16 set 2011

Come andare a vivere da soli senza un posto fisso

Ecco, basta decidere quando trasferirsi ed è fatta: andrete a vivere da soli. Non vedete l’ora, ma…c’è una vocina dentro di voi che vi fa dubitare di voi stessi. Ce la farete? Avrete fatto il passo più lungo della gamba? Vediamo alcuni trucchi.




Per prima cosa se abiterete in un appartamento di vostra proprietà potete considerarvi fortunati, non dovendo pagare nessun affitto o mutuo, il che di questi tempi non è certo poco. L’ideale è fare una vera e propria programmazione. Poi, ci sono moltissime persone che vivono senza avere un posto fisso eppure ce la fanno a vivere da sole, perché tu non dovresti farcela?


Prendi carta e penna e inizia a elencare tutte le tue fonti di reddito. Questo è anche un esercizio terapeutico, perché ti aiuta razionalmente a capire che in fondo non sei messo poi così male come credevi. Scrivi tutte le tue collaborazioni, se sei un freelance, da quelle più redditizie a quelle che lo sono decisamente meno.


Ora scrivi a matita quali altre fonti di guadagno potresti aggiungere alla lista. Per esempio, se ti hanno offerto di collaborare a un progetto e tu ancora non hai risposto, se hai trovato offerte e richieste su Internet, sono tutte collaborazioni potenziali che potresti aggiungere, dopo essere stato accettato. Inseriscile e quando hai tempo datti da fare perché si traducano in realtà.


Cambia pagina e per ogni collaborazione già in atto scrivi come potrebbe cambiare in meglio e aumentare le tue entrate. Per esempio, se collabori per un ente o un’agenzia che ha più settori e finora hai sempre lavorato concentrandoti solamente su uno, prova a pensare se potresti chiedere di lavorare anche in altri reparti. Per fare un esempio pratico, se sei freelance e scrivi per un giornale occupandoti di cronaca nera, potresti pensare di scrivere anche di sport.


Pensa anche ad altre tue qualità che potresti sfruttare. Se scrivi, puoi anche offrirti come correttore di bozze, oppure se conosci bene le lingue per le traduzioni dei testi. Se vendi qualcosa realizzato da te, scrivi come potenziare il tuo marketing anche offline, perché la Rete è molto importante, ma spesso ci si dimentica che esiste anche un universo oltre Internet.


Fai un rapido calcolo per capire, con le collaborazioni attuali quanto guadagni annualmente e poi somma quanto, potenzialmente, potresti guadagnare in più con nuove collaborazioni e nuove mansioni. Tieniti basso, perché non sai quanto ti potranno offrire per questi lavori.


Ora fai l’elenco delle spese di casa, dalle bollette di luce, gas, ai rifiuti, fino al cibo, senza dimenticare che dovrai sommare anche le spese per l’automobile, se ne possiedi una e altre spese extra. Scrivi come potresti risparmiare su tutto, ad esempio potresti evitare di consumare inutilmente benzina uscendo tre volte quando nello stesso giro potresti fare tutto, puoi sfruttare la luce naturale se hai una buona illuminazione e quindi usare meno l’elettricità, informarti sui dispositivi che funzionano con pannellini solari e donano luce gratuita la sera, puoi installare luci a led o basso consumo.


Prevedi due piccoli fondi: uno per regali e l’altro per eventuali emergenze. Fatto questo sei teoricamente pronto ad affrontare la tua nuova vita, dopo un periodo di rodaggio capirai che è tutto più semplice di come appare all’inizio.


Lara Zavatteri


Leggi il libro “La casa ecologica (e risparmiosa)" di Lucy Mae Sibling



DESCRIZIONE

Questo è un libro di fondamentale importanza per la salute della tua famiglia e di tutte le creature vi venti sulla Terra.

Sapevi che puoi pulire, disinfettare, rendere splendente la tua casa ed i tuoi abiti risparmiando centinaia di euro all'anno usando semplicemente pochi ingredienti donati dalla Natura e COMPLETAMENTE BIODEGRADABILI?

Fai del bene alla Natura e dimostra di amare te stessa/o, la tua famiglia, i tuoi animali donandoti e donando loro la semplicità e l'efficacia dei prodotti fai-da-te descritti in questo libro: consigli, formule, semplici ricette per una vita sana ed ecologica!