30 giu 2011

Come stare meglio scrivendo di noi

Ci sono situazioni in cui non si sa più che fare per uscirne. Allora, prendete carta e penna e iniziate a scrivere, sarà questa la vostra terapia.


Preciso subito che questo consiglio non intende essere sostitutivo di nessuna eventuale cura ma può essere un aiuto efficace per conoscersi e ridimensionare i problemi. Se siete delle donne da ragazzine quasi di sicuro avrete tenuto un diario “segreto” in cui ogni giorno scrivevate i vostri pensieri e ciò che vi era successo. Ecco, questo consiglio è la stessa cosa.


Prendete un diario, un’agenda o un quaderno robusto, magari bello da vedere anche esteticamente quindi colorato, una penna e quando avete del tempo libero scrivete come sta procedendo la vostra giornata, quali sono i vostri problemi e quali le vostre emozioni.


Potete scrivere sempre in un determinato momento, ad esempio la sera quando siete certi di non avere impegni e di non essere disturbati ma se ne sentite la necessità anche più volte al giorno e ovunque vi troviate. Basta infilare il diario in una borsa con una penna e potete scrivere dappertutto.


All’inizio scrivere le proprie emozioni, specialmente quando ci si trova in situazioni difficili, può apparire assurdo, una perdita di tempo e quasi ci si vergogna a farlo. Ma i vantaggi dello scrivere con regolarità di noi stessi sono molti e vanno oltre il senso di ridicolo che si può provare all’inizio. Perciò, iniziate nonostante quello che provate dentro di voi.


Il primo vantaggio è, come già ho accennato, che i problemi come per magia appaiono meno drammatici di quanto sono in realtà. Fissandoli sulla carta, scrivendoli, sembrano fare meno paura di quando sono nella nostra testa e s’ingigantiscono senza controllo. Alle volte capita che con la scrittura ci si rende conto di come siamo stati male per quella che in realtà era una sciocchezza, o di come non occorreva fare un dramma per quel problema, visto che la soluzione era dietro l’angolo. Insomma scrivendo i problemi “rimpiccioliscono”.


Il secondo vantaggio è che, giorno dopo giorno, ci si rende conto che possediamo risorse inaspettate, forze di cui nemmeno sospettavamo l’esistenza. Basta rileggere le note di qualche giorno prima per rendersi conto che da soli abbiamo superato delle situazioni. Pare incredibile, ma la maggior parte delle volte diamo per scontate queste capacità e rileggere aiuta a capire che siamo capaci, che possiamo farcela, proprio perché l’abbiamo già fatto in un passato recente.


Il terzo vantaggio è collegato al secondo: scrivendo comprendiamo i nostri punti di forza e quelli su cui invece dobbiamo lavorare, insomma riusciamo a conoscerci meglio. È un lavoro di introspezione che è utile per rafforzare il carattere e migliorarci in tutto.


Il quarto vantaggio è che scrivere permette di sfogare lo stress. Anziché sfogarci sulle altre persone o recriminare tutto il giorno, possiamo scrivere tutto quello che ci addolora o ci causa rabbia e frustrazione sul diario, così da buttare fuori tutti i sentimenti negativi ed iniziare a stare subito un po’ meglio.


Infine, non considerate la scrittura del diario come un obbligo, altrimenti non avrebbe senso. Se non ne sentite la necessità o il bisogno, potete non scrivere per quel giorno o anche per un periodo. L’importante è sapere che potete sempre riaprire il vostro confidente segreto e scrivere di voi.



Lara Zavatteri




Leggete il libro “Scrivere per crescere. Una guida per i mondi interiori” di Deena Metzger



DESCRIZIONE

La scrittrice e terapeuta Deena Metzger ci insegna a risanare tutto ciò che è frammentato, ferito o soffocato dentro di noi, e a sperimentare il miracolo dell’autoconoscenza e la gioia della creazione. In questo libro, fonte d’ispirazione sia per gli scrittori sia per chi non ha mai provato a scrivere nulla, l’autrice ci aiuta a esplorare noi stessi e la nostra creatività con diari, autobiografie, racconti, fiabe, sogni e miti, e ci propone le sue storie e numerosi esercizi, dimostrando come scrivere dia forma e significato alla vita, mentre il silenzio ci blocca nella sofferenza.


Compratelo su Il Giardino dei Libri

29 giu 2011

News ebook - Mercoledì 29 giugno 2011

L'Unità d'Italia negli ebook 
Il Quirinale ha annunciato la nascita di una collana di ebook dedicati alla storico anniversario. In questa pagina del sito del Quirinale si possono trovare i nove titoli, disponibili nei formati pdf, ePub e mobi, scelti per rappresentare l'Italia ...
 
App Nursery: Booklet-market 
Booklet-market, sviluppato da MyLab, è un market dove puoi trovare eBook gratuiti, libri a pagamento o persino pubblicare le tue opere. I libri sono suddivisi in capitoli per una lettura più semplice. La piattaforma quindi consente di acquistare libri ...
 
Alessandro Manzoni I promessi Sposi Ebook Versione Completa per PAD 
Link originale The Apple for you. È considerata l'opera più rappresentativa del Risorgimento e del romanticismo italiano e una delle massime opere della letteratura italiana. Dal punto di vista strutturale è il primo romanzo moderno nella storia di ...
 

eTelefonino.it
Anche se online gli esami non finiscono mai
Anche per la valutazione degli studenti europei l'e-book ha ormai definitivamente scalzato le vecchie pagine cartacee. Lo testimonia l'ultimo rapporto PISA-OCSE che valuta, per la prima volta, la destrezza nella lettura digitale degli alunni di 15 anni ...
 

West - Welfare Society Territory
Come scrivere e pubblicare eBook, software gratuito di Desktop ...  
Ti piacerebbe creare degli ebook? Nessun problema! Ti viene in soccorso Scribus! Scribus è un software free davvero speciale, ottimo e professionale nel creare dal proprio pc materiale da stampare e da pubblicare. Hai capito bene, potrai creare degli  

Creareonline News
Un cuore arido 
Dunque accendo anche il lettore ebook, che io ho affettuosamente ribattezzato Asclepius, e do una scorsa ai libri di cui dispongo e ne trovo subito uno che fra l'altro è stato uno dei primi che ho preso nella biblioteca qui vicino: un cuore arido. ho ...
 

