14 lug 2011

Come adottare un cane

A seguito del post scritto ieri in merito al modo di "Come organizzare una vacanza con il nostro cane", pubblico questo scritto per coloro che vorrebbero adottare un cane e non sanno da che parte iniziare. La prima opzione, purtroppo, è molto semplice, ovvero raccogliere i cani abbandonati per la strada.



Ogni anno infatti si ripete il fenomeno dell’abbandono dei cani, e non solo, sulle strade italiane. Animali che di colpo si trovano soli, senza più punti di riferimento, privati degli affetti, senza cibo né acqua, con poche possibilità di sopravvivenza perché spesso finiscono sotto le ruote di qualche automobile.


Se nella vostra vita volete fare spazio ad un amico a quattro zampe, potete iniziare dando aiuto appunto a qualche povero trovatello lasciato solo. Sia che abitiate in città sia che invece la vostra residenza sia in qualche paese, prima o dopo capiterà di vedere qualche cane lasciato allo sbaraglio e lo si riconosce da vari fattori. Il primo è che ha l’aria spaesata, può essere scontroso (non sa come comportarsi e chi ha di fronte), è sporco e denutrito. Se è stato appena abbandonato, può non avere nessuna di queste caratteristiche, se riuscite a leggere la medaglietta con il nome del proprietario provate a contattarlo, ma se è stato abbandonato non avrà targhetta.


Fate una ricerca per capire se il cane può essere di qualcuno, magari anche della zona o di qualche turista, perché potrebbe anche darsi che l’animale sia fuggito e i padroni lo stiano cercando. Fatevi aiutare da chi di dovere (ad esempio Vigili, le Forze dell’Ordine) e se accade che il cane è stato effettivamente abbandonato potete decidere di tenerlo.


Pensate a una vista dal veterinario, dopo averlo sfamato e pulito per bene. Non si sa cosa può aver mangiato durante i suoi vagabondaggi, né se ha subito percosse o lesioni o se ha qualche malattia da prima dell’abbandono. Il veterinario chiarirà tutti questi aspetti consegnandovi anche il libretto sanitario.


Quando portate a casa il cane, tenete presente che ha sicuramente sofferto la solitudine, specie se da un pezzo è stato abbandonato e che potrebbe essere un po’ aggressivo perché non si fida più delle persone (dopotutto anche chi diceva di volergli bene l’ha abbandonato!). Dategli tempo, preparate un posto per lui in casa con una cuccia e una coperta, le ciotole con acqua e cibo e avvicinatevi a lui gradualmente.


Abituatelo anche all’ambiente che lo circonda, portatelo fuori per brevi passeggiate che potrete aumentare in termini di tempo un po’ per volta. Ognuno di questi gesti gli permetterà di avere maggiore familiarità con la sua nuova casa.


Tutti questi accorgimenti valgono anche se scegliete la seconda opzione, ovvero l’adozione tramite un canile. Spesso queste bestiole hanno storie strazianti alle spalle e chi lavora in canile lo sa bene, la sofferenza accomuna ogni cane, perciò dovrete dare tanto amore al vostro nuovo amico. Ma anche se trovate altre bestiole abbandonate, come gatti o conigli o altri animali domestici ricordate che ognuno ha bisogno di tempo per fidarsi di voi, l’importante è garantire tutte le cure necessarie e tutto l’affetto di cui sono stati privati. Cani, gatti o altri animali adottati vi ricompenseranno con un affetto straordinario, perché gli animali sanno amare in maniera incondizionata e per sempre.

Lara Zavatteri




DESCRIZIONE
Chi trova un amico trova un tesoro: se poi l'amico è un cane, vale doppio. Un manuale con tutte le informazioni necessarie a chi vuole adottare un cane, salvandolo dalla strada o dal canile, o non sa se accettarne uno in regalo.

Come individuare i segnali sullo stato di salute, sulle caratteristiche fisiche, psicologiche e comportamentali. Le indicazioni per accoglierlo senza traumi, accudirlo, instaurare con lui un rapporto di comunicazione efficace. Con i consigli per riconoscere e prevenire i comportamenti indesiderati!