20 ott 2011

Non sapersi organizzare

Gli 8 errori da evitare all'università: Errore n. 3 
Il terzo errore importantissimo quando si studia all’università è NON
avere una buona organizzazione.



Cosa significa essere organizzati?

Significa essere in grado di gestire il carico di lavoro che hai per la
preparazione dell’esame distribuendolo in modo efficace per poter
arrivare preparato con giorni di anticipo rispetto alla data dell’esame.
Significa non dover fare full-immersion di studio nei giorni antecedenti
l’esame perché non hai ancora finito di studiare, o augurarti, magari
invocando la bontà divina, che il professore non ti vada a chiedere
proprio l’argomento che conosci di meno o che non hai fatto in tempo a
studiare.

Con una corretta organizzazione sarai in grado di sapere esattamente
quante pagine devi studiare ogni giorno per arrivare preparato con
anticipo all’esame, sarai in grado di ben conciliare i tuoi impegni extra
universitari con lo studio. Una buona organizzazione nello studio ti
permetterà infatti di AVERE PIÚ TEMPO LIBERO !

 Esistono 2 fasi nell’organizzazione dell’esame: 

1. l’organizzazione che noi abbiamo definito “pre-studio” quando
ancora stai raccogliendo il materiale che ti servirà per l’esame e
sarà in quel momento che andrai a definire QUANTE PAGINE devi
studiare giornalmente o, se devi preparare 2 esami con appelli
vicini come distribuire il carico di lavoro per arrivare preparato in
eguale modo ad entrambi gli esami.

2. l’organizzazione vera e propria del tuo studio che prevedrà
QUANTE ORE studiare giornalmente e con quante pause, COME Essere
organizzati non ha nulla a che vedere con l’essere rigidi e
pignoli, tutt’altro! La tua organizzazione ti permetterà di affrontare
con maggiore flessibilità e tranquillità gli imprevisti che spesso
capitano durante la preparazione di un esame.
Inizia sin da oggi a quantificare la mole di lavoro che devi affrontare
per il prossimo esame, inizia a verificare il tempo che hai a
disposizione e preparati un planning giornaliero realistico che ti sia
d’aiuto nella distribuzione dello studio.

Anonymous - Costituzione della Repubblica Italiana e Statuti Costituzionali del Regno d'Italia

Record bibliografici
  • Autore: Anonimo 
  • Titolo: Costituzione della Repubblica Italiana e Statuti Costituzionali del Regno d'Italia 
  • Lingua: Italiano 
  • Data di uscita: 2007/07/09 
  • Download free ebook: Anonymous - Costituzione della Repubblica Italiana e Statuti Costituzionali del Regno d'Italia.



  •  Formato: Solo testo   Dimensione: 162 KB   Download Link:   Scarica gratis
  •  Formato: PDF            Dimensione:  267 KB  Download Link:   Scarica gratis  
Per la tua biblioteca digitale ti consigliamo BeBook store

Come uscire dal tunnel di paure, fobie, ossessioni

Capita nella vita di molti di avere un momento di paura, un forte stress, un’emozione troppo negativa per riuscire a superarla. Tutto questo porta alle “malattie del nostro secolo” vale a dire a tutto ciò che mentalmente non ci fa stare bene e ci crea disagio nella migliore delle ipotesi. Sottolineo che non sono un medico e mi limito in questo articolo a dare dei consigli, perché ogni caso è diverso e mi limito perciò a scrivere alcune regole in generale.




Di solito infatti ansia, fobie, ossessioni portano anche ad avere scarsa autostima, alla depressione o altro. In molti hanno vissuto o vivono queste esperienze ed è molto difficile conviverci. Ecco alcuni consigli e un libro che, in uscita nel mese di novembre, può aiutare a superare tutto questo.


Non è vero. Qualunque paura, ossessione o fobia hai in testa, non è reale. Dopo uno spavento o un evento similare, la tua testa è andata in tilt e non riesci più a percepire ciò che è reale da ciò che in realtà non lo è. Questo ti porta a credere di aver sbagliato su molte cose, di aver commesso errori anche gravi e in pratica ti fa pensare che sei un fallimento e un disonesto su tutti i fronti.