ViViCooL
[USA] Gli eReader crescono più dei tablet 
E' per questo che preferiscono gli ebook reader, o meglio, i libri digitali, che sono più economici, non ingombrano e non pesano in borsa, a volte escono anche prima della versione cartacea. E libri digitali non significa solo romanzi ma anche PDF ...
 
Quo vadis, Italia? di Antonio Polichetti. Da oggi disponibile in ...
Cosa c'è dietro questo scenario di distruzione e rapine? Chi ne trae giovamento? Quali sono le forze economiche responsabili del disastro? ...
Come scaricare un ebook e i siti in cui trovarli
Ovviamente gli ebooks scaricati da qui sono quelli "ufficiali", mentre chi ... Non tutti sanno però che questo sito offre anche un'ampia scelta di ebooks da ...


Negli U.S.A. più eBook reader che tablet. Il 12% ne possiede uno.
Gli eBook reader sono infatti cresciuti dal 6% al 12%, mentre i tablet passano ... i tablet perdono terreno rispetto agli eReader man mano che l'età sale. ... 


WWW...Wednesdays (28)
(Cosa hai appena finito di leggere?) • What do you think you'll read next? (Quale sarà il prossimo libro che leggerai?) Quelle di seguito sono le mie ...

Paperblog
Intervista con…Antonio Tombolini – Simplicissimus (1^ parte)
Era da diverso tempo che Pianeta eBook non vi offriva un'intervista. ... Quante persone sono coinvolte quotidianamente nel tuo lavoro e con quali competenze ... 
Incipit, il primo prototipo di eBook reader era italiano 
eBook dovrebbe essere la traduzione di libro elettronico, non il contrario. A quanto pare, il primo lettore digitale di libri è nato proprio in Italia, dalla mente creativa di due giovani architetti italiani, per la precisione di Varese, oggi sposati, ...

Pianeta eBook
Gli eBook reader più popolari dei tablet 
Negli Stati Uniti i lettori eBook hanno oggi una popolarità maggiore dei più potenti tablet e negli ultimi mesi vi è stato un aumento consistente nelle vendite. Lo ha rivelato un recente rapporto effettuato da Pew Internet Research Center & American ...

Digital.it
Università: a lezione con l'ebook a Padova 
Avevamo accennato all'inizio dell'anno su ebookblog alla timida avanzata dell'ebook nelle università italiane. Tra i pioneri c'è l'ateneo di Padova, Facoltà di Economia, della cui sperimentazione si è occupato di recente il sito Walk on Job. ...
3 nuovi tablet per l'italiana Ekoore. Pascal il modello eBook friendly 
E proprio a proposito di Android, quello che meglio si presta al nostro intento (l'eBook reading sempre e ovunque!) è probabilmente il fratellino minore, Pascal. Schermo 7 pollici capacitivo, sistema operativo alla release 2.3 – che meglio si adatta a ...

Pianeta eBook (Blog)
Un anno di poesie a scuola in un eBook 
In questo caso gli alunni della classe 5° A della scuola primaria "Alighieri" di Collemarino di Ancona, coordinati dalle insegnanti Anna Severini per la parte creativa e Laura Ciarmatori per la parte tecnologica, hanno raccolto in un eBook un anno di ...
La riforma dell'editoria e la legge sul prezzo del libri 
Cosa succederà nel caso degli eBook, sul cui prezzo al consumatore pesa ancora l'iva del 20% invece che quella del 4% dei libri? Arriveremo al paradosso che il libro digitale costerà di più di quello di carta? Luca Codero di Montezemolo ha riproposto ...

Pianeta eBook (Blog)
Presentato al Coni a Roma "Ho provato a difendere un sogno" 
"Ho provato a difendere un sogno" è il titolo del volume presentato oggi in anteprima nazionale in versione cartacea (dopo quella ebook) a Roma presso l'auditorium del Coni nel convegno "Impianti sportivi e non solo, modelli di proprietà e di gestione" ...
Teoria degli infiniti 
Il libro è inserito nella collana Narratori della Fenice ed è disponibile anche in formato ebook per tutti gli appassionati di libri elettronici. La storia narrata da John Banville nel suo nuovo libro, Teoria degli infiniti, ...

Libri Blog (Blog)
Stallman: "Aprite le vostre Reti. E rifiutate la tessera del tifoso"
 Abbiamo cercato di capire con lui come faccia a vedere il diavolo (o meglio Stalin) in smartphone, ebook, Facebook e mille altri servizi. Partiamo dal software. Sembra impossibile oggi non usare programmi proprietari. Come si fa a evitarlo? ...

Wired.it 
Il classico pugliese viaggia in rete 
Sono 14 titoli tra romanzi, saggi e antologie, che ci potranno far trascorrere .... desideroso di conoscere che cosa c'è di buono da seguire come esempio, ... 
John Locke, l'uomo da un milione di ebook
Ma il vero problema sono i Private Label Rights, degli ebook fantoccio che vengono venduti a poco prezzo lasciando la possibilità all'acquirente di editarli ...

Tiscali

Come vendere i propri infoprodotti: i video

Un infoprodotto è un prodotto che vende informazioni a chi lo acquista e può essere in vari formati, ebook, mp3 o video. Se vuoi vendere un corso via video, ecco alcuni consigli.


Chiaramente, devi conoscere l’argomento che vai a trattare, devi cioè essere un esperto in quel settore. Questo non vuol dire che devi essere per forza un professore che insegna quella materia, anzi. Anche da soli si può imparare moltissimo, specie grazie alla Rete e testando poi in prima persona ciò che si andrà a proporre. L’essenziale è essere preparati.


Seconda cosa, il corso va diviso in vari video, da un lato perché altrimenti chi lo acquista dovrebbe sorbirsi pochi video troppo lunghi dall’altro per creare una continuità e quindi un legame con chi acquista. Ad esempio, puoi pensare di spedire il video via mail o comunque dare accesso ai video agli iscritti in un determinato lasso di tempo, uno ogni settimana, ad esempio.


Per realizzare il video tieni a mente che questo non deve essere, come detto, troppo lungo, altrimenti annoia. Inoltre, cura non solo la tua immagine, se crei un video in cui parli tu (altrimenti potrebbe essere un video che visualizzando un computer, per esempio, insegna i passi da fare per una determinata operazione) ma anche tutto ciò che si trova alle tue spalle. Dai l’impressione di un ambiente curato.


