21 apr 2011

Come fare le pulizie di primavera

Basta un po’ di sole in più, l’aria frizzantina che entra dalle finestre finalmente aperte…ed è primavera (anche se fa ancora freddino, specie al nord). Con questa stagione si lavora alle grandi pulizie della casa, un modo per mettere in un angolo il ricordo dell’inverno e accogliere la bella stagione. Ecco alcuni consigli.




Le pulizie di primavera stancano, perciò come prima cosa suggerisco di suddividere il lavoro su più giornate, per non ritrovarvi sfiniti e per lavorare anche con più tranquillità, senza l’assillo di tantissime cose da finire.


Detto questo, la prima cosa da fare è riporre cappotti, giacche a vento, golf e in generale abiti e accessori invernali. Non buttate tutto in un armadio così come viene (anche se la tentazione c’è…) ma verificate che gli indumenti non siano macchiati o da lavare. Se hanno bisogno della lavatrice, organizzatevi e, per capi delicati o più grandi, come cappotti e trapunte, portate tutto in tintoria.


Se le cose dell’inverno sono pulite, fate spazio negli armadi. Se siete fortunati e avete molti armadi, potete direttamente trasportare tutti gli indumenti invernali, compresi sciarpe, guanti e quant’altro, nell’apposito ripostiglio, mentre se avete poco spazio potete mettere tutto in fondo all’armadio e comunque dietro agli abiti più leggeri. Un’ottima cosa è fare ordine con le scatole apposite, si trovano nei grandi magazzini, che possono contenere i capi invernali e sono anche belle da vedere. Scegliete quelle con uno spazio trasparente ai lati, così da capire cosa contengono senza aver bisogno di applicare etichette.


Finito con gli abiti (e sarà già una bella impresa) riponete anche tutti gli “accessori” che vi hanno accompagnato durante tutto l’inverno, come ad esempio fornelletti per riscaldarvi, boule dell’acqua calda (se non fa ancora freddo) calzature robuste, stivali e insomma ogni cosa che vi ha aiutato a superare la stagione fredda.


Date luce alla casa. Con la primavera c’è anche voglia di ringiovanire gli ambienti e allora via le tende pesanti e avanti con i tessuti leggeri, colorati e soprattutto trasparenti, capaci di rallegrare la casa e al contempo far entrare molta più luce. Allo stesso modo cambiate i tappeti prediligendo tessuti appunto più leggeri e colorati.


Il tasto dolente sono le pulizie vere e proprie. Iniziate spolverando le superfici, anche in quei posti in cui normalmente non si fa come la parte sopra degli armadi o delle credenze e in genere in tutti gli angoli più nascosti e più trascurati, quindi anche più sporchi. Se avete mobili in legno curateli con prodotti appositi e lo stesso fate con oggetti in rame o ottone, così da farli risplendere.


Passate l’aspirapolvere in tutta la casa e infine lavate i pavimenti facendo asciugare con le finestre aperte. Finito tutto ciò, il grosso è fatto. Resta da abbellire un po’ la casa, e quale ornamento è più bello dei fiori? Potete esporre qualche pianta sul terrazzo/balcone, informandovi dal fioraio perché le improvvise gelate potrebbero danneggiarli o preferendo qualche piantina da appartamento, preferibilmente molto colorata, per dare allegria. Perfette sono le gerbere che esistono in diversi colori e sono disponibili sia in vaso sia come fiori recisi.

Lara Zavatteri

Leggi il libro Pulire al naturale
Ricette semplici ed ecologiche per la casa e il bucato senza  l’utilizzo di prodotti tossici e inquinanti” di Gabriele Bindi.