Non crearti delle dipendenze. In queste situazioni è facile farsi prendere dal panico e cadere nel vortice delle dipendenze da alcol, droghe, fumo o altro. Non farlo, perché poi dovrai risolvere anche questo problema.


Non imbottirti di farmaci. Con questo non voglio dire di non fare se necessario una visita dal tuo medico ma evita di trovarti nella situazione di dover dipendere da una bomba di farmaci, ogni giorno. Avere problemi come questi è orribile, ma non per questo bisogna diventare delle larve, perché i farmaci spesso hanno come risultato quello di intontirti. Rimani vigile, anche quando sembra impossibile.


Non tenerti tutto dentro. Parla con un familiare, un amico, cerca altre persone che hanno attraversato o stanno attraversando ciò che provi tu. Non sei solo, altri hanno sofferto come te e ne sono usciti.


Non sottovalutare la pazienza. Se sei un tipo calmo, sei già avvantaggiato, altrimenti devi imparare la pazienza. Questo significa che se non ne hai mai avuta, dovrai un po’ alla volta trovare la pazienza di sopportare situazioni che magari si prolungano nel tempo. Devi farlo, o non riuscirai ad andare avanti.


Non abbandonare la tua vita. Quando tutto va storto, si tende a lasciarsi andare. Non mollare il lavoro, non cessare di fare le attività che facevi prima. Il lavoro molte volte aiuta a superare, almeno in parte, queste paure.


Non avere paura. La paura è la molla che fa andare avanti nella mente fobie, ossessioni, ansie varie. Non avere paura, ripetilo come un mantra. Cerca di sdrammatizzare, di ridere delle paure che ti vengono in mente. Non è facile, anzi. Ridere quando si ha paura, però, è una cosa che la tua mente non si aspetta. Fallo!


Non pensare che sarà sempre così. Pian piano prenderai coscienza che la tua paura non aveva motivazione, che va tutto bene e che puoi tornare a vivere. Certo ci vorrà del tempo, la mente tenta in ogni modo di ingannarti. Ma ogni piccolo segnale di miglioramento è un punto a tuo favore.


Lara Zavatteri



Leggi il libro “Cambia il tuo cervello, cambia la tua vita” di Daniel G.Amen, disponibile da novembre



DESCRIZIONE

Partendo da solide basi scientifiche, un noto scienziato spiega come ansia, depressione, rabbia, ossessioni e impulsività hanno un’origine biologica e possono essere rapportate al funzionamento di determinate strutture del cervello.

Il dottor Amen afferma che non siamo costretti a rimanere “bloccati” per tutta la vita col cervello con cui siamo nati. Possiamo infatti cambiarne la fisiologia e possiamo individuare la fonte di molte difficoltà.

Grazie a numerosi consigli pratici ed efficaci strumenti, potremo superare diversi problemi e ottimizzare il cervello per imprimere una svolta decisiva alla nostra vita.

Tra le numerose e sorprendenti “ricette cerebrali”, impariamo a:

Sconfiggere ansia e attacchi di panico con semplici tecniche di respirazione ideate per calmare il tumulto interiore
Combattere la depressione imparando ad allontanare gli automatismi negativi
La dieta Amen e i cibi che calmano l’ira e la paura
Vincere l’impulsività e imparare a focalizzarsi con la tecnica il “miracolo della pagina”
Far cessare le preoccupazioni ossessive con esercizi di scrittura “contro le fissazioni”

I nostri modelli cerebrali ci aiutano (o ci ostacolano) in tutti gli aspetti della vita e se soffriamo di disturbi emotivi o psichici arriviamo a credere che dipendano “dalla nostra testa”, che siano cioè puramente psicologici. Ma attraverso le ricerche che ha svolto, il dottor Amen dimostra che non è così.

Abbinando teoria e pratica in un linguaggio alla portata di tutti, Cambia il tuo cervello, cambia la tua vita permette di prendere in mano le redini della propria esistenza e... del proprio cervello!