11 gen 2012

Come scoprire la val Pusteria con le ciaspole


Per chi non lo sapesse, le ciaspole, dette anche caspole, sono delle racchette da neve che permettono di camminare sulla neve senza affondare. Venivano usate anticamente, quando i rigidi inverni erano caratterizzati da abbondanti nevicate, per spostarsi da un luogo ad un altro e non restare isolati, oggi possono essere una valida alternativa allo sci.


Questo sport è adatto a tutti e permette di scoprire luoghi e di divertirsi anche a chi, magari, non sa o non ha la passione dello sci. Uno dei posti in cui è possibile usare le ciaspole per scoprire magici itinerari è l’Alto Adige, qui in particolare parliamo dell’alta val Pusteria anche se si può praticare praticamente ovunque.


Una precisazione: come per tutti gli sport anche per camminare con le racchette da neve bisogna scegliere un itinerario adatto alle vostre capacità. Se non l’avete mai fatto, scegliete dei percorsi facili e passate successivamente ad altri più impegnativi. Non uscite soli, seguite gli itinerari segnalati e non inoltratevi oltre, può essere pericoloso percorrere tratti che non si conoscono.


Una delle escursioni che potete effettuare è quella nella località di San Candido e nei suoi dintorni, con la possibilità di ritornare in seggiovia, dai Bagni di San Candido al rifugio Baranci. Oppure, se siete dalle parti di Sesto potete effettuare l’escursione dalla val Fiscalina al rifugio Croda Rossa, mentre per gli esperti una camminata da non perdere può essere quella nei pressi di Dobbiaco, precisamente tra Landro, la val di Rienza e toccando le magnifiche Tre Cime di Lavaredo.


Le escursioni si svolgono anche nelle altre zone dell’alta val Pusteria, come Braies e Villabassa, anche qui con itinerari più semplici ed altri più impegnativi. Camminando con le racchette da neve potrete scoprire le Dolomiti, diventate patrimonio dell’Unesco e farvi illustrare le bellezze dei luoghi grazie ad una guida alpina.


Come detto, camminare con le racchette da neve è possibile in tutto l’Alto Adige, per scoprire sempre nuovi percorsi e nuovi ambienti naturali. Per scoprire tutto questo potete visitare il sito dell’Alto Adige all’indirizzo http://www.suedtirol.info/it/.


I vantaggi di camminare con le ciaspole sono molteplici, a cominciare da un contatto diverso con la natura, con la possibilità di conoscere ambienti e luoghi incontaminati e senza fretta, perché camminando si può davvero scoprire la bellezza della natura, inoltre si tratta di una disciplina che è adatta anche ai bambini, quindi potete coinvolgerli nelle escursioni, perlomeno in quelle meno difficoltose. Si tratta inoltre di uno sport che non necessità di particolari doti fisiche, se non un minimo di allenamento e la curiosità di vedere posti nuovi.


Infine, oltre alle camminate diurne, in molti luoghi, oltre all’Alto Adige, si organizzano anche quelle notturne, scoprendo magari scorci diversi alla luce della luna. Inoltre, si tratta di uno sport rispettoso dell’ambiente, tanto che viene proposto anche all’interno di Parchi naturali, come in Trentino il Parco nazionale dello Stelvio, che per tutto l’inverno organizza camminate anche notturne nelle valli di Peio e Rabbi. Per saperne di più visitate il sito http://www.stelviopark.it/ e cercate l’escursione che fa per voi su tutta l’area del Parco, non solo quella trentina, anche di intera giornata. Buone camminate sulle ciaspole a tutti!


Lara Zavatteri


Leggete il libro “Le più belle gite nel Sudtirolo” di Hanspaul Menara


DESCRIZIONE
1-2-3 ore: Con 45 escursioni per dormiglioni, per tranquilli camminatori piccoli e grandi, principianti e amanti dell’aria aperta che vogliono prendersela con comodo.

Hanspaul Menara, «principe» sudtirolese delle escursioni, ha raccolto in due nuovi volumi le più belle gite in base a tempi di percorrenza fissi.

Tutte le descrizioni sono ben studiate e attualizzate 45 stupende escursioni in tutto il Sudtirolo Cartine e percorsi chiari e facilmente comprensibili. Libro disponibile su il giardino dei libri