02 mar 2011

Come stare meglio con i libri

I libri, oltre ad essere una passione o un piacevole passatempo, possono aiutarti anche nelle situazioni difficili. Leggere un libro è un buon modo per non pensare, per essere più tranquilli e anche per ritrovare il sorriso.


Quando sei in crisi, puoi leggere ed acquistare libri sull’argomento: non tanto sul problema in sé, perché staresti ancora peggio, quanto sulla soluzione. Per esempio, se sei depresso e quindi vedi tutto nero, non comprare un libro che analizza i perché della depressione e le sue cause, compra un testo che spieghi come uscirne, come pensare positivo, come motivarsi, come trovare in te stesso le risorse per farcela.

Su Internet puoi trovare veramente di tutto e a prezzi ribassati, molte volte, rispetto alle librerie. Un ottimo sito in tal senso è Il Giardino dei Libri, con una ricca sezione sulla Pnl (Programmazione neuro linguistica) la psicologia e lo sviluppo personale. Puoi anche scegliere di acquistare un ebook, sono ancora più economici e puoi scaricarli in un attimo sul tuo computer, oppure scegli i testi cartacei se preferisci.

Quando arriva il libro, non leggere frettolosamente ogni pagina, cerca di concentrarti e sottolinea i concetti chiave riportati nel libro, così li fisserai bene in testa. Inoltre, se si tratta di un testo che propone degli esercizi, anche se a volte può sembrare noioso, falli e metti in pratica, nel quotidiano, i suggerimenti dell’autore. Il libro non dev’essere un testo fine a se stesso, deve aiutarti a superare i tuoi brutti momenti, perciò oltre a leggere devi agire.

Il libro normalmente è suddiviso in capitoli, leggili a diastanza di qualche giorno e pensa al testo come ad una sorta di corso. Devi imparare e capire cosa vuole dire il primo capitolo prima di essere pronto ad affrontare quello successivo.

Se sei in una situazione che ti sembra senza uscita, anche in questo caso un libro può aiutarti. Non sei certamente l’unico ad aver passato le pene dell’inferno per quel problema, tante altre persone prima di te hanno sicuramente avuto le tue stesse, negative, esperienze. Ma poi ne sono uscite e, spesso, lo raccontano in un libro. Leggi le loro storie: ti sentirai meno solo e capirai che una via d’uscita c’è sempre. Sempre!

Oppure, puoi leggere libri di qualunque genere, quindi non basati sulla tua esperienza o sulla soluzione. Scegli un libro che ti appassiona, preferibilmente “corposo” e quando hai tempo immergiti nella lettura. Se il libro è bello, non vedrai l’ora di metterti a leggere e avrai qualcosa di interessante da attendere nel corso della giornata e da fare. Inoltre, leggendo accade una sorta di magia: i tuoi problemi sono momentaneamente messi in un cantuccio e tu puoi goderti un po’ di tranquillità e di pace.


Puoi anche considerare la lettura come un arricchimento culturale, scegliendo ad esempio di conoscere le opere di un certo autore o di un dato periodo storico e commentandole su un quaderno, lasciando una traccia di cosa ti ha trasmesso il libro.

Infine, i libri sono utilissimi per far passare il tempo. Se sei in ospedale, se devi fare riabilitazione e si sa che in questi luoghi il tempo sembra infinito, fai scorta di libri. Non ti annoierai e il tempo passerà più velocemente.

Un libro può essere un vero amico, capace di farti riflettere, sorridere, di darti coraggio, di farti compagnia. Con un libro non si è mai soli ed è questo un altro motivo per cui leggere può dare una svolta alla tua vita.

Lara Zavatteri

Leggi il libro Come i libri mi hanno salvato la vita” di Brenda Walker.