Anche la tua voce è importante. Chi acquista il corso deve capire cosa stai dicendo, poter tornare indietro per riascoltarti e così via. Scandisci bene le parole e spiega i termini difficili, fai le pause quando serve e non parlare troppo in fretta. Fai delle prove prima di iniziare a parlare, anche con un orologio per capire quanto tempo impiegherai a finire il discorso.


Se proprio non è indispensabile, non leggere. Leggere mentre giri un video dà l’impressione che tu non conosca l’argomento che stai trattando, perciò impara bene cosa dovrai dire e aggiungi anche delle tue esperienze personali così da metterti sullo stesso piano dell’ascoltatore: è un modo per suscitare simpatia e attivare un contatto con l’acquirente.


Puoi registrare un video con una fotocamera oppure con la webcam che utilizzi per il computer e salvare tutto sul computer. Apri un blog per farti conoscere e inizia a fare pubblicità al tuo corso, specificando tutti i dettagli necessari: com’è strutturato, di cosa si occupano i vari video, il costo e i benefici. Evidenzia sempre che sei a disposizione per altre domande prima e dopo l’acquisto e sii sempre disponibile.


Tramite un servizio d’iscrizione alla newsletter che puoi installare sul tuo blog o semplicemente facendo sì che chi vuole acquistare il corso possa farlo mandandoti una mail, invia i video a cadenza regolare. Sul blog ringrazia quando hai degli acquirenti e pubblica i loro commenti positivi.


Ricordati di fare un video finale che riassuma in sintesi il contenuto degli altri video, i punti salienti che l’utente potrà consultare quando ha bisogno, velocemente, di una soluzione al suo problema. Se poi prosegui con altri corsi, prevedi sconti o omaggi per chi ha già acquistato il primo corso, così da crearti una rete di fiducia di utenti soddisfatti.


Lara Zavatteri



Leggete l’ebook “Il mestiere di vendere informazioni” di Cristian Bernardelli



DESCRIZIONE

Da ormai qualche anno internet è diventata fonte di reddito per diversi navigatori. Vendere informazioni è un nuovo mestiere che ti garantisce di realizzare significative rendite senza grandi sforzi. Lavori una volta, guadagni per sempre...

All'interno di questo ebook scoprirai come realizzare interessanti contenuti testuali, convertirli in formato digitale (ebook, mp3, videocorsi, etc.) e infine distribuirli attaverso la rete.

Qualche buon motivo per iniziare oggi a vendere informazioni?!

L'investimento iniziale è pressoché irrisorio.
Una volta creato il prodotto digitale puoi rivenderlo in automatico milioni di volte.
Non richiede alcuna struttura con personale e costi fissi.
I ricavi sono prossimi al 100% (niente costi di produzione o materiali vari).
La richiesta di prodotti digitali è in continua crescita.

Compratelo su Il Giardino dei Libri

28 giu 2011

Come scoprire il proprio talento

Magari non ci avete mai pensato, oppure vi siete solo sottovalutati, o ancora non sapete quante opportunità offre oggi la Rete. Qualsiasi sia il motivo, tirate fuori il vostro, o i vostri, talenti nascosti!




Già, sembra facile a dirsi, ma come fare? Ad esempio un talento può essere ciò che fate normalmente come hobby, come il disegno. Magari avete sempre creato ritratti anche molto belli, ma per gli amici e niente più. Potreste pensare di iniziare a sviluppare questa dote attraverso alcuni passi.


Il primo è smetterla di pensare a questo potenziale talento come ad un passatempo. Se siete dotati per questa cosa, che sia il disegno, la scrittura, qualche attività manuale o musicale, perché relegarla al vostro tempo libero?


Il secondo è non sottovalutarvi. Finora avete sempre dato per scontata questa vostra capacità, ma in realtà non lo è per niente! Non tutti riescono, infatti, a fare ciò che fate voi.


Il terzo è capire a che punto siete. Sempre prendendo spunto dal disegno, cosa siete già in grado di fare, ad esempio riuscite a rendere un’immagine con la tecnica del chiaro scuro o altre tecniche? Quali sono i vostri punti di forza, cioè che cosa sapete fare alla perfezione e quali invece i vostri punti deboli, che devono cioè essere rafforzati?


Il quarto è ovviamente concentrarsi su ciò che ancora non sapete fare o che fate senza la sicurezza necessaria. Guardatevi intorno alla ricerca di tutti i modi per raffinare il vostro lavoro: corsi nella vostra città o altrove, guide o ebook, video che spiegano passo passo i procedimenti, Internet. Tutto è utile per farvi apprendere.


Il quinto, una volta raggiunta una buona preparazione, è capire che cosa si vuole fare di quel talento. Disegnando si potrebbe pensare di lavorare come freelance e vendere i propri disegni online, esistono molti siti che permettono di farlo, magari personalizzando anche oggetti con i vostri disegni. Cliccate su un motore di ricerca “vendere disegni online” e troverete molti spunti per iniziare.


Il sesto è pensare a come monetizzare la vostra attività. Scelto il sito (o anche più di uno se è consentito dal regolamento del sito stesso) aprite un conto su Paypal (cercate su Google e leggete tutte le istruzioni sul sito italiano) per ricevere i pagamenti in sicurezza e aprite un blog tutto dedicato alle vostre creazioni. Oltre, come al solito, una pagina fan su Facebook.


Il settimo è sfruttare il tam tam online. Per fare questo vi basta iscrivervi ai forum dedicati al vostro settore e iniziare a interagire con utenti che svolgono questo stesso lavoro. Inoltre, su questi siti potete trovare quasi sempre, oltre a molti consigli utili, anche le domande di chi offre lavoro, perciò si possono trovare occasioni per iniziare a lavorare.

L’ottavo è non limitarsi alla Rete. Certo Internet è una piazza virtuale immensa e ricca di opportunità, ma non dimenticare il mondo offline. Puoi offrirti per creare illustrazioni su testi, tesine, per biglietti di auguri o per occasioni particolari come battesimi, matrimoni, oppure puoi collaborare con realtà del territorio. Per esempio, se sei specializzata in disegni per bambini, puoi contattare un asilo.


Il nono è imparare sempre. Anche quando ti sembra di aver appreso tutte le tecniche e saper fare tutto, cerca delle novità da proporre e nuove cose da imparare. Sii sempre all’avanguardia ed attenta alle novità del settore.


Il decimo e ultimo è non scoraggiarsi. Ci vuole del tempo per trasformare un hobby in un lavoro, ma l’importante è non demordere.


