02 gen 2012

Filosofia per la Crescita - Lucia Balista

Ebook disponibile su Bruno Editore

Questo ebook è una guida che inizia il lettore alla filosofia
e che ha come obiettivo la crescita personale.

La ricerca in quanto tale, con tutte le sollecitazioni che essa via
via provoca, possiede un’importanza fondamentale.


La filosofia viene insegnata nelle scuole come sequenza
di dottrine di autori distribuiti lungo il corso del tempo e non
come un metodo di riflessione e di interrogazione personale.

Questa può, invece, essere utile per la crescita personale,
per capire il mondo, noi stessi e il rapporto con gli altri.

Questa disciplina consente di vivere il senso della scoperta
che è sempre accompagnato da volontà, attenzione e impegno.

La filosofia merita un viaggio, uno sforzo; merita il desiderio
e la voglia di scoprirlo.

Verrà presentato, in questa guida, il pensiero di dodici filosofi che
vanno dai più antichi ai contemporanei, in ordine cronologico,
partendo da Socrate per arrivare a Hans Küng.

Nessuna corrente di pensiero vi esposta, è migliore o peggiore di
un’altra; l’obiettivo non è dare consigli, né influenzare la persona
per la propria crescita personale. La stessa lettura dei filosofi non
deve essere considerata in modo gerarchico, dal più importante al
meno importante, da quello più lontano temporalmente da noi a
quello più vicino. Scopo fondamentale è l’autonomia del lettore:
che possa compiere le proprie scelte, prendere le proprie decisioni
e porle in essere.

Buona lettura!  Lucia Balista

Come aprire un blog se non ne sapete niente


Se con l’inizio del nuovo anno uno dei vostri propositi è quello di aprire un blog, vi suggerisco di porvi alcune domande prima di attivarne uno e poi magari lasciarlo vuoto e non pensarci più. 


Per prima cosa, chiedetevi il perché. Perché volete aprire un blog, qual è la motivazione che vi spinge a farlo? Può essere per pubblicizzare un vostro libro o ebook, o per vendere qualche altro infoprodotto, ad esempio un corso video o audio, oppure per raccontare una vostra straordinaria esperienza in giro per il mondo, o ancora per scrivere e diffondere materiale su una causa che vi sta a cuore, come la natura.

Sapere già il perché si vuole aprire un blog aiuta a capire come proseguire, anche se non ne sapete assolutamente niente, per questo vi suggerisco il testo in fondo alla pagina. Se insomma siete alle prime armi e non sapete quasi nemmeno che sia un blog, si può definire come un posto virtuale, gratuito, dove dopo l’iscrizione ad una piattaforma (come Blogger o Wordpress) potete aprire un vostro personale spazio. I post sono gli articoli che si scrivono sul blog, ma si possono aggiungere anche video, audio e immagini.


Per aprire un blog bastano pochi minuti, anche la procedura per realizzarlo è facilissima e basata su alcuni passi che basta seguire. Avrete un indirizzo, visibile nella parte alta della pagina Internet, ma per sapere cosa occorre per aprire un blog da zero ecco i requisiti necessari:

1)      Un computer. Fisso o portatile, non fa differenza.
2)      Una connessione Internet, di qualunque genere.
3)      Una piattaforma cui iscrivervi, come detto Blogger, Wordpress o altri.
4)      L’idea, cioè il perché scrivete il blog.
5)      Un design semplice. Inizialmente, finché non avete molta pratica con il vostro blog, scegliete un design semplice, potrete poi modificarlo in seguito utilizzando i temi a disposizione sul blog, di solito nelle impostazioni.
6)      La costanza. In rete circolano milioni di blog, per non finire nel dimenticatoio ancora prima di essere notati è bene scrivere con una certa regolarità, almeno settimanalmente, se non vi è possibile scrivere ogni giorno.
7)      Scrivere correttamente e tenendo conto degli utenti. Come in un testo cartaceo, anche i post o articoli che pubblicate devono essere curati ortograficamente. Inoltre, non scrivete post troppo lunghi, sintetizzate o spezzate l’argomento in più post.
8)      Inserite immagini. Dipende ovviamente da quale tipo di blog trattate, potete usare immagini vostre inserendole grazie all’editor del blog (di solito una piccola immagine stilizzata) e sfogliando i documenti del computer per trovarla. Oppure, cercate su Internet, ad esempio usando come motore di ricerca Google immagini.
9)      In un secondo momento, quando avete capito il funzionamento del blog, aggiungete dei gadget. I gadget sono degli spazi che si possono inserire sul blog, ad esempio per inserire video, oppure dei banner, o la lista dei post più letti o dei commenti ricevuti. Metteteli quando avete “smanettato” abbastanza con il blog per capire come fare, si possono aggiungere o togliere senza problemi, anche questi di solito li trovate o sotto “impostazioni” o sotto “design”. I gadget, inoltre, possono essere chiamati anche plug-in e ne trovate di vari generi, periodicamente vengono aggiornati per inserirne di nuovi.
10)   All’inizio non riceverete commenti, ma non significa che il blog non è stato visto o che non viene frequentato. Spesso non si trovano commenti ma le visite sono molte, comunque se non ne vedete non scoraggiatevi, per far conoscere un blog ci vuole tempo.


