi, inoltre utilizzando colori che non alterano in nessun modo la commestibilità del prodotto, volendo poi potrete mangiare le uova: chiedete sempre quando comprate le tempere o altri colori se hanno questa caratteristica.


Esistono più modi per decorare le uova. In commercio si trovano delle pastiglie o delle fialette da sciogliere nell’acqua di cottura, di solito con un po’ d’aceto, che in pochi minuti colorano le uova e a voi basterà attendere il tempo necessario, dopodiché estrarre le uova e farle asciugare. Questo è il metodo più veloce e garantisce colori brillanti di solito per tutte le gradazioni, forse un po’ meno con il giallo.

Se però volete utilizzare le tempere, vi basterà procedere colorando tutto l’uovo passando anche più mani, ricordandovi anche delle estremità con cui avete tenuto l’uovo. Potete lasciare asciugare e tenere l’uovo a tinta unita, oppure scegliere un colore a contrasto e sbizzarrirvi con linee, puntini e, se avete la mano ferma e ve la cavate, anche con piccoli disegni. Potete disegnare un pulcino, un consiglio, un fiore, tutte cose che richiamano questa festa e la primavera. Lasciate asciugare.


Un altro metodo per chi ha poco tempo o poca manualità, è quella di applicare sulle uova dei piccoli adesivi che trovate in commercio e che raffigurano soggetti pasquali, possono essere delle strisce che avvolgono completamente l’uovo o dei disegni più piccoli da applicare dove volete. Basterà fare un po’ di pressione e avrete decorato le vostre uova.


Per collocarle, scegliete un cestino grande a seconda di quante uova avete colorato e riempitelo con della paglia, vera o quella utilizzata per gli imballaggi, oppure ne potete trovare nei negozi di bricolage o in fioreria, anche colorata. Potete abbellirlo anche con finte piume o pulcini più o meno grandi che in questo periodo trovate anche nelle cartolerie nel reparto dedicato alle decorazioni di Pasqua. Collocate nel cestino le uova e abbiate cura di posizionarlo in un luogo sicuro, dove non esiste possibilità che qualcuno le urti.


Potete anche fare più cestini e scegliere di utilizzare le varie tecniche per decorare le uova, per esempio ai bambini potete far decorare le uova con gli adesivi, così da renderli partecipi ma nel modo più semplice mentre potrete dedicarvi alle tempere quando avrete più tempo.


In ogni caso non dimenticate mai di chiedere, quando comprate i colori, se in seguito le uova potranno essere mangiate, così da poterle riutilizzare passata la festa di Pasqua. Cercate anche di tenere il cestino lontano dalla luce del sole, i colori potrebbero sbiadirsi o l’uovo alterarsi.



Leggete anche il mio articolo “Come fare un albero di Pasqua

Lara Zavatteri 

Leggete il libro “Semplici idee per la Pasqua
di Ernestine Fittkau

eBook: Ultimissime novità

eBook: Bestseller

Novità eBook di Diritto

eBook: Informatica, Web e Digital Media

eBook: Economia, affari e finanza