Lara Zavatteri


27 giu 2011

News ebook - Lunedì 27 giugno 2011

Dati di vendita U.S.A., controsorpasso dei libri sugli eBook 
Libri ed eBook continuano a marciare appaiati nei dati di vendita del mercato editoria USA. Ma mentre 2 mesi fa erano stati gli eBook ad avere la meglio rispetto al cartaceo, questo mese i libri si riprendono lo scettro di prodotto editoriale più ...
 
Sony e Biblet gli eReader preferiti dai lettori – I risultati del ... 
Puntuale come (quasi) ogni lunedì, ecco l'esito del sondaggio di Pianeta eBook dello scorso sabato. Per chi non l'avesse ancora fatto, date un'occhiata e votate il sondaggio di questa settimana, dedicato al dispositivo sul quale leggete i vostri ...
 
Letteratura: la classifica dei 10 libri più venduti della ... 
Tanto si parla e si è parlato dell'eBook, ovvero il libro non cartaceo, ma in formato digitale, da poter leggere anche sui cellulari di nuova generazione, oltre che sugli appositi lettori. Ebbene, nonostante le resistenze psicologiche di molti, ...

Come fare le cose nonostante la paura

Ci sono momenti e situazioni nella vita di tutti in cui andare avanti sembra impossibile e l’unico sentimento che proviamo è la paura. A volte può essere motivata, ad esempio quando abbiamo timore per un evento che si deve verificare, ma spesso non lo è. Ecco come fare tutto nonostante la paura.



Per prima cosa, sappiate che la paura è una brutta bestia. Non è facile da dominare e da sconfiggere e può riuscire davvero a controllare e dominare la vostra esistenza. Perciò mettete in conto che per vivere e fare tutto nonostante la paura bisognerà impegnarsi.


La prima cosa che si fa quando ci si trova in situazioni di paura estrema è abbandonarsi alla tentazione di non fare più nulla, mollare per un po’ il lavoro, staccare il telefono, non avere più rapporti sociali e così via. Sbagliato! Il lavoro, anche se in queste situazioni diventa più pesante da portare a termine è indispensabile e può addirittura diventare un salvagente per tenervi a galla.


Inoltre mentre lavorate pensate meno alla vostra situazione ch vi crea paura e, cosa non meno importante, non avrete, in seguito, la sensazione di non aver prodotto nulla e aver solamente sprecato del tempo. Quindi non prendete ferie o aspettative, continuate e magari pensate a nuovi progetti. Certo la vostra paura non vuole, ma fatelo lo stesso.


La vostra paura può suggerirvi anche di non fare più alcune cose perché “tanto non ne vale la pena”, come ad esempio prendervi cura di voi e del vostro corpo, mantenere le amicizie e avere una vita sociale. Anche in questo caso, non lasciate che la paura abbia il sopravvento. Anche se ne avete, curate la vostra persona e sforzatevi di continuare a frequentare le persone di sempre.


Altra cosa da non fare è buttarsi in un angolo e deprimersi. Certo, è indubbio che in molte situazioni brutte questo capiterà, è normale perché l’uomo non è una macchina, ha dei sentimenti e quindi prova dolore, frustrazione, rabbia e sconforto. Anche se avete delle crisi ogni tanto non pensate di essere sbagliati, è impossibile controllare tutto specie quando non si sta bene. Però, evitate che questa diventi la regola. In poche parole, non gettatevi per giorni o settimane (se non mesi) sul divano a guardare la tv, mentre la vita va. Così avrete solo più paura.


La maggior parte delle paure che abbiamo sono immaginarie, anche se a noi sembrano più che reali. Dopo un forte trauma a molti capita di pensare con terrore di aver fatto o detto cose che in realtà non hanno mai commesso, o ancora di essere afflitti da mali inesistenti. Ad esempio, chi ha perso all’improvvviso una persona cara per una malattia, può esserne traumatizzato e convincersi di essere malato.

Farà di tutto per trovare prove che lo rassicurino, ma anche se il medico lo tranquillizzerà che è sano come un pesce, continuerà a cercare. È solo la paura immaginaria a farlo stare male e a fargli percepire un pericolo che non esiste. Per questo è indispensabile capire che è la paura a farci stare male, non la situazione, perché nella realtà non è accaduto nulla di male, anzi.


Quando avete paura spesso dimenticate come si fa a sorridere, ad essere felici, ad avere entusiasmo. Non frenatevi, anche se è difficile, meritate di divertirvi, anche se magari non lo credete. È solo la vostra paura a farvi credere il contrario. Fate progetti, vivete nonostante la paura e a poco a poco sparirà, non dategliela vinta!


Lara Zavatteri


Leggete l’ebook “L’invisibile opportunità della paura. La più primitiva tra le emozioni, "la paura", nasconde la più cercata delle sensazioni, "la libertà" di Ruben Nardini



DESCRIZIONE
Non importa cos’hai creduto, pensato o sentito in precedenza, oggi puoi cambiarlo!

Con questa semplice ma completa guida avrai la possibilità di ricodificare il significato di emozioni come la Paura, l’Ansia e il Panico. Questo non solo ti permetterà di liberarti dalle loro limitazioni, ma ti consentirà di trasformarle nella tua più grande opportunità di crescita personale.

Compratelo su Il Giardino dei Libri

25 giu 2011

News ebook - Sabato 25 giugno 2011

Pottermore: ebook di Harry Potter, giochi online e contenuti digitali 
Il piatto forte di Pottermore sarà l'attesissima versione ebook dell'intera saga di Harry Potter, ma ci saranno anche giochi online, contenuti digitali e materiale speciale tra cui, udite udite, informazioni aggiuntive sul mondo di Harry che l'autrice ...

Cinema Tuttogratis
500 aforismi e citazioni ad uso aziendale e non solo 
Gustave Flaubert E' questa la frase simbolo, estrapolata dalle cinquecento contenute nell'eBook "500 aforismi a uso aziendale e non solo – volume 1", scritto da Gianluca Gambirasio, che riassume bene il motivo che ci ha fatto venire voglia di leggerlo. ...
Agenda eBook – Tutti gli eventi dell'editoria digitale #23 
Se siete da quelle parti, potreste spingervi un po' più a Sud in attesa di Taobuk. Sarebbe un perfetto esempio di vacanza all'insegna della bellezza, che mette insieme natura e cultura! Continuateci a segnalare iniziative dedicate ai libri e agli eBook!
L'editoria al «margine del caos» 
JK Rowling, l'autrice di Harry Potter, sempre stata scettica nei confronti degli ebook, ha lanciato prima una sapiente operazione di marketing, annunciando il misterioso sito Pottermore. E poi ha dato una spallata violenta alle logiche tradizionali, ...

