12 dic 2011

Come utilizzare dei feedback negativi su un ebook


Se hai creato un infoprodotto come un ebook e dopo un po’ ricevi dei feedback, cioè dei commenti parzialmente o del tutto negativi, non scoraggiarti, usali così.

Quando hai creato un ebook e qualcuno l’ha acquistato, può capitare di trovare dei commenti che non giudicano del tutto positivamente il tuo lavoro, ad esempio sul blog dedicato all’ebook, sulla tua posta o, se l’ebook è distribuito su qualche sito, nello spazio dedicato ai commenti. Non scoraggiarti, certo non si può dire che sia piacevole, ma sfrutta questi feedback a tuo favore.

Facile a dirsi, ma come fare? Con quelli positivi non c’è problema, anzi si possono e si devono mettere in “vetrina” sul sito o blog in modo che chi vorrebbe comprare l’ebook possa leggere già alcune testimonianze di chi l’ha comprato. Ma con quelli negativi, come comportarsi?

Per prima cosa, non fare l’errore di ignorare il commento. Fare finta che quella persona non abbia scritto nulla sul tuo ebook equivale a ignorare anche la persona e in qualche modo a dare l’impressione di sentirsi “superiori”. Perciò, come prima cosa, rispondi sempre anche quando criticano quello che hai scritto.

Chiedi spiegazioni e mantieni un tono pacato. Spesso chi scrive dei feedback negativi non illustra bene perché, secondo il suo punto di vista, quell’ebook non è valido. Rispondi al commento chiedendo spiegazioni, in modo da comprendere ad esempio quale parte non è stata capita e soprattutto perché, dove esistono delle lacune, dove magari un concetto è stato spiegato male o sbrigativamente. Cerca di chiedere la massima precisione possibile, in questo modo da un lato fai capire di essere interessato e dall’altro ottieni spunti per migliorare.
Anche se una persona dovesse commentare il tuo lavoro in modo quasi offensivo, non fare altrettanto. Mantieni sempre un tono pacato, disponibile al dialogo, almeno nei limiti del possibile. Se è il caso, scrivi che sei disposto ad ascoltare le critiche, ma solamente se si abbandona un certo stile di scrittura che può offendere.

Quando hai capito cosa, secondo quella persona, funziona poco dell’ebook, prova a fare un piccolo sondaggio tra i tuoi lettori e chiedi, online attraverso la pagina Facebook, blog o siti, offline a voce, se anche altri acquirenti non hanno gradito molto quelle parti (anche se non l’hanno detto). Se così non è, non fare nulla e attendi altri commenti, se ne arrivano di simili inizia a pensare di modificare il tuo ebook.

Se hai pubblicato con una piattaforma di print on demand puoi facilmente modificare il tuo progetto, ad esempio aggiungendo alcune parti scritte, magari con spiegazioni più efficaci nei punti che ti sono stati segnalati. Puoi aggiungere anche approfondimenti e se lo ritieni necessario modificare anche parti che magari non ti sono state segnalate ma che ti sei accorto potrebbero essere migliorate.

In alternativa, puoi pensare ad un report, gratuito o meno, che illustri quelle parti segnalate nei feedback negativi e magari dia anche qualcosa in più, come dei contenuti che l’ebook non contiene, in modo da fornire ulteriori spiegazioni e, magari, tramutare un giudizio negativo in uno positivo.

Lara Zavatteri



Leggi l'ebook "Il tuo primo ebook" di Paolo Console

DESCRIZIONE

"Il Tuo Primo eBook" è una guida pratica e veloce che, senza tanti giri di parole, ti permetterà di scrivere un ebook e di dare allo stesso un'immagine professionale.

In questa guida Paolo Console ti svela quei piccoli "segreti" che possono dare al tuo libro in formato elettronico una marcia in più!