03 gen 2012

Come conoscere Facebook e alcuni consigli


Ormai Facebook è una parola diventata di uso comune e non occorre quasi più spiegare a nessuno di che cosa si tratti. Ad ogni modo, per chi non lo sapesse, si tratta di un social network, ovvero un luogo virtuale dove ci si può iscrivere gratuitamente, creare un profilo e conoscere vecchi o nuovi amici. Vecchi perché è possibile rintracciare, ad esempio, gli amici delle superiori, di cui si erano perse le tracce, o colleghi di lavoro e via dicendo.

Facebook è stato inventato dal giovane Mark Zuckerberg partendo proprio dall’idea di rintracciare amici che con il tempo si sono “persi” per strada, in modo da riallacciare amicizie. In poco tempo il social è diventato un colosso che conta moltissimi iscritti in tutto il mondo, Italia compresa ed è in continua espansione. Inoltre Facebook periodicamente si rinnova, come puoi aver notato se sei già iscritto.


Ad esempio attualmente è possibile, dal proprio profilo, creare una sorta di “diario” delle principali attività svolte sul social, anche l’aspetto grafico muta e mette in risalto le cose più importanti. Nel libro che propongo, “Mister Facebook” si trova appunto la storia dell’inventore di Facebook e di Facebook stesso, così da capire fino a che punto questo servizio abbia cambiato il nostro modo di vivere.


Si tratta insomma di un libro che aiuta a capire le motivazioni che hanno spinto questo ragazzo a inventarsi uno dei progetti forse più incredibili e apprezzati e a trasformarlo in un business, ma anche un modo per riflettere su come Facebook condizioni le nostre vite. Ecco alcuni consigli su come usarlo.


Per prima cosa, non fatevi ingannare. Forse ancora non l’avete notato, ma su Facebook pare che nessuno sia triste o abbia dei problemi. Sui profili si trovano solo immagini di persone sorridenti e via così nelle foto e nei video. Certo non può essere così, solo che si tende a mettere in Rete solo quello che si reputa migliore per farsi conoscere.


Iscrivetevi con il vostro vero nome. Questo perché, quando qualcuno vi cercherà, sarà facile trovarvi, ma anche per essere credibili. Chi si iscrive con un nome falso infatti suscita diffidenza e sospetto, quando vi capiterà di ricevere richieste d’amicizia da persone con nomi strani o falsi, pensateci due volte prima di accettare.


Non confermate tutte le richieste di amicizia, indiscriminatamente. Prima di accettare fate un giro sul profilo della persona, cercate di farvi un’idea di chi sia e del perché voglia diventare vostro amico su Facebook. Poi, eventualmente, confermate.


Se vi capita di aver confermato un’amicizia e la persona si rivela troppo invadente o comunque vi crea continuamente disagio, non esitate a cancellarla dalle amicizie e anche se vi richiederà l’amicizia rispondete sempre di no. Va bene essere gentili con tutti, ma bisogna anche tutelarsi.

Scrivete la verità su voi stessi, senza, almeno all’inizio, mettere troppi dettagli. Per esempio il numero di telefono è meglio non scriverlo su Facebook, inoltre non fate a gara per vedere, con i vostri amici reali, quanti amici virtuali avete su Facebook. Meglio averne meno ma ben selezionati che moltissimi e non interagire mai con loro.


A questo proposito, periodicamente visitate il vostro spazio dedicato agli amici e cancellate quelli con cui in pratica non avete nessuna interazione. Se avete la posta intasata da messaggi di gruppi e pagine create dai vostri amici, abbandonate il gruppo o la pagina, non è possibile passare troppo tempo a cancellare i messaggi di gruppi che non vi interessano più.



Usatelo con moderazione, ricordandovi che è sì una vetrina, ma rappresenta solo una parte della vita altrui. In pratica Facebook raccoglie e mette in mostra il bello, ma ogni persona, anche se non lo scrive sul social, ha naturalmente problemi e periodi brutti, come tutti. Insomma, non è tutto oro quel che luccica. La vita vera, purtroppo, è molto più complicata di Facebook.


Lara Zavatteri



Leggete il libro “Mister Facebook” di Jack Burton



 DESCRIZIONE 

"Ti trovo su Facebook?". Questa frase, usata e sentita sempre più spesso e in ogni ambito sociale, ha ormai sostituito, oggi, frasi del tipo: "Ti lascio il mio biglietto da visita", oppure, "Se ho bisogno, come ti rintraccio?".
La piattaforma inventata da Mark Zuckerberg, nonostante i pareri soggettivi che si possono avere in merito, ha rivoluzionato il modo di comunicare a un livello tale che nemmeno gli stessi creatori avrebbero mai immaginato. Ha fornito agli utenti quello di cui avevano bisogno e cioè uno spazio dove poter comunicare, condividere ed esprimersi.
Oggi Facebook è il social network più conosciuto al mondo, con oltre settecento milioni di iscritti, e un'azienda quotata svariati milioni di euro, solida e in espansione.