24 giu 2011

Il primo Bookcrossing Day ad Aosta

Il 30 giugno sarà possibile cercare libri gratuiti e liberarli in giro per la città, sono previste sorprese, anteprime e novità editoriali.


Dieci anni fa nasceva il movimento del bookcrossing, un progetto globale per la diffusione dei libri che coinvolge milioni di cittadini e di lettori di tutto il mondo. Aosta compresa: in occasione del Bookrossing day, previsto per il 30 giugno, centinaia di libri saranno liberati nel capoluogo regionale.



Il comitato Arcigay Articolo 3 Valle d’Aosta invita aostani e turisti a partecipare a un grande gioco collettivo molto diffuso in varie città italiane, ma da noi ancora relativamente nuovo.
Scopo del bookcrossing è far circolare i libri, abbandonandoli in luoghi pubblici, alla curiosità dei passanti. Alla base del bookcrossing ci sono la fiducia negli altri, la libera circolazione delle idee e il piacere della condivisione, lo stesso spirito che anima le comunità virtuali, come i social network, l’open source, il creative commons, Wikipedia e via dicendo, ma trasferito alla comunità dei cittadini reali. Ogni libro ha un codice di riferimento (BCID): inserendolo sul sito www.bookcrossing.com si possono leggere i commenti di chi l’ha trovato, vedere dove ha viaggiato. Chi lo trova è invitato a liberarlo nuovamente dove preferisce, magari con un commento.

Tra gli scopi della nostra associazione c’è la proposta di iniziative culturali per la promozione dell’uguaglianza sociale, al di là dei differenti orientamenti sessuali e delle identità di genere, e il contrasto all’omofobia e alla transfobia, perciò parte dell’iniziativa è dedicata allo scambio di libri cartacei ed e-book scritti da gay, lesbiche, bisessuali e transessuali (lgbt) e di libri a tematica omosessuale.

Cosa succederà il prossimo 30 giugno?
Aosta sarà invasa da libri liberati. Per il Bookcrossing Day l’associazione Articolo 3 mette a disposizione oltre un centinaio di testi, sia cartacei che e-book, e li distribuisce in alcune zone di scambio prestabilite: ben 17 Temporary Crossing Zone, distribuite in tutta la città, più l'unica Official Crossing Zone della Valle d’Aosta, “Le foglie di Lorien”, in regione Borgnalle 10/a.

Ci saranno libri di ogni tipo: di carta ed e-book, volumi appena stampati o libri usati, saggi e romanzi.
Presso la libreria A la Page di via Maillet 5, dalle 18 in poi, Arcigay Articolo 3 allestirà un'area bookcrossing a tematica lgbt, ossia con vari titoli scritti da gay, lesbiche, bi e trans o semplicemente con libri a tematica omosessuale. Sarà possibile prendere libri liberati o portare libri da liberare, testi già registrati (per abbinarli al codice basta collegarsi al portale italiano del bookcrossing, www.bookcrossing-italy.com) oppure da registrare sul posto.

I passaggi sono tre: etichetta, libera, segui. Chi porta un libro avrà in omaggio una piccola sorpresa.
In onore della nostra città, e in anteprima mondiale, Articolo 3 ha deciso di digitalizzare e liberare nel Pubblico Dominio un libro su di un grande personaggio valdostano, da molti riconosciuto come il vero inventore del telefono: il libro è "Innocenzo Manzetti di Aosta. Appunti e spigolature" di Tancredi Tibaldi. Chiunque il 30 giugno potrà passare dalla libreria e chiederne una copia.

Ricordiamo che anche al di fuori dell’iniziativa ai soci Arcigay è riservato uno sconto del 10% sul prezzo di copertina dei libri acquistati nella libreria A la page.
Non finisce qui: nelle Temporary Crossing Zone distribuite in giro per Aosta sarà possibile trovare altri libri, non solo a tematica Lgbt: qualsiasi testo, infatti, è il benvenuto. Basta cercare i cartelli con il simbolo del bookcrossing. Il vantaggio di queste zone di rilascio temporaneo è che sono aperte tutto il giorno. Articolo 3 rilascerà dei libri fin dal mattino, e rifornirà le zone più volte, ma tutti i cittadini sono comunque invitati a cercare e liberare libri.

Il Bookcrossing Day è stato organizzato in collaborazione con varie case editrici, che hanno gratuitamente messo a disposizione edizioni nuove, libri freschi di catalogo, ebook recenti, soprattutto a tematica Lgbt. Si tratta di Aliberti Editore, Edizioni Cinquemarzo, Falzea Editore, Iacobelli Editore, Instar e libri, Las Vegas Edizioni, La Sonda Edizioni e Tunué Edizioni.

Troverete informazioni supplementari, locandine e la mappa con segnalate tutte le crossing zone sulla pagina dedicata del nostro blog: Arcigay Aosta

Elena Tartaglione,
Presidente di Articolo 3
Arcigay della Valle d'Aosta

News ebook - Venerdì 24 giugno 2011

Quattro chiacchere con una giovane autrice di eBook
Una foto del mercato ebook vista dagli autori. Su DDay parliamo spesso di eBook, trattando delle nuove tecnologie nel campo degli inchiostri elettronici e display, e delle funzionalità dei nuovi lettori. Ma non dobbiamo dimenticare che la tecnologia è ...

DDay.it - Digital Day

Harry Potter, ebook e altre magie
Tutto il materiale sarà disponibile su Pottermore Roma - I fan di Harry Potter saranno felici di saltare nuovamente in sella al proprio manico di scopa: succederà quando, a breve, uscirà sul mercato online l'attesissima versione ebook della saga ...


Ebook, biblioteche e nuove tecnologie. Un seminario a Casa Oriani
Nella giornata di ieri in cui "La Repubblica" ha pubblicato in prima pagina un articolo sugli ebook, a Ravenna la Fondazione Casa di Oriani ha promosso un seminario su "Ebook e biblioteche" a cui hanno partecipato una sessantina di bibliotecari di ... 




Come autoprodursi un ebook? I consigli di Beppe Severgnini
John Locke è l'ex assicuratore che si è auto pubblicato diversi libri su Amazon, riuscendo a vendere in pochi mesi un milione di ebook. Ma come si fa a superare il rumore della Rete e farsi conoscere – e comprare – da così tanta gente? ...