Un’ultima annotazione. Purtroppo oltre che sulla posta elettronica anche sui blog esiste lo spam, cioè messaggi indesiderati, spesso, anche osceni. Se trovate dei commenti strani o che rimandano a siti sospetti, cancellateli. C’è sempre qualche furbo che visita blog e cerca di portare i visitatori su siti poco raccomandabili. Cancellate eventualmente anche l’iscrizione al blog della persona, così da essere ancora più sicuri.


Lara Zavatteri

Libro consigliato: “Blog per negati” di Susannah Gardner


DESCRIZIONE 
Uno strumento prezioso che permette di dare sfogo alla tua creatività esprimendoti in libertà, ma che si rivela utilissimo anche negli affari o nella comunicazione. Insomma, un ottimo modo per farti notare nel grande mare della rete.
A patto di sapere come costruirlo: questa guida ti fornisce tutte le dritte indispensabili per farsi che il tuo blog si distingua e spicchi tra mille, attirando i navigatori e non lasciandoli più andare via!


Impara come:
• Attirare visitatori e fidelizzarli
• Proteggere la tua privacy
• Gestire lo spam e i commenti inappropriati
• Usare il podcasting
• Guadagnare con gli sponsor


Giochi Conversazionali - Angela Foi


Ebook disponibile su Bruno Editore

Il suo nome era infatti PAL.CO: PALestra di COmunicazione, e
l’obiettivo primario era quello di arrivare, attraverso una serie di
esercitazioni, a superare la paura di parlare in pubblico, a
migliorare le proprie capacità oratorie e anche la capacità di
intrattenere una buona conversazione. Ma più procedevamo nei
nostri allenamenti e più ci accorgevamo che, dalla sicurezza
acquisita ci guadagnava tutta la persona e siamo addirittura
arrivati oltre l’obiettivo che ci eravamo prefissati: tutti ne sono
usciti più forti in ogni aspetto della loro personalità.

Il sistema di PAL.CO consisteva in incontri di due ore,
rigidamente strutturati in quattro parti: una parte, che conducevo
io, di introduzione teorica alla materia; una parte dedicata ai
discorsi tenuti a turno dagli allievi; il momento delle valutazioni
da parte dell’audience; la quarta parte, che si chiamava “Il
momento del gioco”, era la parte che i partecipanti amavano di
più perché venivano coinvolti in attività che, anche se non erano
per niente facili, divertivano, dando peraltro importanti esiti.

Sono le attività del “momento del gioco” quelle che vi propongo
nel presente ebook, con la convinzione che è solo quando ci
applichiamo – e ancor meglio se in modo divertente – che il
miglioramento è rapido e progressivo su più fronti.

Come dicono gli spagnoli, «Un conto è parlare di tori e un conto è
scendere nell’arena». Per noi scendere nell’arena significa fare,
poiché soltanto in questo modo si genera una forza inaspettata e si
scoprono qualità che non si sapeva di avere.

Troverete una serie di esercizi tesi ad accendere e stuzzicare
l’immaginazione per distaccarvi dai cliché comuni che ingabbiano
le nostre performance in formule banali e stereotipate. Gli esercizi
sono costituiti da domande provocatorie per suscitare reazioni ed
emozioni e domande tese invece stimolare la riflessione e
costruire la fiducia in se stessi. Dovrete affrontare sfide non facili,
ma proprio per questo arriverete a ottenere quella sicurezza che
deriva dall’avere già affrontato situazioni complesse e averle
superate.

Voglio inoltre sottolineare un aspetto non trascurabile: le attività
che troverete su questo ebook saranno sicuramente di piacevole
intrattenimento.

Buona lettura! Angela Foi.