23 nov 2011

Come fare un blog/sito “contenitore”

Se sei una persona che lavora molto grazie a Internet e magari ha diversi blog che a loro volta pubblicizzano degli infoprodotti (libri, ebook, cd ecc...) ricorda che non tutti cercheranno il nome di quel tuo prodotto sul motore di ricerca. E allora? La soluzione è un blog o sito definito “contenitore”.



Partiamo col dire che avere un blog o un sito contenitore di per sé è la stessa cosa, se sei abbastanza pratico del linguaggio con cui si realizzano i siti puoi aggiornare frequentemente anche un sito, altrimenti creati un blog se non sai niente di codici e stringhe.


Perché farlo. Chi ti cerca su Internet può cercarti per nome, ad esempio se già ti conosce di persona o grazie alla Rete, ma spesso gli utenti fanno ricerche inserendo parole (una o più di una) sperando di trovare qualcosa che possa aiutarli in un determinato campo. Se hai scritto un ebook sulla finanza, facilmente un utente scriverà “ebook and finanza” nella stringa di ricerca, e s’imbatterà nel tuo blog che promuove il tuo ebook. Oppure, se già qualcuno conosce il nome del tuo ebook, può andare direttamente sulla pagina del blog.


Allora, qual è il problema? Non si tratta di problemi ma di 1) trasparenza e 2) ulteriore promozione. Creando un blog o sito contenitore dici in sostanza chi sei e spieghi di cosa ti occupi, così da farti conoscere, anche se virtualmente, dai tuoi potenziali acquirenti. Inoltre, se in passato hai già pubblicato altri lavori, nel blog-sito contenitore chi naviga potrà visionarli tutti.


Cosa inserire. Diciamo che in un sito-blog contenitore dovranno trovarsi le informazioni che, come detto, potranno far capire chi sei e mettere in vetrina i tuoi lavori. Chiama il blog o il sito contenitore con il tuo nome e cognome, aggiungi una tua breve biografia e una tua immagine, oltre ad una mail per rintracciarti.


Pubblica le tue attività, aggiungendo dei link per consentire a chi è arrivato sul blog di avere degli esempi di ciò che fai. Poniamo che tu disegni, scrivi il link di quel portale che ti ha pubblicato l’opera, così che gli altri possano vederla. Può essere un buon modo per farsi conoscere anche quando ti viene richiesto un curriculum, perché spesso chi assume vuole subito degli esempi dei tuoi lavori.


Pubblica le immagini e la descrizione dei tuoi lavori, con l’indirizzo completo dei blog di riferimento. In pratica chi arriverà su questo contenitore potrà sapere tutto ciò che hai realizzato in quel momento, cosa che non sarebbe stata possibile se l’utente si fosse fermato alla ricerca di un tuo ebook e senza questo strumento.


Pubblica un saluto con un video. Ascoltare la tua voce è un qualcosa in più per chi visita il blog ed inoltre ti consente di dare il benvenuto a tutti coloro che arrivano sulla tua pagina.


Sia che tu scelga un blog o un sito, aggiornali ogni volta che crei un lavoro nuovo. Di tanto in tanto dai un’occhiata, se hai un blog, ai temi proposti per lo sfondo, che vengono aggiunti periodicamente, per “svecchiare” il tuo spazio web e ridargli nuovo smalto quando ne avrà bisogno. Infine, cita il tuo blog contenitore tutte le volte che rispondi ad e-mail o hai a che fare con il pubblico, così da attirare sempre più visitatori.






Leggete l’anteprima dell’ebook “Traffico in Target gratis” di Davide Geraci in uscita il 12 dicembre



DESCRIZIONE
Le migliori tecniche e i preziosissimi consigli di un esperto di SEO e traffico web per generare traffico gratuitamente e guadagnare online. Crea il tuo blog e metti in pratica tutti i trucchi e i segreti di questo ebook per far soldi attraverso il web senza spendere nulla in pubblicità!