Wired.it

Indignati d'Italia: un e-book per raccontarsi
Sulla scia del best seller di Stèphane Hessel Add editore lancia un e-book che raccoglie gli sfoghi dei ragazzi raccolti al Salone del Libro di Torino. «Mi indigno per la stupidità gratuita e vorrei ripartire sempre dal qui e ora». ...

La Stampa

Windows Phone 7: 300 eBook per bambini sul Marketplace
Entro la fine del mese, l'azienda di Redmond porterà sul Marketplace di Windows Phone circa 300 eBook per bambini pubblicati sullo store digitale di TouchyBooks. I libri interattivi per bambini di Touchybooks sono un'esperienza incredibile che aggiunge ...

Digital.it

Telefonica come Telecom: arriva il biblet spagnolo
Telefonica, la prima impresa di telecomunicazione spagnola ha lanciato sul mercato il proprio eBook reader, in tempo per presidiare il mercato prima che Kindle e iPad si spartiscano l'intera torta. E non solo, poiché Telefonica è presente nella maggior ...

Pianeta eBook (Blog)

Pan in eBook
Qualche giorno fa sono capitato per caso su questo post, in cui l'autore del romanzo si lamenta del proprio editore, ea causa di ciò, ha deciso di riproporre lo stesso romanzo (ndr rieditato) in formato ebook, al costo di un paio di sterline abbondanti ...

Paperblog

Bookcrossing day ad Aosta
Per il Bookcrossing Day l'associazione Articolo 3 mette a disposizione oltre un centinaio di testi, sia cartacei che e-book, e li distribuisce in alcune zone di scambio prestabilite: ben 17 Temporary Crossing Zone, distribuite in tutta la città, ...


Ebook gratis: Cosa fare di tutte queste parole
Ho cominciato con il rivedere, e rileggere alcuni dei post di questo blog. Il risultato è un libro elettronico dal titolo "Cosa fare di tutte queste parole". Ho solo aggiunto una breve bibliografia alla fine, a proposito dei libri che secondo me sono ... 

Come avvicinare bambini e ragazzi alla storia dell’arte

Anche se la scuola ormai è finita, vi propongo un libro che mi è sembrato interessante per gli insegnanti e per i ragazzi, ma volendo anche per i genitori, incentrato sulla storia dell’arte.



Mi è sembrato interessante perché, come trovate scritto nella descrizione dell’opera con questo testo si va a riempire un “buco” che effettivamente c’era a livello didattico, vale a dire la mancanza di un testo valido ma al contempo facile e sintetico per far conoscere l’arte ai più piccoli che ancora frequentano le scuole elementari e a quelli più grandi che frequentano le medie.


Esistono, infatti, molti testi pensati per avvicinare bambini e ragazzi a svariate tematiche, dalla scienza all’astrologia, dalla storia alla geografia, passando per le lingue straniere, ma è difficile trovare un testo dedicato alla storia dell’arte, che pure è una delle materie più affascinanti.


Vero è che l’arte è un territorio vastissimo e non facile da spiegare ai più piccoli, considerate poi che il libro in questione si sofferma molto sull’Italia, sui suoi tesori artistici di scultura e pittura e sul suo contributo dato al mondo dell’arte, che è immenso.


Eppure questo libro riesce a fare proprio questo: essere completo e anche approfondire temi e personaggi, ma anche correnti artistiche e tecniche di lavoro senza tediare e puntando su quanto è essenziale sapere, ma anche bello da guardare. Più specifico di un’enciclopedia, con immagini che affiancano il testo e permettono ai bambini di capire subito a che cosa il testo fa’ riferimento, ma anche di ammirare capolavori nei loro dettagli.


Anche l’idea di tenere sempre presente il periodo storico in cui si colloca un’opera o la vita di uno scultore o pittore è importante: spesso i bambini non riescono a collocare esattamente quando una persona è stata attiva artisticamente o quando una certa opera è stata creata e non si rendono conto, magari, di quanto tempo è passato rispetto al momento attuale.


Oltre a queste spiegazioni se ne trovano altre, come la formazione dei diversi colori che rendono il testo anche qualcosa con cui confrontarsi subito, perché tutti i bambini amano i colori, le tempere, gli acquerelli e imparare come si formano e cosa sono può essere entusiasmante.


Insomma questo testo lo trovo adatto a tutti gli insegnanti che il prossimo autunno si troveranno a dover insegnare i primi rudimenti, o a riprendere i temi di storia dell’arte interrotti attualmente e che possono utilizzare il libro come supporto alle lezioni. Anche per i bambini può essere un bel regalo, non solo a quelli cui piacciono questi temi, ma anche a coloro che ancora non li apprezzano e possono avere l’occasione per farlo. Se poi siete dei genitori e in vacanza decidete di visitare musei o collezioni d’arte, può essere un modo per coinvolgere anche i vostri figli nelle vostre visite culturali: mentre ammirate un dipinto o una scultura, anche i più piccoli potranno capirla leggendone la spiegazione sul loro libro.


Un libro bello da leggere ma anche da vedere, grazie alle immagini che fanno da corredo e lo rendono gradevole a tutti.

Lara Zavatteri



Leggete il libro “La mia prima storia dell’arte” di Bèatrice Fontanel


DESCRIZIONE

Un originale invito a passeggiare nella storia dell’arte, una vera e propria miniera di curiosità e notizie per rispondere a domande semplici… o molto complicate.

Come sono nate le prime opere d’arte? Perché gli Egizi rappresentavano sempre la testa di profilo? Come è fiorito il genio di Giotto, di Michelangelo o di Picasso? Quando sono stati inventati i tubetti dei colori? Gli artisti erano felici del loro mestiere e della loro vita?

Questo libro è pensato per avvicinare i ragazzi alla pittura e scultura, scritto con un linguaggio diretto, in cui ogni periodo artistico viene affrontato sulla doppia pagina, in una sintesi didattica efficace. Un libro godibile anche per genitori e insegnanti, da leggere tutti insieme, in famiglia come a scuola, come uno spettacolo per gli occhi e la mente. Compratelo su Il Giardino dei Libri

23 giu 2011

News ebook - Giovedì 23giugno 2011

E-Book, cosa sono? Chi li legge? e come? | FuturE-Shop
Ma che cosa sono questi e-book? Questo breve video prodotto da Barnes & Noble rende perfettamente l'idea delle grandi potenzialità di questa rivoluzione ...
www.futureshopping.it/.../e-book-cosa-sono-chi-li-legge-e-co...

