18 gen 2012

Come rilanciare il proprio brand

Avete un vostro brand, un vostro marchio. Avete uno o più prodotti e un marketing avviato, conoscete le tecniche per la vendita online e offline. Eppure, qualcosa non va. Niente paura, basta pensare a delle strategie per rilanciarsi.

Se il problema sono le visite su Internet, su un blog.

Vi scrivo di un blog perché lo vedo come uno strumento molto più flessibile rispetto al classico sito che per chi non è esperto di html e dei linguaggi specifici resta difficoltoso da modificare. Ecco cosa cambiare nel vostro blog:

1) Il design. A volte si crea un blog senza dare troppa importanza al tema di fondo, che invece è molto importante. Dev’essere bello esteticamente, ma anche non eccessivamente “complicato”, senza troppe figure e troppi colori. Se avete fortuna, tra i temi proposti potete trovarne anche qualcuno che s’ispira al vostro progetto, allora perché non utilizzarlo? Per fare un esempio, se avete un negozio che vende prodotti fatti artigianalmente, come saponi o altro per la cura del corpo e vedete un tema con queste immagini, sceglietelo.

2) I post. L’ho detto molte volte, ma i motori di ricerca sono molto selettivi e premiano i blog che hanno due caratteristiche, cioè dei post scritti frequentemente ma anche dei post ben scritti, non scopiazzati o buttati lì tanto per fare. Scrivete il più spesso possibile, al massimo scrivete meno ma con contenuti interessanti.

3) Mancanza di immagini o video. Se finora avete scritto solo post senza aggiungere immagini o video, fatelo. Arricchiscono il blog e spesso ne approfondiscono il contenuto, nel caso dei video.

4) Fate dei video con la vostra faccia. Quante volte avete pensato, magari mentre navigate su un blog, all’aspetto e alla voce del suo curatore? Fare un video anche breve in cui si parla con i visitatori è ottimo perché dà un senso di vicinanza con loro.

5) Periodicamente, coinvolgete i vostri utenti. Scrivete dei post in cui chiedete a chi visita il blog di fornirvi un’opinione, ad esempio se hanno già acquistato qualche prodotto da voi.

6) Scrivete dei post domandando ai vostri potenziali clienti che cosa vogliono, anzi cosa vorrebbero che ancora non esiste in commercio da voi. Per esempio (restando su quanto scritto prima) potrebbe essere un sapone di una fragranza particolare o dalla forma insolita. Raccogliete le opinioni, quelle migliori, impegnatevi per realizzarle e venderle. Vedere che avete raccolto i loro suggerimenti non potrà che far piacere ai vostri clienti che saranno portati a seguirvi ed acquistare.

7) Potete coinvolgere i vostri visitatori anche in altri modi. Per esempio, se avete scritto un libro che parla di come curare le piante, create uno spazio apposito per pubblicare le domande dei vostri utenti. Sollecitateli a partecipare, a mandare le immagini dei loro successi ma eventualmente anche degli insuccessi, così da commentarli insieme e trovare una soluzione.

8) Aggiornate il o i prodotti che offrite. Se si tratta di un infoprodotto, create una nuova guida, un tutorial o altro, ad esempio se avete scritto un ebook potete pensare di completarlo con una serie di video, tipo un corso, oppure se siete degli artigiani, proponetevi per realizzare oggetti personalizzati per chi visita il sito. Ad esempio, se avete un negozio dove vendete oggetti creati da voi, pensate di acquistare uno stock da personalizzare come decideranno i vostri clienti. Rientrano in questa categoria le tazze, che sono sempre di moda, dove potrete dipingere ciò che i vostri clienti richiedono.

Queste sono alcune idee per rilanciare il vostro brand, per essere più vicini ai vostri clienti-visitatori e per farvi conoscere anche da nuove persone.

Lara Zavatteri


Leggete il libro “Riposizionarsi” di Jack Trout e Steve Rivkin

Libro disponibile su il Giardino dei Libri

DESCRIZIONE
Avete appreso e padroneggiato l'arte del marketing. Avete posizionato il vostro business, creato e affermato il vostro brand e conquistato il vostro target. Sfortunatamente, nell'economia attuale non è abbastanza. Avete bisogno di riposizionarvi.

È il tempo delle "tre C" - Competizione, Cambiamento e Crisi (attuali e venture) - e di una nuova parola d'ordine per il marketing: il riposizionamento di prodotti e servizi.

Riposizionarsi significa riadattarsi al contesto, drasticamente modificato, che ogni azienda oggi deve affrontare: battendo la concorrenza, cambiando al ritmo con i tempi, gestendo le crisi.