19 set 2011

Come riscoprire il bello nella semplicità

Spesso siamo così presi dalle nostre vite e dai nostri impegni che non ci accorgiamo di ciò che abbiamo intorno. Oppure, siamo immersi in una situazione difficile, dalla quale fatichiamo ad uscire e tutto ci appare brutto e nero.




Sono le piccole cose quelle che ci possono fare ricordare il bello della vita. Per prima cosa, un consiglio se si trovi nella prima situazione. Rallenta, non arrivare a fine giornate come se tu fossi un robot programmato solamente per produrre, altrimenti sarai sempre esausto, frustrato e avrai la sensazione di passare giornate sempre uguali.


Se ti trovi nella seconda situazione, per quanto brutta sia e qualunque sia il motivo, costringi te stesso a non lasciarti andare. Un brutto periodo, specie se prolungato, purtroppo può avere conseguenze negative sulle persone. Si tende a trascurarsi, a non uscire, ad ignorare le persone e magari anche a non lavorare, prendendo un’aspettativa o licenziandosi.


Non fare nulla di tutte queste cose, perché sarà peggio. Continua a lavorare, anche se è dura, anzi durissima, anche se alzarsi dal letto la mattina ti costa una fatica enorme e pensi che per te non ci sia nulla di buono a questo mondo. Sforzati e un giorno capiterà di alzarti e vedere un po’ di colore tra il nero del tunnel in cui sei precipitato.


Fate una lista scritta delle cose belle che già avete. Intanto, siete in salute, il che non è scontato considerando quante persone invece si trovano in ospedale o vivono con malattie croniche. Si pensa che sia normale stare bene, ma è una fortuna di cui rallegrarsi. Essendo vivi e sani, potete vedere e godere delle belle cose della vita.


Cosa metterete nella lista? Tutte le cose belle che avete, ad esempio un bel rapporto con i vostri famigliari, con un fratello, un figlio, con il proprio partner, l’affetto che avete (e che viene ricambiato) per un animale domestico, il vostro lavoro e la possibilità di essere indipendenti economicamente, gli amici, ma anche il tempo che dedicate a voi stessi, i luoghi della natura che vi piace visitare, anche cose che appaiono “stupide” come una bella canzone o un bel programma in televisione.


Dall’altra parte della lista scrivete cosa volete fare prima di arrivare a…quanto, cento anni? Scrivete proprio tutto, ad esempio viaggiare e visitare posti nuovi (fate l’elenco), pubblicare le vostre fotografie di natura su un giornale importante, vedere la vostra firma su un libro, comprare la barca dei vostri sogni, fare un regalo importante a persone che per voi contano molto, diventare un volontario del WWF, insomma scrivete tutto quello che volete fare nella vostra vita. Già mentre scrivete vi sentirete molto eccitati, perché vi rendete conto che non c’è nulla a bloccarvi, tutto queste cose voi le potete fare sul serio, chi se ne importa se siete super indaffarati o depressi o in una condizione che sembra senza via d’uscita? Le potete fare tutte e le farete se saprete contrapporre l’entusiasmo per la vita alla malinconia o alle lamentele.



L’ho scritto varie volte ma non mi stanco di ripeterlo: circondatevi di colori, anche quelli sono parte del bello della vita. Dipingete le pareti di casa con colori allegri, indossateli, fissateli su una tela. La vostra vita è a colori, anche se adesso vi appare in bianco e nero.


Lara Zavatteri




Leggete il libro Tutto il bello che c’è di Alan Cohen 


DESCRIZIONE
Se anche tu, come molte altre persone, hai dedicato tempo ed energie nella ricerca del maestro, della tecnica o della filosofia capaci di aggiustare quello che non funziona nella tua vita e di garantirti una costante evoluzione all'insegna della crescita personale, troverai finalmente quello che cerchi in questo libro illuminante, sincero e dinamico.