23 mar 2012

Come essere anticonformista

Probabilmente, anche se state leggendo questo articolo, già lo siete. Una persona anticonformista infatti non deve imparare ad esserlo, solitamente lo è e basta. Detto questo, anche se è già anticonformista, può aver timore nel mettere in pratica le sue idee e uscire allo scoperto.


Modi per essere anticonformista sul lavoro:

1)mettersi in proprio anche se con un’idea nuova e mai sperimentata da nessuno, ad esempio un prodotto che create voi e che nessuno ha mai commercializzato. Ovviamente prima di fare il salto nel buio dovrete capire se può esserci un minimo di mercato per questo prodotto, dopodiché molte volte è proprio il nuovo che spinge le persone a comprare.

2)Brevettare una propria idea. Se siete dei creativi, potreste inventare qualcosa di rivoluzionario e brevettarlo.

3)Creare un nuovo lavoro da uno vecchio. In tempo di crisi, bisogna inventarsi il lavoro. Come? Ci sono moltissime storie di giovani e meno giovani che hanno rivisto il loro mestiere e l’hanno adattato a nuove esigenze. Per fare un esempio, un tassista privato che utilizza il suo mezzo per fare itinerari turistici per coppie in luoghi storici e culturali.

4)Essere freelance. Avere più collaborazioni e proporre idee, come sono molti giornalisti o blogger.

5)Sempre di più si apprezza il ritorno alla vita semplice, ne parlavo ieri nel post dedicato a Pecoranera. Un’idea potrebbe essere quella di creare dal vostro orto un orto didattico dove spiegare come crescono gli ortaggi o, se si tratta di un giardino, piante e fiori, a scolaresche e gruppi.

6)Sfruttare ciò che si ha per nuovi usi. Tornando all’esempio dell’orto, se coltivate piante aromatiche e siete esperti nel loro utilizzo in cucina o, magari, per creare creme, potete pensare di avviare dei corsi in cui spiegate agli altri come farlo.

7)Integrare un lavoro con altre attività. Se prendiamo l’esempio dell’allevamento, chi già è in questo settore potrebbe pensare di aprire la sua azienda agricola ai visitatori, decidendo una cadenza, spiegare il funzionamento, avviando delle dimostrazioni pratiche su come si fa il formaggio o come si tosa una pecora e come si tesse la lana, magari facendo provare i visitatori, con l’opportunità di creare anche laboratori.

8)Trovare i canali per pubblicare i vostri scritti. Se volete pubblicare un ebook o un libro, informatevi su tutte le piattaforme di print on demand per la pubblicazione. Potete gestire voi la messa in Rete del vostro libro, anche se poi dovrete rimboccarvi le maniche per la promozione. Ma vuoi mettere la soddisfazione di pubblicare un libro e venderlo ad altri?


Essere anticonformisti sul lavoro significa, quindi, essere aperti a nuove possibilità, concretizzare le proprie idee ed essere flessibili, portando avanti la propria attività con coraggio anche quando può sembrare-agli altri-un azzardo. Per questo oggi vi propongo un libro che uscirà a breve e parla proprio dell’anticonformismo, non limitato al settore lavoro ma a tutti gli aspetti della vita, perché di solito una persona anticonformista lo è a tutto tondo, anche nella vita privata e in generale in tutte le scelte che fa.


Lara Zavatteri


Leggete dal 4 aprile il libro “L’Esperienza di un Anticonformista” di Chris Guillebeau