27 apr 2012

Come e perché piantare alberi

Piantare un albero può significare tante cose: aiuta a ripulire l’aria nelle zone più inquinate e a dare un tocco di verde, ma può essere anche un gesto simbolico, legato ad un’occasione particolare, o un modo per abbellire il vostro giardino.


Perché piantare alberi. Come ho scritto, i motivi possono essere diversi. A livello ecologico-ambientale piantare un albero significa molto, specialmente nelle città dove l’inquinamento è maggiore. Un albero non è solo un elemento decorativo ma un valido alleato per ripulire l’aria da smog, polveri sottili e altro. Ecco perché sarebbe importante creare delle oasi verdi nelle città, specialmente nelle aree sprovviste di parchi che quindi necessitano maggiormente di questo tipo di “pulizia”. Ovviamente lo stesso discorso vale anche per i paesi, anche se in montagna o in campagna c’è molto più verde e quindi piantare alberi non è una priorità come nelle aree urbane.

Un altro motivo per piantare un albero può essere quello di avere della frutta a portata di mano. In questo caso sono adatti gli alberi da frutto come i meleti, ma anche quelli che producono ciliege o prugne. Ci vuole del tempo perché le piante attecchiscano e producano frutti, perciò è meglio comprarle da un vivaio, dove si trovano già abbastanza grandi, piuttosto che in un negozio (se ne trovano anche in quelli per il fai da te, nella parte dedicata al giardinaggio) dove invece sono ancora piccole. Ci vuole anche pazienza, anche se li piantate per tempo il primo anno possono dare solo fiori e niente frutti e cominciare a produrre dal secondo.

Si può piantare un albero anche per un’occasione speciale. Ad esempio, quando si acquista casa e si desidera ricordare quel momento, o quando nasce un figlio. Il significato qui è nel qualcosa che duri, che resti. Se avete spazio nel vostro giardino, ma volendo potete piantare l’albero anche altrove (purché consentito) scegliete una quercia. Una quercia è una pianta che impiega molti anni a diventare l’albero imponente e solido che si vede nelle fotografie, ma è un albero che può durare secoli. Ecco perché simboleggia qualcosa di importante, che non viene spazzato via.

Un altro motivo è abbellire il giardino. Se volete creare una sorta di boscaglia, potete scegliere il nocciolo. È una pianta che si moltiplica e cresce in fretta, creando dei boschetti e producendo appunto le nocciole. L’unico inconveniente è che bisogna stare attenti o invaderanno il giardino, appunto perché si moltiplicano in fretta. Se il clima è giusto e volete avere una pianta che in primavera-estate vi regala degli splendidi fiori, potete scegliere la magnolia, che produce dei fiori rosa e bianchi bellissimi e molto ornamentali. Oppure, potete creare un boschetto di lillà, ne esistono con fiori rosa, azzurri o bianchi, anche in questo caso tendono a diventare molto alti e a creare un bosco fitto, quindi è indispensabile potarli e fare in modo che non crescano eccessivamente.

Come piantarli. Se non siete esperti su quali piante vanno bene per il vostro scopo, chiedete in un vivaio. Dovete tener conto dello spazio a disposizione, ma anche del clima, di quanta attenzione richiedono (potature, innaffiature ecc..) dopodiché non vi resterà che scegliere il posto, scavare una buca e mettere a dimora la piantina, avendone sempre cura.


 
The dark world is on the rise. None will live. None now will rest. The dark lord will unleash his vampire minions upon the free people of Elysium and the rest of the world of Alamptria. Enter the literary world of dark fantasy. www.richardaericson.com From the award winning author of epic dark fantasy.