21 set 2011

Come salvare un blog moribondo

Se hai un blog ma stai meditando di chiuderlo per mancanza di visitatori o altro, prima di darti per vinto leggi alcuni suggerimenti che potrebbero tornarti utili per riuscire a dare una svolta al blog.


Per prima cosa, cambia il look del blog. Se è da un po’ che non lo fai, magari la piattaforma con cui hai creato il blog, ad esempio Wordpress o Blogger ha messo a disposizione nuovi temi con cui rendere più accattivante il tuo blog. Dai un’occhiata e, ancora meglio, cerca un tema che per colori ed eventuali figure richiami la tua attività o ciò di cui parla il blog.


Per la parte grafica se usi Blogger puoi personalizzare anche le immagini, ad esempio contornandole di un colore diverso, o lo sfondo. Se finora hai usato uno sfondo bianco, puoi decidere di cambiare, ti basta decidere il colore che preferisci cliccando nella parte dedicata al design. Fai in modo che il blog sia interamente leggibile e che parole o scritte di colori differenti non affatichino la vista.


Fatto questo, fai una lista di post da scrivere per dare nuova vita al tuo blog. Puoi programmarli settimanalmente, così da avere un blog abbastanza aggiornato e nuovo materiale da proporre ai tuoi lettori. Dipende anche da quale tipo di blog hai aperto. Se sei un libero professionista, ad esempio, puoi catturare nuovo traffico sul tuo blog scrivendo post generali, come ad esempio su un evento di architettura (se sei un architetto) particolarmente importante. Non importa se l’evento non si svolgerà nel luogo in cui ti trovi, scrivendo un post del genere hai due vantaggi.


Il primo è, appunto, riuscire ad avere visitatori. Un grande evento, come una fiera del settore, suscita sempre grande curiosità e il tuo blog potrà apparire nei motori di ricerca quando qualcuno cercherà di saperne di più sull’evento. Insomma, tra i risultati di Google o altri motori, se troverà il tuo blog, leggerà il post e magari ti seguirà anche dopo. Il secondo vantaggio è che scrivere più in generale, non restringendo il campo alla tua zona, hai naturalmente la possibilità di raggiungere molte più persone.


Crea dei post interessanti e ricchi di informazioni. Non limitarti a scrivere due righe striminzite e inserire un link. Prima di tutto, restando sull’esempio della fiera, nel titolo inserisci il nome dell’evento e poi riprendilo più volte nel post, se lo evidenzi in grassetto ancora meglio perché è come una spia per i motori di ricerca che lo individueranno prima. Cerca una bella immagine e descrivi l’evento nei suoi aspetti più interessanti, aggiungi un video che puoi trovare su Youtube, alla fine metti il link per visitare la pagina e altri affini.


Scrivi un post in cui chiedi alle persone di commentare ciò che scrivi, aggiungi dei sondaggi, insomma cerca di capire cosa pensa il tuo pubblico del blog. Chiedi agli altri quali argomenti vorrebbero vedere trattati sul tuo blog e poi scrivine.


Se partecipi a progetti, corsi, fiere o altro e realizzi dei video, apri un canale su Youtube, pubblicali con il riferimento al tuo blog e sul blog metti il link di collegamento al canale, sarà anche questo un modo per far conoscere il blog ma anche te stesso per i filmati che hai realizzato. A volte si preferisce visionare un video e quelli creati da te potrebbero essere il tratto distintivo del tuo blog.



Lara Zavatteri



Leggete l'ebook "Seo. Essere visibili sui motori di ricerca" di Giorgio Taverniti, disponibile anche in versione cartacea.




DESCRIZIONE

Questo ebook, pubblicato in collaborazione con "Libreria Strategica", contiene una dettagliata e minuziosa spiegazione dedicata alle strategie per posizionare un sito sui motori di ricerca, e consente anche ai non esperti di ottenere ottimi risultati in poco tempo.