Come impostare una buona sicurezza con Norton Antivirus

Internet è ormai entrato a far parte della nostra vita quotidiana, ma è sempre necessario stare attenti ai comportamenti che adottiamo al fine di non cadere vittime di truffe o di spam moleste. Ecco alcuni suggerimenti.



Il primo suggerimento è quello di installare sul vostro computer un buon antivirus, come ad esempio Norton Antivirus, in modo che il pc sia protetto sia come hardware sia per quanto riguarda la Rete. Non basta installare il programma e non fare più nulla, anche se il grosso del lavoro lo fa Norton.


Mentre navigate infatti può capitarvi di vedere apparire sulla destra (solitamente) dello schermo un messaggio di Norton: vi avvisa quando visitate un sito sospetto, oppure quando, ed è grave, qualcuno sta tentando di introdursi abusivamente sul vostro computer. Se Norton vi avvisa che il sito è pericoloso, lasciatelo subito, chiudetelo e passate ad altro. Se appare il messaggio d’intrusione fate altrettanto, ci penserà il programma a bloccarlo.


Norton ha diverse funzionalità, ma poche volte si conoscono quelle attivate. Se volete stare tranquilli e sapere cosa effettivamente è installato sul pc, cliccate l’icona di Norton Antivirus e vi apparirà una schermata. Nella prima parte vedete le protezioni in essere per il computer, ad esempio appunto l’antivirus, sotto invece quelle pensate per la Rete, come la protezione delle e-mail, del browser e dalle intrusioni. A lato vedete la scritta “attivato” se tutte le protezioni funzionano.


Se volete sapere nel dettaglio cosa sono e a cosa servono le varie protezioni, vi basta cliccare sulla i di informazioni, mentre se volete disattivarle cliccate, sempre da qui, il pulsante “ignora”. Non fatelo, perché è meglio avere sempre una protezione completa sia sul pc sia quando navigate in Internet.


Di tanto in tanto, cliccate da questa finestra su “esegui scansione” scegliendo la modalità rapida. Norton analizza tutti i file presenti sul computer, di qualunque tipo siano e in pochi minuti dà il suo responso specificando quanti file sono stati analizzati, quanti sono infetti e quanti sono stati riparati. Solitamente il programma fà tutto da solo e ripara automaticamente i file, ma con questa operazione ne sarete certi.


Altre informazioni le potete trovare sull’opzione “guida e supporto” che vi consente di ricevere aiuto in caso di necessità ma anche di sapere ad esempio quando scade il vostro abbonamento. Non è una cosa da poco, accertatevi che l’abbonamento sia valido e fate in modo di non trovarvi mai scoperti, quindi riattivate l’abbonamento subito, appena vedete che è necessario procedere.


Potete trovare altri antivirus gratuiti anche in Internet, basta fare il download e installarli. Uno dei siti che propone programmi di questo genere è html.it dove trovare periodicamente antivirus gratuiti. Prima di installarli leggete la descrizione e le prestazioni che l’antivirus offre.


Oltre a questo, naturalmente restano valide le solite raccomandazioni nell’uso di Internet e del computer, come quella di rimuovere i messaggi spam e non cliccare sui link, stare attenti a mail che magari non si trovano nella cartella spam ma che rimandano ad un destinatario sconosciuto, cancellare i file temporanei dal computer e così via.


Lara Zavatteri


Leggete l’ebook “Sicurezza sul Web. Come navigare protetti e in assoluta sicurezza su Internet” di Alessio Leoncini.



DESCRIZIONE

Scopri le tecniche per non lasciare tracce dei tuoi dati personali, impara ad effettuare operazioni anche delicate su Internet e a distinguere i siti sicuri da quelli a rischio!

Il tema della sicurezza sul web suscita ormai l'attenzione di tutti, date le innumerevoli truffe che ogni giorno si verificano su internet: clonazioni di codici, di password, violazione della privacy e tanto altro ancora.

Compratelo su Bruno Editore

22 giu 2011

News ebook - Mercoledì 22 giugno 2011

Gli ebook alla conquista del mercato (ma non quello italiano) 
Lo chiamano ebook. È un libro. O forse non proprio. Certo ha ben poco a che vedere con quel cofanetto di carta rilegata che per secoli ha riempito scaffali, scrivanie e cartelle scolastiche. Dicevano sarebbe stato il futuro. ...
 

Diritto di Critica
1 milione di copie vendute su Kindle: John Locke come Stieg Larsson 
Più specificatamente l'assicuratore sessantenne che autopubblicandosi su Amazon è riuscito a vendere più di 1 milione di copie dei suoi ebook. Ma andiamo per ordine. Con lo sviluppo del mercato dei libri digitali e soprattutto dei supporti che ne ...
 

Newnotizie
Dove trovare eBook gratis in italiano? Ecco alcuni utili portali 
Gli ebook gratis e per di più in italiano sembrano miraggi lontanissimi, impercettibili all'orizzonte della rete sempre più grande, ma anche più confusa. Come scovare libri digitali da fonti attendibili, sicure e soprattutto autorizzate? ...
 

NanoPress
Pan in ebook 
Dimitri si è accorto che nel contratto firmato con l'editore non erano contemplati i diritti sul formato ebook, cosa non improbabile visto che nel 2008 il mercato dei libri elettronici praticamente non esisteva. Ha quindi deciso di auto-produrre la ...
 

Fantasy Magazine
Più recensioni sul nuovo Pianeta eBook – I risultati del sondaggio 
Un po' in ritardo questa settimana, ecco l'esito del sondaggio di Pianeta eBook dello scorso sabato. Per chi non l'avesse ancora fatto, date un'occhiata e votate il sondaggio di questa settimana, dedicato alla scelta dell'eReader da utilizzare durante ...
 
Tablet Amazon con CPU TI OMAP a settembre 
Amazon, nota soprattutto per la produzione e distribuzione di ebook reader Kindle, starebbe lavorando alla realizzazione di un tablet basato su sistema operativo Android. Il dispositivo è pensato per interfacciarsi non solo con il lettore di libri ...

Come fare i canederli alla trentina

Se siete stati qualche volta in vacanza in Trentino Alto Adige, qualunque zona abbiate visitato, nel menù avrete visto e forse assaggiato i famosi canederli alla trentina. Se volete provare a farli anche a casa, ecco qui la ricetta.


