4 set 2012

Come risparmiare energia elettrica-piccoli trucchi

Altre volte ho scritto consigli su come risparmiare energia elettrica ma oggi vi segnalo alcuni piccoli trucchi che sembrano scontati o banali ma che in realtà possono fare la differenza sulla bolletta della luce.

Come risparmiare energia elettrica-piccoli trucchi

Computer portatili. I pc portatili sono molto utili per lavorare e avere sempre sotto mano questo strumento, ma vanno alimentati con una batteria collegandoli alla rete elettrica. Un errore che si fa spesso è non controllare il livello della batteria dopo che il cavo è stato collegato alla corrente. Sulla parte bassa della schermata vedete infatti l’icona della batteria, vi basta passarci sopra con il mouse per capire la percentuale di carica. Se la percentuale è al massimo, cioè al 100%, potete staccare il cavo e lavorare senza l’ausilio dell’elettricità perché la batteria durerà alcune ore (dipende dal modello e da quanto tempo usate il computer). In questo modo eviterete di dimenticarvi il cavo del computer attaccato alla rete anche quando non serve, perché anche se la batteria è carica si continua a consumare energia. Controllate il livello di carica dopo qualche ora, quando è al minimo, riattaccate il cavo, e così via.

 Se in cucina utilizzate la piastra in vetroceramica che funziona con l’energia elettrica, quando la usate selezionate sempre il livello più alto (di solito va da 1 a 9, quindi 9) quando cucinate o riscaldate qualcosa. In questo modo la piastra sarà subito al massimo e riscalderà immediatamente di più, se invece selezionate un 5 dovete attendere molto di più perché la piastra scaldi abbastanza.

 Un altro trucco è togliere il cibo quando ha bisogno ancora di qualche minuto di cottura. Tutti i cibi continuano a cuocere per vari minuti nelle casseruole o pentole, per cui potete tranquillamente spegnere la piastra e risparmiare qualche minuto. Allo stesso modo, se dopo aver cucinato utilizzerete di nuovo lo stesso fuoco della piastra, ma non immediatamente, usatelo da spento. Per fare un esempio pratico: se avete cucinato e di lì a dieci-quindici minuti utilizzerete dell’acqua calda, ponete sulla piastra la pentola con il fuoco spento e aggiungete un coperchio. Mentre voi cenate l’acqua si riscalda un po’ perché il forno anche se spento è ancora caldo (per questo resta un segno, di solito una H per dirvi che la piastra scotta) e contribuisce a riscaldare l’acqua. Quando l’accendete di nuovo, sarà sufficiente meno tempo per riscaldare l’acqua, perché sarà già tiepida. Il coperchio consente all’acqua di riscaldarsi prima perché il vapore non viene disperso.

 Limitatevi nel ricaricare il cellulare. Un cellulare funziona benissimo anche se non ha sempre tutte le tacche cariche. Ad esempio può andare avanti per giorni solamente con due tacche, perciò non continuate a ricaricare la batteria ma fatelo quando resta una sola tacca o quando sapete che potreste avere bisogno del cellulare caricato al massimo, se per esempio partite per un viaggio.

Se la sera guardate la tv, spegnete le luci. Non avete idea di quanto si risparmia in questo modo, specie se state davanti alla televisione per ore. Per leggere a letto, procuratevi quelle lampade che si attaccano al libro e funzionano a pile.

Lara Zavatteri

 Leggete il libro "Come risparmiare il 50% di energia elettrica" di Fernando Michelena


DESCRIZIONE
Lo spreco di energia elettrica contribuisce al degrado ambientale globale, è perciò necessario aumentare la nostra responsabilità ecologica diventando coscienti delle conseguenze ambientali che genera oggigiorno il nostro consumo di energia...