1 giu 2012

Come valorizzare il lavoro di un corso

Se di mestiere sei un formatore, organizzi corsi su uno specifico argomento, sai quanto è importante non solo motivare ma anche valorizzare il lavoro di chi partecipa alle tue lezioni. Ecco alcuni suggerimenti utili.


Poniamo il caso che il tuo sia un lavoro di tipo artistico, ad esempio curi laboratori per adulti (o per i più piccoli) che insegnano le basi per dipingere e man mano permettono ai corsisti di esprimere al meglio se stessi attraverso la loro personale forma d’arte. Quando il corso sta per terminare, puoi decidere di organizzare una mostra dei lavori.


Avverti i partecipanti al corso di questa iniziativa, così che nel creare uno specifico lavoro per la mostra, che andrà ad aggiungersi ad altri della stessa persona, si sentano motivati a creare qualcosa di unico e in generale a dare il meglio di loro stessi. Ovviamente, un’idea del genere la puoi proporre verso la fine del corso, quando i partecipanti non sono più agli inizi e potranno proporre i loro lavori migliori insieme ad uno creato apposta per la mostra.


Cerca il luogo adatto. Se hai spazio a sufficienza potresti organizzare la mostra all’interno del laboratorio stesso, altrimenti inizia a cercare una location dove esporre il lavoro dei tuoi allievi. Puoi chiedere direttamente in Comune se è possibile usufruire di una sala: informati se ci saranno o meno dei costi e fornisci le info del caso, cioè per quanto tempo utilizzerai la sala, lo scopo, in che orari vorresti aprire la mostra. Puoi provare a chiedere anche ad associazioni del luogo, meglio ancora se sono interessate a tematiche analoghe a ciò che tratti nel corso.


Una volta trovata la location e definito il periodo d’apertura, non ti resta che esporre i lavori. Decidi con i partecipanti quali e quanti disegni esporrai e per ognuno fai scrivere, oltre al nome dell’artista, anche una piccola descrizione che metterai di fianco o sotto il quadro, così da far comprendere, soprattutto se si tratta di lavori astratti, cosa ha voluto esprimere l’artista.


Cura la pubblicità per la mostra: attraverso Internet su Facebook, ma anche via mail con un invito che puoi spedire ai tuoi contatti e alle persone che potrebbero essere interessate a visitare la mostra, da un lato, e dall’altro a persone che, magari in futuro, potrebbero a loro volta diventare dei tuoi corsisti. Fai pubblicità anche con volantini e manifesti, vedi tu se crearli da solo o affidarti ad una tipografia o a qualche sito che offre questi servizi su Internet, dipende dal tempo che hai a disposizione e dai costi. Distribuisci i volantini nei luoghi in cui pensi ci possano essere persone interessate, come le scuole o le associazioni .


Quando la mostra è aperta, raccogli le impressioni dei visitatori. Come spesso si fa nelle mostre, puoi lasciare un libro per gli ospiti da firmare e dove si chiede di lasciare un commento. Oltre a questo, stai attento a quanto la gente dice mentre osserva i quadri, puoi utilizzare questi consigli e riferirli alla persona che ha creato l’opera ma puoi anche tu capire cosa ha funzionato del tuo corso e cosa invece devi migliorare e anche cos’è stato gradito più o meno della mostra.

A fine mostra puoi decidere di pubblicare in Rete i lavori dei tuoi corsisti, magari su un blog apposito con uno spazio per ogni partecipante, dove i tuoi allievi possono interagire e leggere i commenti di chi ha visto le loro opere.


Lara Zavatteri


Leggete dall'8 giugno l’ebook “Il Formatore 2.0” di Emiliano Pancaldi



DESCRIZIONE
Come rendere efficaci le proprie lezioni, i propri incontri di formazione, in una parola, trasformare le sessioni di lavoro in eventi formativi, in occasioni di apprendimento efficace, attraverso l'uso di strumenti che semplifichino il processo di creazione? Il web 2.0 ci viene in aiuto. Scopri come con questo fantastico corso.