Quelli di seguito sono ingredienti che ho pensato per un pranzo o una cena (meglio il pranzo, sono un po’ pesanti da digerire..) per quattro persone, regolatevi eventualmente per le dosi se volete dei canederli per due o per più persone.


Questi gli ingredienti: 1 kg di pane raffermo, 1/2 litro di latte, 1/2 “luganega” trentina (tipo salsiccia, chiedete in macelleria), volendo anche 100 grammi di speck sempre trentino. A seconda della zona del Trentino Alto Adige che avete visitato potreste aver mangiato canederli che nell’impasto, oltre a questi ingredienti di base ne hanno altri, ad esempio con altri tipi di carne, ma per i canederli normali utilizzate quanto descritto.


Altri ingredienti sono tre spicchi di aglio, 100 grammi di grana trentino, 100 grammi di burro, 150 grammi di farina bianca, 2 uova, circa 2 litri di brodo e in più odori quali prezzemolo e salvia, poi noce moscata, sale e pepe.


Procedete così. Prendete il pane raffermo, tagliatelo a cubetti piccoli e inseritelo in un contenitore capiente, aggiungete latte tiepido e lasciate riposare per almeno due ore. Nel frattempo tagliate la luganega e lo speck sempre a cubetti piccini e al momento giusto unite il tutto al pane, con in più il prezzemolo (regolatevi voi sulla quantità, serve per insaporire e dare colore al piatto) e aglio tritati in precedenza. Aggiungete sale, pepe, grana, noce moscata e le uova. Fate un’amalgama mescolando bene con le mani, aggiungete un po’ alla volta la farina e fate un impasto.


Quando l’impasto ha preso forma, modellate con le mani delle palline, grandi quanto una polpetta. Stendete sul tavolo un panno e appoggiateci le palline man mano che le fate. Quando avete finito tutto l’impasto, mettete il brodo sul fuoco e quando bolle aggiungete i canederli. Fateli cuocere per circa quindici minuti a fuoco lento.


I canederli devono restare compatti per tutta la cottura e non rompersi o sfaldarsi. Aggiungete solo un canederlo nel brodo, per fare una prova. Se si rompe, nell’impasto aggiungete della farina o del pane per renderlo più compatto. Quando sono pronti, potete portarli in tavola con il brodo e mangiarli così, che è il modo classico che si usa in Trentino. Oppure, potete proporre delle varianti, ad esempio servirli senza il brodo con burro fuso e salvia o una salsa che vi piace particolarmente.


Questi sono i tipici canederli del Trentino, se però volete altre varianti potete pensare di cambiare il brodo di carne in brodo vegetale, o utilizzare altri formaggi anziché il grana trentino, o ancora non inserire della carne se siete vegetariani. Ancora, potete inserire nell’impasto spinaci, funghi o una maggior percentuale di spezie per renderli più piccanti.


In Alto Adige potete trovare invece quelli che vengono chiamati “canederli dolci”, ripieni di albicocche o prugne, ma con una ricetta diversa dai canederli e simile a quella degli gnocchi.

Lara Zavatteri


Leggete il libro “La cucina delle Alpi. Valle d’Aosta, Trentino e Alto Adige-Südtirol , altre valli alpine” di autori vari.



DESCRIZIONE
La catena delle Alpi, pur nella sua asprezza, ha sempre garantito una notevole permeabilità culturale, ancora oggi attestata dalla presenza nelle nostre province più settentrionali di tradizioni ed elementi dell'Europa centrale e dei Paesi a noi confinanti.

Compratelo su Il Giardino dei Libri

21 giu 2011

News ebook - Martedì 21giugno 2011

Comunicare gli eBook: in Italia ci pensano i megastore
Pianeta eBook
E ci eravamo accorti che non esisteva materiale multimediale in italiano che spiegasse in modo semplice e diretto, attraverso video e testi, cosa sono gli eBook, gli eReader e così via. Avevamo provato a lanciare un appello agli editori e agli eBook ...
 



eBook, applicazioni e sviluppo nell'universita'
Presenti Marco Ferrario e Paola Galimberti Gli eBook marciano a ritmo serrato alla conquista del mercato. Quello dell'editoria da intrattenimento, da una parte, e quello dell'editoria professionale, dall'altra, in particolare il mondo accademico, ...
 


Guerra degli eBook reader, sorpasso Nook su Kindle?
Fin da quando è stato presentato al mondo il nuovo eBook reader Nook – per gli amici "the simple touch reader", ha fatto brillare gli occhi degli addetti ai lavori e degli avidi lettori di eBook. Insinuando un dubbio – quasi una certezza – nel nostro ...


Pianeta eBook (Blog)

Per la Lega è il kebab e non la 'ndrangheta a minacciare la sicurezza
Da oggi sulla libreria on line di terrelibere.org il nuovo eBook intitolato "Sì alla lupara, no al cous cous`. Il libro elettronico risponde a una semplice domanda: cosa minaccia la nostra sicurezza? Mafie straripanti, boss che puntano alla conquista ...



Anteprima: Arkana-Racconti da Incubo
Arkana-Racconti da Incubo sarà il primo titolo, si tratta una antologia di racconti horror in formato ebook, curata da me e da Daniele Bonfanti Arkana vuole offrire l'opportunità per tutti i lettori e appassionati di letteratura horror di conoscere le ...




Una biblioteca dalla quale potrete prendere in prestito un eBook comodamente seduti in poltrona o dall'altra parte del mondo, iniziandolo a leggere su un PC, proseguendolo su un iPad e terminandolo su un eReader Nook senza complicati passaggi e ...
 
Il mercato dell'editoria è stato certamente cambiato da ebook ed e-reader: diminuzione, con tutto ciò che ne consegue nel bene e nel male, del controllo dell'editoriale che deve capire come riformarsi, maggiore diffusione e possibilità di pubblico per ...
 
Tra un volume rilegato di fogli bianchi e un romanzo leggibile su un e-book reader, quale dei due è… più libro? 5. Come immaginate il futuro dell'editoria e della letteratura tenuto conto del "peso crescente" delle nuove tecnologie? 6. ...
 
Allora lasciatevi tentare da eFun che con il suo Next7 cerca di percorrere una strada diversa, con un prodotto che ha un display da 7″ capacitivo, Android 2.3 e molte app preinstallate, tra cui ASTRO File Manager, OfficeSuite Viewer, SlideME el'eBook ...