14 nov 2011

Come scrivere un blog di ricette e trasformarlo in un infoprodotto

Se siete appassionati di cucina e state pensando di trasformare questa passione in qualcos’altro, potete mettere in campo diversi progetti, partendo da un blog.


Creare un blog importante per condividere delle ricette può essere un buon modo per capire per prima cosa se queste sono apprezzate e naturalmente anche per sapere se ciò che scrivete è di facile comprensione, dove dovete migliorare e insomma per ricevere feedback da chi vi segue.


Iniziate creando un blog, vi suggerisco Blogger, come ho detto varie volte per due ragioni: è facile e intuitivo da usare ed inoltre è legato a Google e quindi è meglio indicizzato. Cercate un titolo “forte” per il vostro blog, che identifichi subito di cosa parlerete, ad esempio “Antiche ricette” o “Le ricette nel cassetto” possono essere alcuni spunti per ricette che, magari, fanno parte della cucina italiana ma di un tempo e che oggi si stanno perdendo.


Ovviamente, scegliete a seconda di ciò che proporrete nel blog, potete decidere di creare un blog su primi, secondi, contorni e dessert oppure di concentrarvi solamente su un settore. Per esempio, se siete degli assi nei dolci, vi consiglio di mettere tutte le vostre energie in questo e dedicare un blog, appunto, ai dolci e basta.


Pubblicate dei post con le ricette, ovviamente corredate di foto, mentre riserverete le colonne laterali (meglio, su “design”, scegliere un layout a due colonne) a ciò che deve restare “fisso” nel blog. Sulla destra in alto scrivete in breve chi siete e il perché del blog, man mano che il blog si sviluppa potete riempire le colonne.


Per esempio, se iniziate a commentare e ad essere commentati da altri blogger, potete aggiungere una lista di “link amici” su una colonna, oppure potete decidere, quando il blog sarà ben avviato e avrete pubblicato molte ricette, di creare in Word (o Open Office) un piccolo report con ricette alternative o che ancora non avete proposto, da scaricare gratuitamente. Questo consentirà ai vostri lettori affezionati di avere un motivo in più per continuare a seguirvi, mentre chi è nuovo del blog potrà imparare a conoscervi.


Se volete fare un salto in più, potete decidere di creare un infoprodotto partendo proprio dal blog. Potete pensare di raccogliere le ricette migliori, o magari quelle più votate e apprezzate dai vostri lettori, o quelle più lette (basta vedere le statistiche dei post) e copiarle in un file Word. Dopo tutti gli accorgimenti del caso-controllo ortografia, margini ecc…- scattate una bella foto al vostro piatto più riuscito. Dovrà essere non solo una ricetta riuscita, ma anche bella da vedere, perché servirà per la copertina del vostro libro. Preparate anche una vostra breve biografia, incluso l’indirizzo del blog e una presentazione.


Potete facilmente pubblicare e vendere il vostro libro grazie alle piattaforme di print on demand come Photocity, Ilmiolibro, Lulu, Unibook e altri. Leggete le condizioni e pubblicate in poco tempo il vostro libro.


Oppure, potete pensare di creare dei video mentre cucinate. Vi basta una videocamera o il vostro stesso pc se ha una webcam incorporata. Provate a fare pratica e quando vedete che il risultato è ottimo, cioè si vede e si sente tutto e non ci sono problemi, potete decidere di creare una serie di filmati. Potete poi venderli sempre usando piattaforme di print on demand, come Lulu, pubblicizzando il tutto sul vostro blog.


Leggete il mio articolo Come trovare idee per scrivere un libro-ricette e consigli culinari


Lara Zavatteri


Leggete il libroRicette 2.0. La cucina made in ItalyDai blog alla tua tavola


DESCRIZIONE
Se non venite a leggere le ricette dei food blogger nel web, ve li portiamo noi a casa. Questo libro lega la cucina tradizionale con il meraviglioso mondo dei blog: la blogosfera del cibo!

Venti fantasiosi ricettologi del web hanno condiviso con noi le loro migliori ricette.

Ricette 2.0, nato qualche anno fa come motore di ricerca, oggi può vantare centinaia di blog. Quotidianamente le loro ricette diventano ricercabili con un click, con tutta la potenza che Google può fornirci.